Cromo, proprietà e benefici per la salute di questo minerale

di Alessia del 17 marzo 2018

Cromo: tutto quello che bisogna sapere su questo minerale, proprietà, benefici ed eventuali controindicazioni.

Cromo, proprietà e benefici per la salute di questo minerale

Il cromo è un metallo di colore grigio-argento, lucido e molto duro. Si tratta di un sale minerale prezioso per il nostro benessere.

Una volta che viene assorbito, viene poi trasportato dall’albumina e dalla transferrina. Si elimina per via renale e in parte attraverso il sudore, la bile e i capelli.

Cromo: benefici

Sono diversi i benefici per il nostro organismo, ma ricordate sempre che prima di assumerlo sarebbe opportuno chiedere maggiori informazioni al proprio medico di famiglia.

Regola l’insulina

Il cromo riesce a regolare i livelli di insulina, un ormone fondamentale del nostro organismo a cui sono deputate una serie di funzioni. Nello specifico ad esempio influenza il controllo dei grassi e del glucosio. Questo fa sì dunque che il cromo intervenga indirettamente nel ridurre l’insulino-resistenza, abbassare la glicemia e anche il colesterolo.

Cromo per dimagrire

Spesso si sente dire che il cromo aiuti a dimagrire. Questo avviene per tutta una serie di ragioni, prima fra tutte l’azione diretta sul metabolismo. Nello stesso tempo questo minerale agisce per rinforzare la massa muscolare, ridurre la massa grassa e aiuta anche a bruciare le calorie.

Per tutti questi motivi può essere considerato un valido alleato per chi sta seguendo una dieta dimagrante. Viene assunto spesso anche da chi soffre di sindrome metabolica e dislipidemia.

Un aiuto per le donne

Per le donne che sono in menopausa può essere utile integrare questo minerale nella dieta, in quanto i suoi livelli si riducono con l’avanzare dell’età. Ne può giovare il metabolismo, ma anche la prevenzione per il diabete.

cromo

In quali alimenti dove si trova?

Lo troviamo in diversi alimenti come carne, formaggi, nocciole, tuorlo d’uovo, lievito di birra, funghi, cereali integralipepe.

Inoltre è presente anche in molte verdure, come broccoliasparagibarbabietola. E ancora nei frutti di mare, nelle patate, timo, prugne, birra e cipolla.

Purtroppo spesso si ricorre agli integratori perché solo una minima parte di questo micronutriente viene assimilata attraverso l’alimentazione.

Carenza di cromo

Cosa succede al nostro corpo se si verifica una condizione di insufficienza? Si andrebbe incontro ad una forte intolleranza al glucosio resistente all’insulina. Inoltre si è visto che potrebbero verificarsi ipercolesterolemia e aterosclerosi.

Altri sintomi chiave che possono metterci in allarme sono una sensazione continua di stanchezza e affaticamento, perdita di peso o accumulo improvviso, stress, alterazioni dell’umore.

Scopri le carenze da altri minerali:

Intossicazione da cromo

Negli ultimi anni si è scoperto che il cromo utilizzato a livello industriale, ad esempio per la realizzazione di vernici o leghe inossidabili, può diventare tossico per le persone.

In questi casi difatti, si lega ad altri composti ed assume la formula chimica del cromo esavalente. Possono verificarsi dermatiti, ulcere a livello cutaneo, sanguinamento del naso e problemi respiratori, deficit del sistema immunitario, danni al fegato e persino tumore ai bronchi.

Diverso è il caso del cromo trivalente, che è assolutamente innocuo per la nostra salute.

Dosi e modalità di utilizzo

Questo minerale viene venduto generalmente sotto forma di compresse o di fiale. Ne bastano una al giorno, da assumere al mattino. In caso di diabete, ipoglicemia e per le donne in stato di gravidanza è vietata l’assunzione.

Le dosi consigliate sono le seguenti:

  • bambini fino a 5 mesi: da 0,01 a 0,04 mg
  • da 5 mesi a 1 anno: da 0,02 a 0,06 mg
  • da 1 a 3 anni: da 0,02 a 0,08 mg
  • dai 4 ai 6 anni: da 0,03 a 0,12 mg.
  • Oltre i 7 anni, adolescenti e adulti: da 0,05 a 0,20 mg.

Ecco dove trovare tutti gli altri sali minerali fondamentali per la nostra salute:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment