I segreti della Gypsophila, la pianta nota anche come Fiore nella nebbia o Velo da sposa

di ScriBio del 30 Settembre 2019

La Gypsophila paniculata o comunemente gipsofila è una pianta perenne che torna a fiorire ogni anno, che si coltiva con facilità in terreni normali, ben drenati e con buona esposizione al sole. Il nome più comune con il quale è riconosciuta questa pianta è ‘velo da sposa’, oppure ‘fiore della nebbia’ oppure ‘fiore di gesso’, per la delicatezza e le tonalità di colore dei suoi fiori .

I segreti della Gypsophila, la pianta nota anche come Fiore nella nebbia o Velo da sposa

Gypsophila: descrizione 

La Gypsophila è una pianta di altezza medio – bassa,  dall’aspetto delicato, che appartiene alla famiglia delle Caryophyllaceae, originaria dell’Europa, dell’America e dell’Asia.

E’ una pianta perenne coltivata come annuale, che si compone di steli lunghi, sottili e densamente ramificati, che arrivano ad una altezza massima di 1 metro e minima di 8-10 cm.

  • Le foglie sono lanceolate e sottili, di colore verde argenteo
  • I fiorellini sono tantissimi bianchi, rosati o rossi e la fioritura rende questa pianta molto ornamentale . La fioritura comincia in primavera e si protrae per lungo tempo, talvolta si può ripetere in tarda estate.

Attenzione: i fiori e lo stelo della pianta Gypsophila sono tossiche e possono provocare gravi irritazioni del tratto intestinale, se ingerite.

Varietà della Gypsophila

Sono molte le varietà della specie Gypsophila, che denotano differenze nelle dimensioni, nel fogliame o nella fioritura.

Le più comuni sono:

  • Aretioides che presenta fiori bianchi o rosa pastello che sbocciano a giugno.
    Briquetiana che fiorisce in giugno con fiori grandi, bianchi o rosa pallido, venati di viola.
  • Fastigiata Silverstar offre tra luglio e agosto  dei bei fiori bianchi, profumati e a forma di stella
  • Muralis che presenta foglie verde brillante e fiori rosa pastello
  • Nana con bellissimi e delicati fiori rosa che compaiono su steli molto corti, tra maggio e giugno
  • Pacifica, che fiorisce in estate con fiori bianchi o rosa. La pianta è la più alta, 90-120 cm.
  • Paniculata Bristol Fairy si caratterizza per i fusti esili, le foglie sottili e i fiori doppi bianchi che fioriscono in estate. Questa specie viene spesso usata per realizzare i bouquet delle spose o le composizioni floreali delle nozze.
  • Paniculata Fairy Perfect la cui fioritura è composta da fiori doppi rosa a forma di nuvole compatte
  • Repens Rosea pianta della famiglia della Gypsophila, perenne, nana, che produce piccoli fiori stellati rosa tenue a fine primavera
  • Tenuifolia, una specie che presenta fogliame aghiforme e fiori dal bianco al rosa pallido.
gypsophila

Non è un caso che questi delicati fiorellini siano un must per il bouquet da sposa!

Gypsophila: come si coltiva 

La Gypsophila può essere coltivate in esterni: bene si presta su costoni rocciosi per bordare le aiuole dei giardini. Questa pianta cresce bene anche in vaso.

Habitat

Essendo una pianta perenne di base è una pianta che si gestisce bene da sola, ha bisogno di poca attenzione. Ama i luoghi soleggiati ma in estate, quando il sole diventa troppo caldo, si consiglia di metterla in una zona ombreggiata perché troppo caldo e raggi di sole troppo intensi potrebbero farla soffrire.

Inoltre, nonostante sia delicata ma forte, necessita di restare in un ambiente riparato da forti venti o dalla pioggia che potrebbe rovinare i fiori. Ideale trovare per la pianta un posto al riparo magari a ridosso di un muro.

Temperatura

Il fiore della nebbia non teme il freddo e resiste bene alle alte temperature. La sua temperatura ideale è comunque mite, senza scendere sotto i 10 gradi o salire oltre i 25.

Terreno

Il terreno ideale dove far crescere una  Gypsophila è un terreno ben drenato e fertile, possibilmente calcareo e ricco di materiale come perlite e argilla espansa dall’alta capacità drenante.

Vietato piantare il fiore della nebbia in un terreno stagnante o con pH troppo basso: questo causerebbe alla pianta la mancata fioritura oppure problemi di malattie.

Annaffiature

Il cosiddetto fiore della nebbia deve essere annaffiato con regolarità durante i periodi secchi e facendo attenzione che il terreno sia asciutto. Non ama infatti il ristagno dell’acqua che la renderebbe sensibile ad alcune malattie come il marciume delle radici. Questa pianta resiste a periodi di siccità ma non tollera gli eccessi di acqua.

Soltanto le piantine giovani vanno annaffiate con maggior frequenza.

Durante l’inverno si può evitare di annaffiare finché il terreno non si presenti del tutto asciutto.

Concimazione

La concimazione avviene durante la primavera, quando fiorisce.  Va somministrato del concime complesso specifico per piante da fiori anche granulare a lento rilascio.

Quando fiorisce

Il velo da sposa fiorisce nel periodo dei matrimoni: dalla primavera fino alla fine dell’estate.

Gypsofila: come si riproduce 

La riproduzione della pianta di Gypsophila avviene durante l’autunno tramite seme o per talea.

In caso di riproduzione per seme si consiglia di seminare alla fine dell’inverno se in semenzaio oppure a fine primavera se viene eseguito in terra.

Nel caso di riproduzione tramite semenzaio, il contenitore va riempito  con un miscuglio composto di torba e sabbia in parti uguali. I semenzai devono essere tenuti in luogo ombreggiato, umido e al riparo dal freddo. Quando le piantine saranno germogliate allora si può spostare il contenitore al sole mantenendo il terreno sempre leggermente umido e tenendo il vaso riparato.

gypsophila

Malattie e parassiti

Le Gypsophile soffrono soprattutto il marciume radicale causato da un terreno troppo umido e poco drenato.

Teme inoltre l’attacco degli afidi neri, ma avviene di rado perché la pianta è rustica e resistente.

Rimedi naturali

Per combattere l’attacco degli afidi sulla pianta di Gypsophila si consiglia di preparare una soluzione a base di acqua e aglio lasciato a bollire. Il liquido deve essere vaporizzato sulla pianta infestata.

Gypsophila e i matrimoni

La gipsofila viene usata per realizzare le belle ed eteree composizioni floreali dedicate alla feste nuziali.

I fiori sono infatti dei delicati corpi sferici che formano nel loro insieme una nuvola leggera come un velo della sposa.

In particolare questi bei fiori bianchi o rosa pallido vengono usati per il bouquet delle sposa, sulle tavole dei banchetti nuziali e per abbellire l’altare delle chiese.

Curiosità sulla Gypsophila

  • Nel linguaggio dei fiori la Gypsophila Paniculata simboleggia la delicatezza e la leggiadria.
  • Il nome in inglese di questo fiore è ‘baby’s breath’ (respiro di un bambino) che ricorda il movimento dei delicati fiori al soffio del vento.
  • Il significato etimologico della Gypsophila è ‘amante del gesso‘. Il nome botanico potrebbe derivare dal tipo di terreno più idoneo alla sua coltivazione:  terreno calcareo.

Altre informazioni utili

Ti è piaciuto questo approfondimento sulla Gypsophila? Ti segnaliamo anche le altre schede delle piante perenni da giardino pubblicate fino ad oggi:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment