Come conservare le erbe aromatiche

di Eryeffe del 9 settembre 2015

Sapete come conservare le erbe aromatiche durante l’anno? ecco alcuni metodi naturali che preservano il gusto e l’aroma delle piante fresche molto a lungo.

Abbiamo visto che uno dei metodi naturali migliori per conservare le erbe aromatiche e mantenerne il sapore, il colore e l’aspetto inalterato nel tempo è l’essiccazione, un procedimento low cost e davvero semplice da riprodurre in casa che consente di ottenere ottimi risultati in tempi relativamente brevi, ma per chi di noi non avesse lo spazio (o la pazienza!) necessarie, esistono altri metodi per conservare le erbe aromatiche in modo semplice ma efficace.

Potrete così utilizzare le vostre aromatiche preferite durante tutto il corso dell’anno. Vediamone insieme alcuni.

Come conservare le erbe aromatiche: tutte le tecniche e i suggerimenti

Eccovi elencati di seguito i procedimenti principali che potrete seguire per la conservazione delle vostre erbe aromatiche con i pro e contro di ciascuno.

Leggi anche: Come essiccare le erbe aromatiche

Come conservare le erbe aromatiche con il congelamento

. Optare per questo metodo significa operare una selezione ben precisa delle erbe da conservare poiché non tutte le aromatiche si prestano ad essere congelate. Quelle più adatte sono le erbe a stelo morbido come il basilico, il dragoncello, l’erba cipollina e il levistico. Dopo averle lavate con cura e asciugate delicatamente con un canovaccio pulito, staccate le foglie o in singoli rametti dallo stelo principale e disponete le erbe in un contenitore o in un sacchetto da freezer. Etichettate, datate e riponete nel congelatore. Consumate preferibilmente entro tre mesi dalla data di congelamento, le vostre erbe manterranno intatto tutto il loro profumo e sapore. In molti casi le aromatiche possono essere congelate direttamente in vaschette per il ghiaccio, sotto forma di cubetti (1/3 di erbe per 2/3 di acqua) oppure di emulsione a base di olio extravergine d’oliva (olio al basilico pronto all’uso).

Come conservare le erbe aromatiche sott’olio

A patto che l’olio sia di ottima qualità e che il luogo in cui le riporrete sia fresco e al buio, la conservazione sott’olio vi garantirà un buona riserva di olio aromatizzato per almeno sei mesi. In questo caso il consiglio è di non separare le foglie dai rametti ma di riporre gli steli della pianta direttamente in un vasetto o in una bottiglia, bella anche da esporre in cucina. Quello che otterrete nel giro di qualche settimana è un olio profumato che potrete utilizzare per insaporire e aromatizzare i vostri piatti preferiti e le insalate.

Potrebbero interessarti: 

Come conservare le erbe aromatiche sotto sale

Il sale grosso non è solo un ottimo conservante per le erbe aromatiche ma anche uno degli ingredienti-base per la preparazione di un insaporitore alle erbe genuino e naturale. L’alternativa fatta in casa al dado o agli insaporitori commerciali che troviamo sul banco del supermercato – per intenderci – ma assolutamente digeribile, senza conservanti e decisamente più economico! Per farne una bella scorta vi occorreranno:

  • 250 gr di prezzemolo
  • 150 gr di basilico
  • 100 gr di salvia
  • 100 gr di rosmarino
  • 50 gr di timo
  • 30 gr di erba cipollina
  • 3 peperoncini rossi essiccati
  • 2 kg di sale grosso

Preparazione. Lavate e sminuzzate accuratamente le erbe (al coltello), e unitele in una terrina con il sale grosso. Una volta amalgamato bene il tutto conservate in barattoli ermetici e riponete in un luogo fresco e asciutto. In alternativa è possibile conservare sotto sale le erbe intere disponendole a strati in un contenitore di vetro e alternando gli strati di erbe a quelli di sale. E’ un’ottima base per i soffritti.

Come conservare le erbe aromatiche

Come conservare le erbe aromatiche: seguite i nostri consigli

SPECIALE:

Come conservare le erbe aromatiche sott’aceto

Le erbe aromatiche che meglio si prestano a questo tipo di conservazione sono il basilico, l’alloro, l’origano, la maggiorana, il timo, l’erba cipollina, l’aneto, la menta, il prezzemolo e la salvia. Lavate con cura le vostre erbette, scolatele e lasciatele asciugare su un panno ben distanziate tra loro. Dopo un paio di ore, quando l’umidità sarà quasi del tutto evaporata, sfregatele leggermente per sprigionarne l’aroma e riponetele in un contenitore di vetro riempendolo fino all’orlo con aceto di mele o di vino bianco. Chiudete ermeticamente il contenitore e lasciate riposare per tre settimane prima dell’utilizzo.

Sempre a proposito di erbe aromatiche vi segnalo anche il contenitore Sense salva freschezza per erbe aromatiche della Tescoma:

Immagine via Shutterstock

Eccovi infine altre ricette di conserve fatte in casa che potrete provare in piena autonomia:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *