Colocasia esculenta o taro, il tubero polinesiano da mangiare

di Elle del 27 giugno 2017

Tra i tuberi esotici, il taro o colocasia esculenta si caratterizza per la consistenza croccante della sua polpa bianca, tale da assomigliare molto alla comune patata.

Colocasia esculenta è il nome scientifico di una pianta originaria delle isole del Pacifico, meglio nota come taro. I tuberi della pianta sono simili alla patata e dai rizomi si produce una farina. Rappresenta un ingrediente basilare nella dieta delle popolazioni di Oceania, Africa e Isole Hawaii.

In Italia è poco conosciuto per gli usi alimentari mentre è più diffuso per l’aspetto ornamentale della pianta. Per le dimensioni delle sue grandi foglie viene chiamata “orecchie d’elefante”.

Colocasia esculenta: caratteristiche e proprietà

Questo tubero esotico di piccole dimensioni è ricoperto da una buccia scura e da polpa bianca e di consistenza croccante.

colocasia esculenta

Colocasia esculenta: è un tubero anche noto come taro.

Dai rizomi si ricava una farina e un amido rinomato per le sue proprietà lenitive Dal punto di vista nutrizionale, è interessante per la concentrazione di fenoli insieme a vitamine e sali minerali.

Tra queste si trovano, in particolare, vitamina E e B6 e minerali come manganese, fosforo, potassio e zinco. Il taro, inoltre, è rinomato anche come ricca fonte di proteine vegetali.

SPECIALE: Quali sono le diete più seguite e famose?

Colocasia esculenta: come mangiarlo

Questo tubero va sottoposto a cottura prima di consumarlo. Da crudo, infatti, contiene sostanze tossiche. Occorre infatti prestare attenzione anche al contatto con gli occhi quando si maneggia la polpa del taro a causa delle possibili irritazioni.

colocasia esculenta

Colocasia esculenta: da cruda contiene sostanze potenzialmente tossiche.

Una volta cotta, invece, presenta proprietà nutritive simili a quelle della patata. Per la preparazione di pietanze etniche il taro viene stufato o cotto alla brace oppure utilizzato come contorno.

DALLA POLINESIA: L’albero del pane, il nuovo superfood

Si può friggere come avviene con le normali patatine o, ancora, lessarlo e renderlo un purè. A volte viene, inoltre, impiegato anche come dessert, fritto e zuccherato.

Altri tuberi da scoprire o approfondire:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment