Ecco come pulire l’ottone: tutti i rimedi per renderlo lucido e brillante

di ScriBio del 30 Marzo 2019

Per pulire l’ottone che può con il tempo sporcarsi e ossidarsi esistono in commercio diversi prodotti più o meno aggressivi. Esistono però tanti rimedi naturali efficaci realizzabili con pochi semplici ingredienti.

Ecco come pulire l’ottone: tutti i rimedi per renderlo lucido e brillante

Cos’è ottone

L’ottone è una lega formata da zinco e rame molto utilizzato fin dai tempi antichi per realizzare oggetti di ogni tipo. Già conosciuto all’epoca dei Romani, l’ottone ha cominciato a diffondersi in maniera capillare a partire dal Medioevo, specialmente per la produzione di oggetti e suppellettili ecclesiastici.

Oggi viene principalmente usato per la realizzazione di maniglie, serramenti, corrimano, complementi d’arredo e bigiotteria.

Ottone: campi di impiego

Dove troviamo l’ottone? In tantissimi oggetti di uso quotidiano come:

  • apparecchiature elettriche, impianti elettrici, scambiatori, piastre
  • bulloni, viti, ingranaggi, minuterie metalliche
  • complementi tecnici e d’arredo
  • cerniere, serramenti, maniglie
  • monete, targhe, medaglie, decorazioni
  • rubinetti, valvole, radiatori, tubazioni
  • strumenti musicali

Perché si usa l’ottone?

Perché l’ottone è molto resistente a corrosione e usura, resistente alle temperature e durevole nel tempo. Unico difetto è l’ossidazione che ne causa opacità e lo rende scuro.

L’ottone deve essere pulito e lucidato con cura: riportare l’ottone all’originale lucentezza è possibile grazie all’uso di prodotti chimici specifici e a vari rimedi naturali che permettono la pulizia dell’ottone.

come pulire l'ottone

Attualmente, l’ottone è utilizzato principalmente per la realizzazione di maniglie, serramenti, corrimano, complementi d’arredo e bigiotteria.

Come pulire l’ottone 

Oggi ci sono in commercio diversi prodotti specifici per pulire l’ottone, ma si possono ottenere ottimi risultati anche con metodi più naturali. L’importante è utilizzare sempre per strofinare un pannetto molto morbido che non lo graffi.

Attenzione non usare mai spazzole a setole dure, pagliette metalliche, carta vetrata o qualunque altro strumento abrasivo che righerebbe la superficie in ottone. Per pulire l’ottone usare solo spugne o panni morbidi o spazzolini da denti a setole morbide.

Qui di seguito i rimedi più comuni per ogni caso specifico.

Pulizia dell’ottone: i rimedi naturali 

Per pulire l’ottone si possono preparare dei composti naturali fai da te con i quali strofinare per restituire bellezza all’oggetto in ottone.

Sapone di Marsiglia: riempire una bacinella di acqua calda con disciolto il sapone di Marsiglia a scaglie. A questo punto immergere l’oggetto in ottone nella vaschetta e lasciarlo in ammollo per 3 ore. Sciacquare e asciugare bene. Quindi con uno spazzolino da denti a setole morbide imbevuta di acqua e sapone di Marsiglia completare la pulizia e asciugare con un piccolo panno morbido.

Succo di limone e aceto: preparare la miscela di limone e aceto in una bacinella. Con un panno imbevuto sfregare bene l’oggetto in ottone. Questi due prodotti insieme toglieranno ogni traccia di ossidazione.

Acqua calda e bicarbonato: mescolare acqua e bicarbonato fino ad ottenere una crema e applicare sull’ottone: lasciare agire per 10 minuti e risciacquare con acqua calda e limone. Infine procedere all’asciugatura con un panno morbido.

Aceto, sale fino e farina: preparare una ,miscela con aceto bianco, sale da cucina e farina ed applicare strofinando con un panno la crema così realizzata sull’oggetto. Sciacquare in acqua tiepida e asciugare bene.

Pulire oggetti piccoli di ottone 

Per pulire piccoli oggetti in ottone anche minuteria ossidata si consiglia di preparare un composto con acqua tiepida e sapone di Marsiglia e lasciare gli oggetti in ammollo per mezza giornata. In questo modo le macchie più scure verranno eliminate. Si procede poi con il risciacquo e l’asciugatura.

Pulire oggetti in ottone molto vecchi

Per pulire oggetti molto vecchi in ottone si consiglia di usare aceto e ammoniaca: si tratta di una tecnica efficace per pulire l’ottone soprattutto su oggetti davvero usurati.

Immergere l’oggetto in una miscela  di aceto bianco e ammoniaca e lasciare per massimo un’ora. Pulire con uno spazzolino i piccoli intarsi e risciacquare bene e asciugare con un panno morbido.

Lucidare l’ottone 

Per dare luce all’ottone si consiglia:

  • l’olio di lino è consigliato per rendere lucido l’ottone. L’olio di semi di lino elimina le macchie nere e strofinando bene con un panno si riesce a rendere l’ottone molto lucido. Inoltre l’olio che rimane anche di eliminare le macchie nere, che tendono a crearsi sull’ottone negli anni. Infine, grazie all’impiego di quest’olio potrete anche creare una patina protettiva, che rende questo materiale più lucido e pulito nel lungo periodo.
  • succo di limone, sale, aceto e bicarbonato: una crema composta da questi prodotti naturali è perfetta per ridare luce all’ottone. Ricoprire l’oggetto con la crema e lasciare agire per 1° minuti. Risciacquare con acqua tiepida e asciugare con un panno morbido.
  • aceto e sale: per lucidare l’ottone si consiglia di preparare una crema a base di aceto e sale da cucina. Mescolare e passare sull’oggetto in ottone come un qualsiasi prodotto per pulire. Poi risciacquare e asciugare con un panno morbido.
  • cera: per lucidare bene l’ottone è possibile anche utilizzare la cera sempre stesa sull’oggetto con un panno non abrasivo.

Come pulire l’ottone verniciato 

Cos’è l’ottone verniciato? E’ ottone ricoperto da vernice trasparente che protegge e rende lucido più a lungo. Per pulire l’ottone verniciato si consiglia l’uso di acqua tiepida e sapone delicato, facendo attenzione ad asciugare bene per non lasciare residui di acqua.

Attenzione: se l’oggetto in ottone verniciato presenta delle lesioni alla vernice è il caso di rivolgersi ad un esperto che provvederà alla rimozione della vecchia vernice e alla nuova verniciatura.

come pulire l'ottone

Quanto più antico è l’oggetto, tanto più opportuna è la delicatezza e la cura nelle operazioni di pulizia.

Come pulire l’ottone cromato della cucina 

Un esempio comune di ottone cromato è quello presente nelle nostre cucine. Il metodo consigliato per pulire l’ottone cromato delle cucine è il sale, per diversi motivi:

  • è economico
  • è presente in ogni cucina
  • è igienico e ad uso alimentare

Come procedere:

  • smontare ogni pezzo della cucina in ottone: pomelli, manico del forno, fuochi
  • indossare i guanti per proteggere le mani
  • mettere nel lavello con acqua tiepida e detersivo sgrassante
  • usare una spugnetta non abrasiva per togliere la prima sporcizia
  • sciacquare con acqua abbondate
  • cospargete con sale fino e con un po di succo di limone
  • lasciare agire per 1 ora
  • sfregare con una spugnetta morbida
  • sciacquare bene con acqua fredda
  • asciugare con un panno morbido

Questa pulizia va eseguita ogni 15 giorni.

Pulire l’ottone con farina, sale e aceto  

Ecco come procedere nel pulire l’ottone con una miscela a base di farina, aceto e sale da cucina.
Si usa l’aceto per l’acidità che scioglie le macchie, la farina per il minimo effetto abrasivo e perché crea con l’aceto una crema della giusta consistenza, il sale chimicamente rende il composto più efficace.

Ecco come procedere:

  • mescolare aceto e farina e un po’ di sale fino in una ciotola di plastica
  • sistemare l’ottone su un piano e ricoprire con questa crema rivestendo bene ogni superficie degli oggetti da pulire.
  • lasciare agire per mezza giornata
  • a dimostrare che l’aceto lavora si formerà una patina verde
  • sciacquare via la pasta secca
  • strofinare con un panno morbido e acqua tiepida corrente con movimenti circolari.
  • usare un panno morbido senza pelucchi
  • rimuovere ogni residuo di acqua

Curiosità sulla pulizia dell’ottone

Pulire l’ottone con il ketchup

E’ possibile pulire l’ottone con il ketchup? Si, perché il ketchup è acido, perché a base di pomodoro.

Ecco come pulire l’ottone con il ketchup:

  • mettere una noce di ketchup su un panno morbido di cotone
  • strofinare sulla superficie dell’oggetto in ottone con il ketchup
  • strofinare in  una direzione o con movimenti a cerchio
  • rimuovere i residui con acqua fredda
  • per terminare strofinare con un panno umido

Pulire l’ottone con la Coca Cola 

Si può usare la Coca Cola, che ha molte proprietà corrosive, per lucidare l’ottone sfregando un panno imbevuto.

Ma perché la Coca Cola lucida l’ottone?

  • grazie al suo pH acido, che agisce con l’anidride carbonica
  • perché la Coca Cola contiene acido fosforico, acido citrico e acido carbonico, che sgrassano e rimuovono le incrostazioni.

Pulire l’ottone con prodotti commercio

Per pulire l’ottone si può utilizzare il Sidol, un prodotto realizzato proprio per la pulizia di leghe e metalli. Si trova in forma cremosa e deve essere passato sull’oggetto con un pannetto per rimuovere sporco e ossido dal rame.

Vi sono poi altri prodotti per lucidare i metalli ma – attenzione! – verificare che l’etichetta riporti la scritta ‘adatto all’ottone’. Tra le marche più comuni di prodotti in commercio Brasso, Bar Keepers Friend, Never Dull.

Guide per la pulizia ecologica di casa

La nostra guida su come pulire l’ottone vi è sembrata esauriente? In questo caso, vi segnaliamo di seguito anche le nostre altre guide per pulire tutti gli altri metalli – e non solo – con metodi interamente naturali:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment