Alimenti

Fagiolo mungo: proprietà del legume e dei suoi germogli

Meglio noto come soia verde, il fagiolo mungo è un legume utilizzato come fonte proteica, di vitamine e sali minerali. Largamente diffuso nella cucina orientale, è utilizzato soprattutto per la produzione di germogli, impiegati in modo versatile nelle pietanze.

Fagiolo mungo: proprietà del legume e dei suoi germogli

Il fagiolo mungo è una particolare varietà di leguminose, nota anche come soia verde. Questo speciale seme è un ingrediente molto utilizzato all’interno della gastronomia orientale e si rivela ricco di interessanti proprietà nutrizionali.

Fagioli mungo, cosa sono veramente?

Appartenente alla famiglia delle Fabaceae, questo seme, probabilmente originario dell’India, è tra i più usati per la produzione di germogli.

Ricco di proprietà benefiche, è un ingrediente molto consumato nella tradizione gastronomica orientale.

La pianta di fagiolo mungo

Questo speciale fagiolo indiano viene prodotto da una pianta del genere Vigna, imparentata con i comuni fagioli e con la soia.

Caratteristiche del fagiolo mungo

Questo legume risulta molto interessante dal punto di vista nutrizionale per le sue proprietà. In particolare, ad essere consumati sono soprattutto i germogli.

I germogli di fagiolo mungo

Come i germogli di soia, anche questi germogli vengono definiti “tuttofare”, poiché si rivelano degli ingredienti molto versatili.

Impiegati soprattutto nelle ricette della tradizione orientale, sono alimenti ricchi di principi nutritivi.

Germogli di fagiolo mungo: si mangiano crudi?

Il consumo crudo dei germogli di mungo freschi è indicato per salvaguardare le loro proprietà nutrizionali.

Consumati crudi, danno croccantezza alle insalate e possono essere usti anche come guarnitura delle zuppe.

Fagiolo mungo: quante calorie

Dal punto di vista calorico i fagioli mung sono interessanti per il ridotto apporto di calorie, a fronte di un notevole contenuto di vitamine, sali minerali ed aminoacidi.

Si tratta, quindi, di alimenti che possono essere inseriti con facilità anche all’interno di regimi dietetici dimagranti.

Fagiolo mungo

Fagiolo mungo: proprietà e controindicazioni

Benefici e proprietà

Oltre a possedere una buona concentrazione di vitamine, sali minerali ed aminoacidi, rappresenta un alimento ipocalorico.

Adatto per donne e sportivi, può costituire un valido sostituto proteico per chi segue un alimentazione vegetariana o vegana.

Controindicazioni

Nonostante le notevoli proprietà nutrizionali di questi legumi, questo alimento può presentare delle controindicazioni per alcune tipologie di persone.

Grazie al ricco contenuto di fibra alimentare, sono alimenti ideali per tenere sotto controllo i livelli di colesterolo “cattivo” presenti nel sangue.

Il fagiolo mungo contiene ferro

Molto ricchi di vitamine e sali minerali, questi fagioli garantiscono un buon contenuto di ferro. Sono pertanto alimenti consigliati per donne, sportivi e per chi vuole sostituire cibi di origine animale durante la dieta giornaliera.

Presentano, inoltre, una buona concentrazione di zinco, rame, manganese e potassio.

Fagioli mungo contengono glutine?

I germogli ottenuti dalla soia verde non contengono glutine. Per questo possono essere consumati anche da chi soffre di celiachia.

Fagiolo mungo e diabete

Questi speciali fagioli giocano un ruolo importante anche per la prevenzione e la cura di patologie come il diabete.

Insieme ai ceci e ad altre varietà di fagioli, rientrano tra i legumi consigliati grazie al loro ridotto indice glicemico.

Fagiolo mungo e favismo

Anche chi soffre di favismo non deve temere alcuna controindicazione legata al consumo di fagioli mungo.

Solo le fave, infatti, sono legumi da cui stare alla larga se si soffre di questa condizione patologica.

Si può mangiare il fagiolo mungo in gravidanza?

Durante il delicato periodo della gravidanza, curare l’alimentazione è decisamente importante per la salute della donna e del feto.

Fagiolo mungo

Alcuni alimenti sono da evitare durante i 9 mesi di gestazione (e talvolta anche in fase di allattamento). Tra questi rientrano anche i germogli di soia crudi, che potrebbero contenere dei batteri dannosi in grado di provocare delle malattie.

I germogli sottoposti a cottura, invece, non presentano particolari controindicazioni sebbene perdano parte dell’apporto di nutrienti in essi contenuti.

La cottura del fagiolo mungo

Nella cucina asiatica, in particolare cinese, questi fagioli vengono consumati in modo molto versatile. Crudi, rappresentano dei validi ingredienti all’interno di insalate, oppure in zuppe, minestre e creme.

Possono essere anche cotti al vapore e serviti come contorno con riso e verdure. Si possono consumare poi aromatizzati e stufati, in sostituzione ai classici legumi nella composizione di altre ricette.

Fagioli mungo va in ammollo?

Come altri tipi di legumi, per diminuire i tempi di cottura anche i fagioli mung possono essere messi preventivamente in ammollo.

Lasciati tutta la notte in una ciotola con acqua fresca ed un po’ di sale, possono essere reidratati e cotti con maggiore rapidità.

La coltivazione del fagiolo mungo

Sebbene sia originaria del continente asiatico, questa pianta è ormai coltivata e diffusa anche nell’area mediterranea e negli Stati Uniti.

Ecco altre schede sui germogli e i loro benefici:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close