Alimenti

Alla scoperta dei germogli di bambù, un ingrediente tipico delle cucine asiatiche

Molto usato in Oriente, è pressoché ignorato da noi: scopriamo come mai

Tipici della cucina asiatica, i germogli di bambù sono ingredienti dalle interessanti proprietà benefiche da sperimentare anche per dare un tocco d’Oriente ai propri piatti.

Alla scoperta dei germogli di bambù, un ingrediente tipico delle cucine asiatiche

I germogli di bambù sono degli ingredienti molto conosciuti ed utilizzati nella tradizione gastronomica orientale. Questi germogli commestibili della pianta di bambù sono diffusi prevalentemente nei Paesi dell’Asia orientale, come Cine, Taiwan e Giappone.

Ricchi di interessanti principi nutritivi, sono alimenti ipocalorici e poveri di grassi, adatti ad apportare benefici alla nostra salute.

Germogli di bambu commestibili o no?

Non tutte le specie di bambù esistenti sono commestibili. Solo un centinaio, tra le mille varietà esistenti, possono diventare un ingrediente da utilizzare in cucina.

Oltre ad essere un concentrato di principi nutritivi, questi germogli possono contenere sostanze potenzialmente tossiche. Tuttavia, è sufficiente un’adeguata cottura (tipicamente vengono bolliti) per eliminare queste sostanze potenzialmente pericolose.

germogli di bambù
Germogli di bambù: sono alimenti interessanti dal punto di vista nutrizionale e potenzialmente benefici per la nostra salute.

Proprietà nutritive dei germogli di bambù

Dall’aspetto simile a quello dei nostri comuni asparagi, questi germogli sono un ingrediente molto noto ed utilizzato nella cucina asiatica per il sapore delicato e la consistenza croccante. Sono anche molto rinomati per le interessanti proprietà nutritive.

Sembra che a questi germogli vengano associate potenziali proprietà antiossidanti, in grado di contrastare l’azione dei radicali liberi, oltre ad avere efficacia antibatterica.

Dal limitato apporto calorico e dal buon contenuto proteico, rappresentano una ricca fonte di sali minerali, come il potassio. Inoltre il bambù una buona concentrazione di fitoelementi, tra cui l’acido folico. I germogli sono, infine, un’abbondante fonte di fibra alimentare.

Germogli di bambù benefici

Grazie al profilo nutrizionale, i germogli sono alimenti utili anche per chi sa seguendo un regime ipocalorico e a basso contenuto di grassi. Salvo particolari eccezioni, possono essere consumati anche da chi soffre di celiachia e sono ottimi per chi segue un’alimentazione vegetariana o vegana.

Essi presentano numerosi benefici per la salute, come l’effetto di abbassamento della pressione sanguigna dovuto al potassio.

Grazie all’elevato contenuto di fibre, il bambù permette di contrastare la stitichezza e di ridurre i livelli di colesterolo “cattivo” (LDL) nel sangue.

Molto ricchi di vitamine del gruppo B, questi germogli contribuiscono anche al corretto funzionamento del metabolismo. Insieme all’apporto vitaminico, garantiscono anche una buona fonte di sali minerali (rame, manganese, calcio, ferro, potassio e fosforo).

Inoltre, grazie alla fibra aiutano a contrastare i livelli di colesterolo “cattivo” nel sangue e ad aumentare la sensazione di sazietà.

Si tratta, inoltre, di alimenti proteici ma ipocalorici, indicati pertanto per chi segue una dieta. Il basso contenuto di zuccheri li rende adatti anche in caso di iperglicemia.

Germogli di bambu controindicazioni

L’assunzione di questi alimenti può essere controindicata in alcune particolari condizioni. Meglio evitarli del tutto in caso di allergia o ipersensibilità accertata. Il consumo è sconsigliato anche per le donne in gravidanza o allattamento.

Germogli di bambu come cucinarli

Per evitare effetti potenzialmente rischiosi per la salute, è importante sottoporre i germogli a cottura tramite bollitura per almeno 30-40 minuti. Una volta bolliti, sono ingredienti che si prestano in modo molto versatile a varie preparazioni culinarie.

Nelle cucine asiatiche i germogli vengono solitamente consumati in zuppe o insalate oppure saltati in padella con altri ingredienti. Ma oltre ai piatti tipici della gastronomia asiatica, sono adatti ad abbinamenti originali con gli ingredienti a noi più noti.

Germogli di bambù in agrodolce

I germogli sono spesso usati nelle ricette tradizionali della cucina orientale in combinazione con ingredienti come la carne per ottenere un effetto agrodolce.

Germogli di bambu con funghi

Nella cucina cinese sono spesso serviti anche con i funghi. Per questo piatto i germogli vengono tagliati in senso perpendicolare alla lunghezza e affettati in modo sottile.

Germogli di soia e bambù

I germogli della canna di bambù già precotti possono essere combinati con i germogli di soia e scottati nel wok per essere conditi con la salsa di soia.

Padella wok in ghisa 30.5cm - di Utopia Kitchen
compra su amazon
Prezzi aggiornati il 22-05-2024 alle 9:12 PM.

Insalata con germogli di bambu

Una volta cotti, i germogli della canna di bambù possono essere adoperati anche all’interno di insalate miste o a base di pomodori, carote.

SPECIALE: Germogliatore, come usarlo in casa

Germogli di bambù crudi

Il consumo di germogli crudi è altamente sconsigliato. Oltre ad avere un sapore amarognolo, possono contenere al loro interno delle sostanze potenzialmente tossiche.

germogli di bambù
Non fatevi ingannare da questo simpaticone. i panda giganti hanno sviluppato alcune adattamenti per tollerare questa sostanza.
I panda giganti hanno enzimi specifici, come la beta-glucosidasi, che aiutano a scomporre il cianuro di idrogeno in composti meno tossici nel loro corpo.

I germogli contengono cianuro?

Queste sostanze sono i glicosidi cianogenici, ovvero il cosiddetto cianuro. Si tratta di elementi che perdono la loro tossicità a contatto con le alte temperature. Basta, quindi, assicurarsi di cuocere i germogli in abbondante acqua bollente per scongiurare qualsiasi tipo di rischio per la salute.

La coltivazione: possibile o no?

Il bambù può rivelarsi una pianta relativamente difficile coltivare, soprattutto se si vive in zone non caratteristiche dal tipico clima tropicale e senza corsi d’acqua naturali. Se, però, sono presenti delle condizioni favorevoli alla sua crescita, diventa facilmente coltivabile: non solo, alcune specie di bambù si rivelano essere tra le piante infestanti con maggiore capacità di diffusione.

Attenzione, però, verificate prima che il bambù non appartenga alla lista delle piante in black list nella vostra Regione. Per esempio, in Lombardia si tratta di una specie vegetale che fa parte della lista nera delle specie vegetali ai sensi della Legge Regionale 31 marzo 2008, n. 10, per cui se la coltivate nella vostra proprietà, dovrete fare attenzione che non si diffonda su appezzamenti pubblici. Per questa ragione, fatevi consigliare da un vivaista, che vi indirizzerà verso una varietà a ciuffo invece che una varietà corrente, proprio per evitare problemi di invasività.

Dove acquistare germogli di bambù

In Italia questi particolari germogli possono essere reperiti acquistando prodotti d’importazione adeguatamente imbustati. Si possono trovare sia freschi, da sottoporre a preliminare cottura, che precotti, da utilizzare poi come ingredienti nelle ricette preferite. Quando parliamo di prodotto fresco e intero, lo troviamo soprattutto presso negozi o mercati etnici.

Ma i germogli in scatola si trovano anche presso alcuni supermercati o negozi biologici. In quest’ultimo caso il bambù sarà precotto e già tagliato a fette e dovrà essere consumato entro pochi giorni, una volta aperto il barattolo.

In alternativa, è possibile contare sull’acquisto on line di questo tipo di prodotti.

Kingfisher Germogli Di Bambù In Acqua (225g)
compra su amazon
Prezzi aggiornati il 22-05-2024 alle 9:12 PM.
Songyou Germogli di Bambù a Fettine - 567 gr
compra su amazon
Prezzi aggiornati il 22-05-2024 alle 9:12 PM.

Un barattolo di germogli precotti ha un costo pari a circa 5 euro.

Approfondimenti consigliati

Leggi anche:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sullo stesso argomento
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio