Come realizzare un disgorgante naturale per l’intasamento del lavandino

di Carmen del 28 maggio 2017

Scopriamo come realizzare un disgorgante naturale con la nostra guida pratica.

A tutti è capitato o capiterà, nella vita, di avere problemi di scarico con i lavandini di casa.
Non è un dramma. O meglio, lo è nei casi più gravi ma lo è ancora di più se si utilizzano i disgorganti chimici tradizionali che provocano gravissimi danni all’ambiente.

Pensiamo, infatti, a tutti i prodotti che utilizziamo solitamente per le pulizie domestiche che finiscono negli scarichi delle nostre case e che arrivano fino alle falde acquifere. L’acqua è un bene troppo prezioso che occorre proteggere con tutti i nostri sforzi. I rimedi della nonna ci possono essere davvero di aiuto nell’economia domestica.

I prodotti venduti nei supermercati, infatti, oltre a contenere sostanze dannose ed inquinanti, incidono notevolmente sul bilancio familiare.

A volte, invece, bastano pochi e semplici ingredienti naturali per risolvere diversi problemi quotidiani.

SCOPRI ANCHE: Ricette fai da te per detersivi ecologici e naturali

E allora sforziamoci di utilizzare alcuni suggerimenti per prevenire e curare problemi di intasamento.

Prima di cominciare un piccolo suggerimento di “manutenzione”: come buona norma per mantenere pulito lo scarico del lavandino versatevi dell’acqua e sale appena bollita.

Poi, se non bastasse, ecco alcune “ricette” specifiche di disgorgante naturale.

SPECIALE: Come pulire la cucina in modo ecologico

Le ricette per un disgorgante naturale ed ecologico

1. Prima di tutto, provate con i metodi meccanici (tipo la spirale e il sifone).

2. Versate  4 cucchiai di sale seguiti da 4 di bicarbonato e da acqua bollente, con l’accortezza di lasciar agire per qualche minuto.

3. Usate l’acqua di cottura delle patate versata calda nello scarico.

disgorgante naturale

L’acqua dove stiamo per bollire le patate è un ottimo disgorgante naturale.

4. Fate bollire un litro d’aceto e versarlo lentamente nello scarico. Bisogna aspettare qualche ora prima di utilizzare il lavello. In alternativa puoi provare anche con un solo bicchiere di aceto al quale avrai aggiunto un cucchiaio di sale.

5. Per gli scarichi più otturati si può provare con 1 bicchiere di sale fino, 1 di bicarbonato di sodio, 2 di aceto bianco e acqua bollente. Prima si versa il sale, poi il bicarbonato, poi l’aceto. L’aceto inizia subito a friggere a contatto con il bicarbonato e bisogna lasciar agire almeno un paio di minuti, prima di versare l’acqua bollente (che farà friggere di nuovo il tutto). Se la situazione è ancora più grave, si lascia agire per un’intera notte e si riserva l’acqua bollente per la mattina seguente.

6. Per i casi più disperati e difficili, usate la soda caustica a scaglie sulle tubature e poi versare tanta acqua calda. Vi consigliamo di usare i guanti e una mascherina per non respirare i vapori.

7. La ricetta della nonna: miscelate tra loro ½ tazza di sale, ½ tazza di bicarbonato di soda e ¼ tazza di cremor tartaro (acido tartarico) e versatela nello scarico. Infine versate un bollitore di acqua bollente e lasciate riposare almeno un paio d’ore prima di risciacquare.

Insomma, proviamole tutte prima di disperdere inquinanti chimici nell’ambiente!

Altre guide a tema sulla pulizia domestica

Ecco alcuni approfondimenti per una pulizia ecologica della casa:

Outbrain

{ 4 comments… read them below or add one }

Sandra novembre 6, 2015 alle 2:19 pm

Veramente ci sarebbero anche altri modi molto più semplici, e green quanto volete!In più ci metti che è qualcosa che ti rimane e che puoi riutilizzare! Io l’avevo comprata sul sito http://www.instality.com…perchè ci compro altre cose per lavoro. Comunque anche a me piace molto questo sito. lo leggo spesso. Bravi!

Rispondi

Andrea64 dicembre 3, 2014 alle 3:45 pm

Voi ecologisti dei miei stivali siete malati di testa !
Cosa volete che faccia al “ambiente qualche grammo di acido disgorgante chimico per liberare un scarico di un lavandino intasato ?
Non fa assolutamente nulla !

Rispondi

maria aprile 9, 2013 alle 8:25 am

Salve, ho provato la soluzione n.5 ma adesso lo smalto della mia vasca è macchiato, credo corroso: che fare?

Rispondi

Li Dsin marzo 9, 2013 alle 9:45 am

Salve,
quando si parla di sale , si intende quello fino o quello grosso,
grazie

Rispondi

Leave a Comment

{ 4 trackbacks }