Salute naturale

Dopamina: che cos’è, che funzioni ha e come regola il piacere

Tutto su questo fondamentale neurotrasmettitore

La dopamina è un neurotrasmettitore che media il piacere nel cervello, stimolandoci a cercare un’attività o un’occupazione piacevole che ci renda felici. Tra queste il cibo, il sesso e… come vedremo, le droghe. Si tratta di un arma a doppio taglio, in quanto l’equilibrio della dopamina nel nostro organismo è fondamentale. Quando è troppa, ci spinge a ricercare continuamente ed in maniera quasi compulsiva emozioni, senza paura delle conseguenze. Questa situazione di squilibrio può degenerare nell’assunzione di droghe e problemi di dipendenza.

Dopamina: che cos’è, che funzioni ha e come regola il piacere

Se siamo invece in deficit di dopamina, questa potrebbe facilmente farci scivolare in uno stato di depressione, rendendoci apatici e stanchi.

Le funzioni della dopamina

Questo neurotrasmettitore ha molte funzioni di notevole importanza. Le principali sono relative alla regolazione del movimento, del piacere, dell’attenzione e dell’umore.

Quando c’è una carenza di questo neurotrasmettitore nel cervello, i movimenti possono essere in ritardo e non coordinati. Se c’è un eccesso di questa sostanza, il cervello induce l’organismo a fare i movimenti inutili, come i tic ripetitivi. Dunque, la regolazione del rilascio di dopamina è fondamentale affinché l’organismo possa si muovere correttamente, eseguendo gesti coordinati e alla giusta velocità.

Adeguati livelli di dopamina possono essere un alleato prezioso nel migliorare la nostra memoria. In particolare, ne risulta condizionata la cosiddetta memoria di lavoro, cioè la capacità di manipolare e ricordare informazioni mentre si eseguono altre azioni.

A seconda dei livelli di dopamina, la nostra memoria e concentrazione può aumentare o diminuire.

SPECIALE: Inositolo: proprietà e benefici da conoscere

La dopamina e l’attitudine a socializzare

Le capacità di interazione sociale normale ed equilibrata è estremamente influenzata da questa sostanza. Infatti bassi livelli di questo neurotrasmettitore sono stati evidenziati in persone affette da fobia sociale.

Un basso livello favorisce l’isolamento, il ritiro dai rapporti sociali, la capacità di trovare appagamento e piacere dal contatto con gli altri. Nel caso opposto, alti livelli sono caratteristici di chi soffre di disturbi bipolari, sfociando in uno stato di eccitazione incontrollata che coinvolge più sfere della personalità.

Le alterazioni dei livelli e del funzionamento della dopamina e dei neuroni che la producono e la utilizzano, sono presenti in diverse malattie neurologiche e psichiatriche. Tra queste la malattia di Parkinson, depressione, psicosi, schizofrenia, tossicodipendenza e sindrome da deficit di attenzione e iperattività. Non è un caso che tra i farmaci usati nel trattamento della malattia di Parkinson ve ne siano diversi che aumentano la produzione di dopamina nel cervello.

È possibile aiutare in maniera naturale il nostro organismo a mantenere il giusto livello di questa sostanza. Ad esempio praticando quotidianamente attività fisica.

Dopamina e alimentazione

Ma anche l’alimentazione ha un ruolo importante: soprattutto grazie a cibi quali frutta a guscio come mandorle e noci. Sono utili anche alcuni semi come sesamo, girasole e semi di zucca. Fanno al caso nostro anche avocado, banane, cacao e cioccolato.

Dopamina
Dopamina, la molecola “motivazionale”

Integratori e dopamina

Si trovano in commercio integratori che, secondo quanto riportato da diverse fonti in rete, contribuirebbero ad aumentare i livelli di dopamina nel cervello. Tuttavia, è importante ricordare che l’efficacia di questi integratori non è stata ancora ben stabilita dalla ricerca scientifica. Inoltre, l’uso di integratori di dopamina può comportare effetti collaterali indesiderati se assunti in dosi eccessive.

Alcuni integratori che potrebbero aumentare i livelli di dopamina includono:

  • L-Tirosina: è un aminoacido che può essere utilizzato dal corpo per produrre dopamina. La L-tirosina è disponibile in forma di integratore e viene spesso utilizzata per migliorare la concentrazione e l’attenzione.
  • Mucuna pruriens: è una pianta che contiene naturalmente L-dopa, un precursore della dopamina. L’integrazione con mucuna pruriens potrebbe aumentare i livelli di dopamina nel cervello.
  • Curcuma: contiene un composto chiamato curcumina, che potrebbe aumentare i livelli di dopamina nel cervello.
  • Ginkgo biloba: gli estratti di questa pianta hanno diverse funzioni benefiche, ma non è provato scientificamente che aumentino la produzione di dopamina nel cervello e attraverso quali meccanismi.

In ogni caso, è importante notare che l’integrazione con questi prodotti non è raccomandata senza la supervisione di un medico o di un professionista sanitario esperto. Inoltre, l’uso di integratori non dovrebbe sostituire un trattamento medico adeguato per disturbi specifici che richiedono la supervisione di un medico.

Approfondimenti consigliati

Forse ti potrebbe interessare anche:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio