Terapie riabilitative

Massaggio TuiNa per donare nuovo equilibrio vitale

Dalla medicina popolare cinese una pratica che agisce sull’energia del corpo

Il massaggio TuiNa è una pratica di origine cinese che agisce sull’energia del corpo, il cosiddetto ‘Qi’, aiuta a rilassare i muscoli, migliora le prestazioni del sistema osseo ed elimina lo stress. Si effettua al fine di ristabilire l’equilibrio vitale e combattere numerose stati di disturbo sia fisico sia mentale.

Massaggio TuiNa per donare nuovo equilibrio vitale

Scopriamo quali sono le sue origini e la sua storia millenaria, quali le tecniche utilizzate e in quali casi è consigliato.

Cosa è il massaggio TuiNa

Il massaggio Tui Na (o Tuina) è una forma molto particolare di massaggio cinese che si distingue per alcune manovre e manipolazioni volte all’obiettivo di migliorare il flusso dell’energia vitale – Qi – nel corpo all’interno di specifici canali che vengono denominati meridiani.

Si tratta di un massaggio che viene effettuato con le mani e si basa sui fondamenti della cultura cinese come il taoismo o le arti marziali insieme alle basi della medicina popolare cinese.

Tui Na e medicina tradizionale cinese

Il Tui Na ha le fondamenta nelle conoscenze della medicina tradizionale cinese che pensa alla malattia come una conseguenza di disequilibrio delle energie dell’organismo. Ristabilire l’equilibrio delle energie costituisce l’obiettivo del massaggio.

Questi squilibri possono dipendere da

  • cause esterne ad esempio fattori climatici
  • interne come fattori psicologici o emotivi
  • situazioni di stress,
  • stile di vita disordinato,
  • alimentazione non corretta.

I meridiani invece secondo la tradizione cinese veicolano l’energia. I più comuni sono 12 e rispecchiano gli stessi punti energetici usati in agopuntura.

Origini e storia

Il termine Tui Na deriva dal cinese ‘tui’che vuol dire premere e ‘na’ che vuol dire afferrare

Si pensa che già all’epoca della dinastia Shang, all’incirca verso il 1700 a.C. fossero diffuse in Cina alcune tecniche simili a Tui Na.

Nel II secolo d.C., il medico cinese Zhang Zhongjing scrisse in merito a questo massaggio impiegato come metodo terapeutico nel caso di disturbi legati agli arti.

Intorno al 700 d.C. la pratica iniziò ad essere studiata e insegnata presso la famosa Accademia medica imperiale e il trattamento dapprima conosciuto come anmo diventò sempre più popolare e si diffuse in altri paesi fuori dalla Cina: in Giappone e in Corea.

Solo verso il 1600 la tecnica prese il suo attuale nome di Tui Na anche se in Giappone è ancora conosciuto come Anmo.

Il massaggio divenne sempre più conosciuto e si affiancò alle pratiche di agopuntura e shiatsu.

Nel 1949 il governo cinese riconobbe ufficialmente i benefici medici del massaggio e lo inserì ufficialmente nei trattamenti di Medicina Tradizionale Cinese (MTC).

Nel 1998 il Tui Na è stato riconosciuto anche dall’OMS come  massaggio curativo per cervicalgie, dorsalgie lombalgie, lombo sciatalgie, le lesioni dei tessuti molli della spalla, epicondilite, tunnel carpale, arti inferiori.

Massaggio Tuina: le tecniche

Il Tui Na si pratica utilizzando un insieme di tecniche di massaggio e di mobilizzazioni articolari come spingere, premere, sfregare, picchiettare, pinzettare, scuotere, vibrare, impastare…tutte sollecitazioni eseguite a mani nude che provocano la stimolazione dei meridiani o canali energetici.

Queste stimolazioni cosa provocano:

  • vanno a regolare Yin e Yang che rappresentano i due stati dell’energia riferimenti assoluti per la cura e il benessere della persona
  • favoriscono la circolazione dell’energia vitale-interna del corpo umano, Qi.

Come si effettua il massaggio

Il Tui Na va eseguito alla persona a digiuno da almeno un’ora.

Prima di iniziare con il massaggio il massaggiatore Tui Na sosterrà con il paziente un importante colloquio conoscitivo con lo scopo di capire quali siano i disturbi e di conseguenza quali siano gli squilibri energetici che ne sono causa.

Dopo il primo incontro conoscitivo verrà eseguito il trattamento personalizzato.

Sono utilizzate soprattutto tecniche di manipolazione che a volte può anche l’uso di avambracci e gomiti.
Questi movimenti possono essere sia vigorosi sia rilassanti, sia attivi sul corpo sia passivi per lubrificare e sciogliere le articolazioni.

Le manovre che caratterizzano questa tecnica sono circa 40, che possono essere combinate in differenti modi in funzione dei problemi da sciogliere.

Di solito una seduta ha la durata di circa 40 minuti e il prezzo va dai 30 ai 50 euro.

Tecniche principali

Le tecniche utilizzate durante il massaggio sono circa 40. Ma le principali tecniche sono le seguenti:

  • pressione col pollice, gomito, palmi detta An Fa
  • spinta attraverso la base del pollice il palmo o il pollice, il Tui Fa
  • stimolazione puntiforme, il Dian Fa
  • pizzico alla cute e ipoderma stimolato da pollice e indice detto Nie Fa
  • presa con una mano o due mani de tessuti profondi del muscolo il Ne Fa
  • rotazione circolare e ellittica detta Rounian Fa
  • pressione o Anya Fa
  • mobilizzazione attiva e passiva o Youndong Fa

Tecniche ausiliare

Oltre alle 40 principali tecniche da attuare pe ril massaggio cinese Tui Na, sono molto importanti anche le tecniche ausiliarie:

  • gli unguenti si usano nelle manovre di sfregamento della pelle nell’area che interessa il trattamento
  • le compresse calde: impacchi che vengono usati sulla pelle solitamente alla fine di una seduta, sono utili per chi ha lesioni o problemi reumatici
  • la tecnica guasha consiste nello sfregamento con uno strumento apposito di solito una spatolina o un cucchiaio di porcellana. Questo movimento produce un arrossamento e libera gli strati esterni
  • le coppette in vetro, bambù o plastica, sono utilizzate sulla superficie cutanea come fossero una ventosa e creando così come un risucchio, un vuoto. Vengono utilizzate con il fuoco per consumare l’ossigeno: lo scopo è far emergere il sangue in superficie
  • la moxa di lana di artemisia arrotolata a sigaro è utilizzata per scaldare alcuni punti o zone grazie alla sua capacità di indurre un forte riscaldamento
  • il martelletto con degli aghi sulla testa o in gomma è usato per ottenere stimolazioni cutanee grazie alla tecnica delle percussioni ritmiche e delle vibrazioni.

Massaggio Tu Nia: benefici 

Secondo quanto previsto dalla medicina tradizionale cinese, l’esecuzione delle manipolazioni che caratterizzano il TuiNa dovrebbe favorire il flusso dell’energia vitale all’interno dei meridiani presenti nel corpo dell’individuo. Gli effetti benefici sono:

  • regolare l’attività del sistema nervoso
  • rafforzare le capacità immunitari del corpo
  • favorire il nutrimento dei tessuti
  • migliorare la circolazione del sangue
  • aumentare l’elasticità delle articolazioni

Il massagio TuiNa si consiglia dunque nei casi di:

  • dolori muscolari
  • cervicalgia
  • mal di schiena
  • mal di testa
  • sciatica
  • disturbi mestruali
  • gonfiore addominale
  • stati ansiosi e stress
  • alterazioni dell’umore

Non va dimenticato che prima di sottoporsi a sedute Tuina bisogna essere certi di avere davanti un massaggiatore professionista e certificato e soprattutto di non avere altre patologie che potrebbero essere compromesse.

Il TuiNa per le donne 

Questo trattamento di origine cinese si applica bene alla risoluzione di alcuni disturbi prettamente femminili. Grazie al riequilibrio energetico riesce infatti ad affievolire i dolori causati dal ciclo mestruale e a regolarizzare il flusso.

Si consiglia anche per ridurre i sintomi premestruali e in tutti i casi in cui si riscontra irritabilità premestruale, scompensi umorali, tensioni e dolore al seno, gonfiore addominale. Tutti sintomi frequenti e spesso fastidiosi durante la menopausa.

Tuina per i bambini 

Il TuiNa può essere un valido aiuto per alcuni piccoli disturbi dell’infanzia.

E’ infatti riconosciuta la sua efficacia nei trattamenti di alcuni disturbi dell’età infantile e viene utilizzato in età pediatrica, nei casi di:

  • disturbo a carico dell’apparato respiratorio
  • disturbi all’apparato digestivo
  • nei ritardi nello sviluppo
  • problemi legati al sonno

Risulta efficace inoltre sui neonati nei casi di:

  • febbre, tosse e raffreddore,
  • otiti o bronchiti
  • diarrea, stipsi o coliche gassose,
  • problemi legati al sonno

Anche il Tui Na pediatrico, diffuso come metodo di medicina alternativa in Cina ed è di grande utilità nei bambini nella prevenzione delle malattie invernali per rinforzare il sistema immunitario e aumentare le difese immunitarie e per tutti i sintomi influenzali o per le allergie respiratorie.

Quando eseguire un trattamento Tui Na

Si consiglia di eseguire un trattamento di massaggio Tui Na se si soffre di cefalea tensiva, insonnia, stipsi, diarrea, le dispepsie, lombalgie, cervicalgie oppure periartriti scapolo-omerali.

Viene inoltre consigliata in ambito sportivo può infatti essere molto molto utile nella preparazione atletica e nel miglioramento del rendimento fisico-sportivo in generale.

Si consiglia altresì nei periodi particolarmente stressanti dove l’ansia arriva ad avere il sopravvento, causando repentini cambi di umore.

Controindicazioni 

Il massaggio eseguito da un professionista è un trattamento non invasivo, che non presenta vere e proprie controindicazioni.

Però va sottolineato che alcune persone dovrebbero evitare di ricevere un massaggio di questo genere.

In particolare il massaggio TuiNa non dovrebbe essere praticato da chi ha:

  • patologie cardiache
  • vascolari
  • sofferenze epatiche
  • malattie infettive in corso
  • in gravidanza
  • malattie della pelle nelle aree interessate al massaggio
  • anziani

Attenzione. Prima di effettuare un percorso di massaggi Tu Na è meglio chiedere consiglio al proprio medico curante.

Come si diventa massaggiatore Tui Na 

In Italia esistono diverse scuola specializzate che rilasciano il diploma nazionale di operatore in massaggio TuiNa.

Il corso dura tre anni, costa circa 2000 euro e si basa su nozioni teoriche e fondamenti di Medicina Tradizionale Cinese.

Il corso viene principalmente seguito da persone appassionate di medicina cinese e medicina alternativa ma anche da operatori di altre discipline che vogliono approfondire questo aspetto di lavoro: ad esempio è molto apprezzato tra fisioterapisti, osteopati, ma anche infermieri ed ostetrici che vanno così a completare le loro conoscenze.

ScriBio

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button
Close