Salute

Acido ossalico, un antinutriente da conoscere

Scopriamo come ridurlo con le adeguate tecniche di cottura

Ridurre l’acido ossalico nella propria dieta è importante per evitare carenze e potenziali rischi per la salute. Sono sufficienti alcuni accorgimenti per evitare di assumere questi antinutrienti.

Acido ossalico, un antinutriente da conoscere

Che cos’è l’acido ossalico

Si tratta di un antinutriente presente in molti alimenti, soprattutto di origine vegetale. Una volta assunto, esso si combina con minerali, come il ferro, il magnesio e soprattutto il calcio, con cui forma dei sali, gli ossalati, che ne limitano o impediscono l’assorbimento.

In quali alimenti si trova l’acido ossalico

Tra i numerosi cibi contenenti questo fattore antinutrizionale troviamo vegetali, come bietole, spinaci, rabarbaro e cavoli, cereali integrali ma anche cacao amaro. In questi alimenti il rapporto tra la presenza di questo acido e la biodisponibilità del calcio li rende una cattiva fonte di questo minerale.

Fatta eccezione per gli antinutrienti, invece, le verdure sono generalmente degli ottimi alimenti da cui ricavare il calcio, necessario per la salute delle nostre ossa.

Acido ossalico

Quali sono gli effetti dell’acido ossalico sulla salute

L’azione di questo antinutriente, che limita l’assorbimento di minerali importanti per il nostro organismo, può esporre a vari disturbi. Tra questi, in particolare, si riscontrano osteoporosi e anemie a cui si può andare incontro per il verificarsi di stati di carenza di minerali. Inoltre, legandosi con il calcio, questo acido può portare alla formazione di cristalli di ossalato.

Questi ultimi potrebbero irritare intestino e reni, provocando anche i calcoli renali. Ingerito in dosi elevate, questa sostanza rischia anche di irritare le pareti dell’intestino fino ad avere possibili conseguenze letali.

Come ridurre l’acido ossalico

Per ridurre la presenza di questo composto antinutrizionale si può ricorrere ad alcune semplici strategie. Con la bollitura o la cottura a vapore, ad esempio, si possono limitare gli ossalati di calcio contenuti nei vegetali a foglia verde.

Per chi segue una dieta vegetariana o vegana, è sufficiente non esagerare con l’assunzione di spinaci e bietole. Per garantire un corretto apporto di calcio, si possono consumare altri vegetali che ne sono ricchi, come le altre verdure a foglia verde, rape e broccoli ad esempio, ma anche lattuga, rucola e radicchio.

Inoltre, anche l’acqua minerale è in grado di apportare un buon contenuto di questo minerale nella dieta. L’ammollo dei cereali che presentano concentrazioni di ossalati può contribuire a ridurne l’assunzione e prevenire eventuali rischi.

La curiosità: il nome ossalico viene dal francese “oxalique”, che a sua volta greco antico “oxos”, aceto. Le ossalidacee sono una famiglia di piante angiosperme dicotiledoni. Tra di loro sono comprese diverse piante erbacee e arbusti diffusi soprattutto nelle regioni a clima temperato. 

La formula dell’acido ossalico

La formula chimica dell’acido ossalico è H2C2O4. Si tratta di un acido bicarbossilico che si presenta sotto forma di cristalli privi di colore o di granuli bianchi.

Gli utilizzi dell’acido ossalico

Questo acido si trova all’interno di determinati aliment, tuttavia, è un prodotto che viene utilizzato per vari scopi.

  • Sbiancante
  • Antiruggine
  • Trattamento del legno
  • Antitarli
  • Purificante nelle concerie e nelle industrie tessili
  • Produzione di inchiostri e detersivi
  • Lucidatura del marmo
  • Produzione della gomma
  • Combattere la varroa nell’ambito dell’apicoltura
  • Restauro e pulitura di metalli (es. residui bellici)

Dove trovare l’acido ossalico

Potete reperire l’acido in polvere in buste di diverso formato sia nei negozi di ferramenta che nelle drogherie e nei brico center, oltre che nei centri per il giardinaggio e naturalmente online ad un prezzo di circa 8-10 euro per 500 gr:

Acido Ossalico 1kg
Prezzo: 21,90 €
compra su amazon
Prezzi aggiornati il 24-04-2024 alle 5:20 PM.

Come si usa l’acido ossalico per le api

Gli apicoltori lo conoscono molto bene in quanto è un prodotto molto efficace nella lotta contro la varroa, un acaro parassita che si attacca al corpo delle api e che è in grado di svilupparsi e proliferare molto rapidamente.

Le infestazioni da varroa sono un problema molto grave negli alveari perché, se non tenute sotto controllo, le infestazione più gravi di questo parassita possono provocare la morte di interi sciami.

Questa sostanza viene usata in 3 modalità:

  • sgocciolamento
  • spruzzatura
  • evaporazione

Se il trattamento viene eseguito in maniera corretta ed utilizzando le giuste quantità di prodotto, si riesce ad ottenere un’azione acaricida del 95% e più.

Quando fare il trattamento per le api

La soluzione va applicata tiepida e in assenza di covata. Indicativamente, il periodo migliore è quello tra la fine di ottobre e gli inizi di novembre. In caso di infestazione è possibile procedere anche durante il mese di dicembre.

Acido ossalico per la ruggine

Questo prodotto è utile per togliere macchie e tracce di ruggine da varie superfici perché esercita una blanda azione corrosiva, simile all’acqua ossigenata. Vediamo i vari casi a seconda dei materiali macchiati dalla ruggine.

  • Metalli. Monili e reperti sono spesso ricoperti da una patina di ruggine. Per eliminarla, preparate una soluzione di acqua tiepida e acido, poi immergetevi gli oggetti da trattare. Lasciate riposare per 15 minuti circa e poi risciacquate con cura usando acqua demineralizzata e spazzolando via la ruggine con un vecchio spazzolino.
  • Plastica. Cospargete la parte di ruggine da pulire con la polvere e strofinare con una spugnetta abrasiva, poi risciacquate. In caso di macchie molto persistenti, magari perché molto vecchie, ripetete l’operazione più volte.
  • Tessuti. Per pulire dalla macchie di ruggine dai vestiti, inumidite la zona sporca con acqua tiepida. Quindi preparate una soluzione  di 120 gr di acido ossalico per 1 l d’acqua con cui inumidire una spugnetta morbida e, con questa, strofinare le parti macchiate. Fate agire per un quarto d’ora circa e poi risciacquate con acqua. Attendete che il tessuto sia asciutto e, se necessario, ripetete nuovamente l’operazione. Infine, lavate in lavatrice.

Come usare l’acido ossalico sul marmo

Questo prodotto è un ottimo sbiancante, ed è molto efficace per eliminare le macchie dalle superfici in marmo.

Per questo utilizzo, preparare una soluzione costituita da 100 gr di acido in 1 l di acqua. Versate la soluzione così ottenuta sulle parti del marmo macchiate e far agire alcuni minuti. Quindi risciacquate con sola acqua e, nel caso le macchie non fossero scomparse del tutto, ripetete il trattamento.

Come si usa l’acido ossalico sul legno

In 1 l di acqua tiepida o di alcool, far sciogliere 200 gr di acido e applicate in maniera uniforme sul legno da trattare usando un pennello fine. Poiché la soluzione indicata è piuttosto leggera, ripetete più passaggi fino a ottener la tonalità del legno corretta.

Al termine delle operazioni, risciacquate con cura il legno con acqua in modo da rimuovere eventuali residui di acido. Se non rimossi del tutto, potrebbero dar vita ad antiestetiche macchie lucide.

Precauzioni nell’utilizzo dell’acido ossalico

Per qualunque scopo si utilizzi il prodotto, è sempre bene proteggersi indossando guanti, occhiali di protezione e maschera dotata di filtri in modo tale da evitare evitare l’inalazione di vapori e il contatto diretto con pelle e mucose. Infatti, è corrosivo per gli occhi, la cute e il tratto respiratorio.

Inoltre, è sempre consigliato operare in un ambiente adeguatamente areato.

Altri approfondimenti

Ti potrebbero interessare anche questi articoli sui vari tipi di acidi:

Federica Gardener

Ho una laurea magistrale in Biotecnologie Alimentari. Scrivere per tuttogreen.it mi permette di coltivare la mia passione per la nutrizione e più in generale per il benessere e la salute. Dopo il mio percorso di studi, grazie alla mia esperienza di lavoro e alla mia curiosità innata, mi tengo aggiornata costantemente grazie a letture ed approfondimenti sul tema scienza dell'alimentazione e la nutrizione. E cerco di trasmettere agli altri maggiore consapevolezza e curiosità sul grande mondo degli alimenti… e non solo!

Articoli correlati

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio