Consociazione tra ortaggi: una strategia utile per l’orto biologico perfetto

di Elle del 12 luglio 2018

La consociazione tra ortaggi è una strategia utili per evitare l’uso di pesticidi potenzialmente dannosi. Utilizzata nell’agricoltura biologica, permette di ottenere numerose vantaggi nella coltivazione.

Consociazione tra ortaggi: una strategia utile per l’orto biologico perfetto

Consociazione ortaggi: in uno stesso orto è possibile coltivare nello stesso tempo differenti tipologie di esemplari vegetali. Tale accostamento permette un aiuto reciproco tra le varie specie di piante. In particolare, si possono riscontrare degli indubbi vantaggi in termini di arricchimento del terreno e allontanamento di parassiti.

Non tutte gli esemplari vegetali, però, risultano essere compatibili tra di loro.

È necessaria, quindi, un’adeguata conoscenza per evitare di accostare piante poco compatibili tra loro. Alcune specie vegetali, infatti, non sono consociabili poiché tendono ad entrare in competizione tra di loro.

Consociazione ortaggi: vantaggi

La pratica agricola della consociazione ha origini antiche ed è ispirata alla biodiversità vegetale che già spontaneamente si ritrova in natura. Nell’agricoltura moderna, invece, si tende a dedicare il terreno a monocolture, spesso facilmente attaccate da parassiti e altre avversità.

Nell’orto biologico, puntando sulla naturale sinergie tra le piante, si può evitare di fare ricorso a strategie potenzialmente dannose come l’uso di pesticidi. Il principio di collaborazione spontanea tra differenti specie vegetali può avvenire in vari modi.

Si riscontra, ad esempio, uno scambio delle sostanze nutritive col suolo, che viene mantenuto umido. Inoltre, si rileva anche la capacità di attirare o allontanare diversi tipi di insetti con benefici per le colture.

Consociazione ortaggi utili

Consociare alcuni tipi di ortaggi permette di ottenere molteplici effetti positivi nelle coltivazioni. In particolare, alcune consociazioni sono particolarmente note e indicate per ottenere vantaggi nel campo dell’agricoltura biologica. Si osservano conseguenze positive per entrambi i tipi di colture tra loro compatibili e per il terreno in cui sono coltivate.

Anche l’uomo beneficia di questa particolare tecnica agricola perché può così evitare il ricorso a sostanze potenzialmente dannose per la salute come i pesticidi.

Consociazione ortaggi: carote e cipolle sono specie vegetali compatibili e che possono beneficiare della reciproca vicinanza.

Carote e cipolle

È il caso, ad esempio, di carote e cipolle, in grado di trarre reciproci benefici dalla loro vicinanza. Ciò si verifica soprattutto per la capacità di allontanamento dei parassiti. In generale, si riscontro come tutti gli ortaggi appartenenti alla famiglia delle Ombrellifere beneficiano delle prossimità di esemplari della famiglia delle Liliaceae.

Oltre alla carota, quindi, anche finocchio, pastinaca e sedano sono facili da consociare non solo alla cipolla ma anche ad aglio, porro e scalogno.

Fagioli e patate

Un’altra consociazione interessante e utile risulta essere quella tra fagioli (o fave) e patate. I primi sono in grado di ridurre la presenza di un insetto, la dorifora, che attacca solitamente le patate. Queste ultime, a loro volta, aiutano ad allontare il tonchio, parassita del fagiolo. Inoltre, legumi come i fagioli o le fave contribuiscono ad arricchire il terreno di una sostanza nutritiva come l’azoto. Questo elemento si rivela molto utile per favorire la crescita delle piante di patate.

Pomodori e asparagi

Asparagi e pomodori sono due varietà vegetali sono ideali da piantare insieme poiché tendono ad utilizzare delle sostanze nutritive diverse presenti nel terreno. Dopo la raccolta primaverile degli asparagi, si consiglia di piantare i pomodori nello stesso terreno.

Oltre ad adoperare lo stesso spazio, si contribuisce in tal modo a contrastare la comparsa e la crescita di erbe infestanti. Inoltre i pomodori risultano essere compatibili anche con altre specie vegetali.

Possono essere pertanto coltivati con piante di lattuga, porro, cavolo, carote, cicorie, ravanelli e spinaci. Nell’orto sono possibili consociazioni di cicoria e radicchio con carota, pomodoro, fagioli, zucchine, fave e piselli.

Consociazione ortaggi: asparagi e pomodori sono compatibili poiché utilizzano sostanze nutritive diverse presenti nel terreno.

Le consociazione di ortaggi da evitare

Sebbene la consociazione si riveli molto utile e vantaggiosa, non tutte le piante possono essere considerate compatibili tra loro. Alcune specie vegetali, infatti, rischiano di entrare in competizione per via dell’utilizzo dello stesso tipo di sostanze nutritive presenti nel terreno.

Essere rischiano anche di danneggiarsi tra loro a causa del rilascio di sostanze poco gradite alla pianta cui sono consociate. In particolare, alcune specie vegetali si rivelano molto poco compatibili con le altre.

È il caso dell’assenzio, una pianta officinale da tenere lontana da tutti i tipi di ortaggi di cui rischia di limitare la crescita. È preferibile, inoltre, evitare l’accostamento di cavoli e fragole, piselli e aglio, finocchio e pomodoro.

Anche il peperone è un ortaggio che può essere poco compatibile con altre specie vegetali.

Si consiglia per questo di non consociarlo con patate, melanzane, fagioli e pomodori.

Altri articoli su orto e dintorni:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment