Cucamelon, il melone che sembra un piccolo cetriolo

di Claudio Riccardi del 19 Gennaio 2019

Alla scoperta del cucamelon: ha dei piccoli frutti della dimensione dell’uva, ma un sapore simile a quello del cetriolo. E no, non è un OGM…

Cucamelon, il melone che sembra un piccolo cetriolo

Mai sentito parlare del cucamelon? Si tratta di un frutto tropicale dalle caratteristiche originali. Nella forma assomiglia a un piccolo cocomero, ma in realtà ha frutti della dimensione dell’uva, e un sapore simile a quello del cetriolo.

Ma scopriamolo meglio nella guida di oggi.

Che cos’è il Cucamelon

Il nome scientifico di questa pianta rampicante è Melothria scabra, e appartiene alla famiglia delle Cucurbitaceae.

Prima che facciate un salto sulla sedia pensando all’ennesima pianta modificata geneticamente, sappiate che da centinaia e centinaia di anni viene coltivata nei boschi del Messico e dell’America Centrale. 

Qui viene chiamata in genere “sandita“, anche se le numerose comunità indigene del territorio hanno coniato delle varianti colorite e diverse tra di loro.

cucamelon

Il cucamelon viene anche chiamato “Sandita” nei paesi di origine

Nel mondo anglosassone, questi nomignoli sono stati poi tradotti con gli appellativi di “cucamelon“, “little watermelon“, “mouse melon“, “Mexican sour cucumber“, che sono poi le varianti con cui questo frutto – comunque diversissimo dal melone – è diventato noto fuori dal suo ambiente.

Da noi è noto anche come “cetriolino messicano”.

Il primo a descrivere scientificamente la pianta fu nel 1866 il botanista francese Victor Naudin.

LO SAPEVI? Rossa, verde, bianca o blu? La frutta o la verdura curano a seconda dei colori

Cucamelon: caratteristiche e sapore

La Sandita viene apprezzata per il suo gusto, che viene descritto come davvero unico, diverso da tutto quello che potete avere provato finora, ma anche perché è un cibo sano, senza alcuna controindicazione e con discrete proprietà nutritive.

Cucamelon come si mangia

Questo fruttino può essere mangiato al naturale, servito come un fresco stuzzichino, purché venga colto quando è ancora piccolo e dalla consistenza soda. Viceversa, perderà quel sapore simile al cetriolo che tanti apprezzano.

C’è chi lo apprezza come fresco frullato, insieme a qualche fogliolina di menta. Sempre crudo, può arricchire un’insalata, circostanza in cui garantisce anche un certo effetto “scenico”.

Ma può anche essere cucinato in padella e servito insieme ad altre verdure cotte, come pomodori e peperoni, in un misto di verdure cotte davvero originale.

E voi, conoscete altre ricette con il cucamelon?

cucamelon sandita

Un’altra bella immagine della Sandita o Cucamelon

Coltivare il Cucamelon

Si può coltivare nel proprio orto o terrazzo? Certamente sì. Noi non abbiamo ancora provato, anche perché non sono facilmente reperibili i semi.

Ma in rete fioccano le testimonianze che parlano di una piantina estremamente facile da coltivare, da piantare in primavera e che porta abbondanti frutti verso la fine dell’estate. Da provare assolutamente quest’anno!

Ecco anche dove potete comprare i semi online di questo cetriolino:

Qualche approfondimento tematico

Forse ti potrebbe interessare anche qualche approfondimento su frutti e verdure poco note:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment