Cuoio capelluto: secco o grasso tutti i rimedi naturali per tenerlo pulito, sano e profumato

di ScriBio del 21 Marzo 2019

Il cuoio capelluto è lo strato di pelle di più strati che riveste il nostro cranio ed è composto da vasi sanguigni, strati di epidermide, bulbi piliferi e capelli. Insomma un mondo intero nella nostra testa!

Cuoio capelluto: secco o grasso tutti i rimedi naturali per tenerlo pulito, sano e profumato

Che funzione ha il cuoio capelluto 

La primaria funzione del nostro cuoio capelluto, così come creato in natura, è di agire come una barriera di protezione e fungere da isolante termico: insomma ci protegge dagli agenti esterni.

Disturbi al cuoio capelluto 

Proprio perché molto esposto ai fenomeni atmosferici, all’aria alla pioggia al freddo e al caldo, può subire danni più o meno gravi e procurare anche dei fastidi. Molte persone soffrono di disturbi in questa parte del corpo che possono avere diverse cause, sia interne che esterne.

I danni del cuoio capelluto sono risolvibili con terapie tese al riequilibrio delle condizioni ottimali della pelle, con prodotti adatti, spesso anche con rimedi naturali.

Ma scopriamo quali sono i fastidi più comuni che interessano il cuoio capelluto.

Cuoio capelluto sensibile 

Se il cuoio capelluto è particolarmente delicato può prudere o arrossarsi a causa dell’ inquinamento, dello stress o dell’uso di prodotti troppo aggressivi.

Bisogna averne cura come qualsiasi altra parte del corpo, anzi più di altre parti perché ogni giorno è esposto a diversi agenti aggressivi che ne provocano l’indebolimento.

Cute sensibile: le cause 

Le cause del cuoio capelluto sensibile sono da additare a alcuni motivi più frequenti.

  • squilibrio nel processo di secrezione sebacea
  • stress
  • dieta non bilanciata
  • shampoo troppo aggressivo
  • uso troppo frequente di phon e messa in piega
  • acqua clorata (piscina)
  • lunga esposizione ai raggi solari
  • infiammazione dei muscoli erettori dei capelli

Cuoio capelluto sensibile: i rimedi 

Per ripristinare l’equilibrio fisiologico del cuoio capelluto è necessaria una routine quotidiana corretta e sana e l’uso di uno shampoo delicato.

Per quanto riguarda le abitudini quotidiane si consiglia:

  • mangiare sano
  • gestire lo stress
  • massaggiare regolarmente il cuoio capelluto per stimolare la circolazione sanguigna
  • non legare i capelli troppo a lungo, ma farli respirare
  • proteggere il capo se ci si espone al sole a lungo

Cuoio capelluto

Cuoio capelluto secco: sintomi cause e rimedi 

Un cuoio capelluto secco può provocare disagio. La secchezza del cuoio capelluto si manifesta quando il naturale equilibrio idrico viene danneggiato. I primi sintomi sono prurito e secchezza cutanea, a volte accompagnata da perdita dei capelli.

Cute secca: cause 

La cute secca può essere causata da diversi fattori interni al nostro corpo o provenienti dall’esterno. Le principali cause della secchezza del cuoio capelluto sono:

Cute secca: come curarla 

  • Uso di prodotti delicati. In caso di cute secca il primo consiglio è di usare uno shampoo delicato. In commercio ce ne sono molti e il farmacista o l’erborista potranno consigliarvi quello più adatto a voi.
  • Massaggio con olio. Un altro rimedio è il massaggio con olio per capelli o prodotti specifici
  • Laserterapia. Viene utilizzata in casi gravi per rivitalizzare i bulbi piliferi.

Cute secca: come prevenirla 

Un fattore che può determinare la cute secca è lo stress: in questo caso si consiglia di cambiare le abitudini giornaliere e vivere una vita più rilassata. Altri consigli per prevenire la secchezza della cute sono:

  • non usare troppo lacche e gel
  • seguire una dieta ricca di zinco e vitamine del gruppo B
  • non esporsi troppo al sole

Cuoio capelluto grasso 

La cute grassa è davvero fastidiosa: i capelli si presentano unti e oleosi, e spesso è associata a una cute con cattivo odore.

Cute grassa: cause 

Le cause principali del cuoio capelluto grasso sono:

Anche per la cute grassa si sono una serie di rimedi più o meno efficaci che però risolveranno questo problema molto pesante soprattutto per le donne, anche se puramente estetico.

Cuoio capelluto

Cuoio capelluto grasso: igiene 

Tra i rimedi da consigliare per la cute grassa sicuramente quello dell’igiene corretta e costante è il numero uno. Bisogna infatti lavarsi con frequenza i capelli grassi usando acqua tiepida , non troppo calda, e usando shampoo delicati adatti al problema.

Non usare mai schiume, gel, balsami o creme e anche piastre e arricciacapelli sono banditi: si consiglia di lasciare asciugare i capelli in modo naturale.

Cute grassa: rimedi naturali 

Il rimedio naturale più utilizzato nel caso di cute grassa è un massaggio con olio essenziale di bergamotto o olio essenziale di rosmarino. Massaggiare bene e poi risciacquare con abbondante acqua tiepida: evitare il balsamo ma utilizzare un cucchiaio di aceto di mele disciolto in acqua che donerà lucentezza e morbidezza.

Dalla tradizione orientale arriva invece l’impacco a base di amla: si tratta di una  erba officinale che si mescola con acqua calda e si applicata sulla chioma, lasciandola per circa 1 ora.

Cuoio capelluto che puzza 

Se, nonostante frequenti lavaggi, il cuoio capelluto emana comunque un cattivo odore, allora bisogna passare a nuovi rimedi.

Frequenti lavaggi non bastano e, anzi, lavarlo troppo spesso può aumentare anche la produzione di sebo e peggiorare la situazione.

Cattivo odore della cute: perché

Il cattivo odore della cute può essere causato da diversi fattori:

  • eccesso di grasso
  • eccessiva sudorazione
  • uso di prodotti chimici
  • squilibri ormonali
  • infezione batterica

Cute maleodorante: i rimedi naturali 

Esistono alcuni rimedi assolutamente naturali per contrastare il cattivo odore della cute e dei capelli.

Aloe vera: è efficace contro il cattivo odore contro forfora e contro la caduta dei capelli. Basterà applicare un pò di aloe vera gel sui capelli precedentemente lavati e lasciare in azione per 15 minuti. Risciacquate bene e ripetere più volte nella settimana.

Bicarbonato di sodio: ha la capacità di neutralizzare gli odori e ridurre il grasso del cuoio capelluto. Molti shampoo a secco fatti in casa sono infatti a base di bicarbonato. Basta mescolare 1 parte di bicarbonato ogni 3 parti di acqua: si forma una pappetta che può essere usata come shampoo. Bagnate bene i capelli si applica il composto e lasciate agire per 5 minuti, poi risciacquate abbondantemente. Ripetete una volta alla settimana.

Olio di Tea Tree: è perfetto per combattere il cattivo odore del cuoio capelluto se provocato da infezioni o eccesso di sebo ed è efficace contro la forfora. L’olio di tea tree (tre cucchiai) va disciolto in acqua e poi applicato nel capelli e nella cute massaggiando e lasciando riposare per 20 minuti. Sciacquare bene. Se l’olio di tea tree vi provoca bruciore o irritazione si può diluire in più acqua o addirittura nello shampoo.

Succo di pomodoro: è un prodotto acido che quindi aiuta a equilibrare il pH della pelle, eliminando il grasso in eccesso. Per utilizzarlo bisogna estrarre il succo del pomodoro e massaggiare la cute con massaggi circolari per 15 minuti. Quindi sciacquare con molta acqua tiepida. Ripetere due volte alla settimana.

Succo di limone: un alimento acido è il limone e per questo infatti viene utilizzato per molti shampoo per capelli grassi. Combatte forfora e grasso ma nel frattempo mantiene i cuoio capelluto morbido e profumato. Basterà spremere 2 limoni e raccoglierne il succo. Lavate i capelli e dopo applicate il succo e lasciate agire per cinque minuti. Poi risciacquate. Ripetete più volte alla settimana, anche tre.

Aceto di mele: è un rimedio che viene spesso utilizzato contro la pediculosi, ma è un ottimo rimedio anche per combattere il cattivo odore della cute e i capelli grassi, il tutto mantenendo inalterato il pH e rendendo i capelli belli lucidi. Bisogna mescolare 1 parte di aceto in 2 di acqua, applicare sul cuioi capelluto e lasciar agire 10 minuti. Ripetere una volta a settimana.

Cuoio capelluto che puzza: come prevenire 

Per combattere la cute maleodorante ci sono alcuni trattamenti preventivi che si possono consigliare:

  • shampoo anti-forfora: mantiene il cuoio capelluto sano.
  • zinco piritione: shampoo a base di questo minerale distruggono i lieviti che compongono la forfora.
  • botox: iniezioni di botulino nel cuoio capelluto riducono la sudorazione e di conseguenza il cattivo odore per circa sei mesi.

Cuoio capelluto

Scrub a come maschera di salute per il cuoio capelluto

Lo scrub al cuoio capelluto può essere un valido aiuto per affrontare piccoli problemi del cuoio capelluto. Elimina tutte le cellule morte e favorisce l’espulsione dell’eccesso di sebo, riportandola cute e i capelli a nuovo splendore.

In particolare uno scrub è ideale nel caso di prurito, rossori, desquamazione e forfora perchè aiuta a mantenere l’epidermide pulita e in buona salute.

Scrub fai da te 

Per realizzare uno scrub per la cute fai da te servono:

  • 2 cucchiai di zucchero
  • 4 cucchiai di balsamo o olio vegetale

Preparazione. Unite lo zucchero al balsamo o all’olio per ottenere una crema che spalmerete sulla cute, a capelli asciutti, con movimenti circolari che riattivano la circolazione sanguigna.

Se i capelli e la cute sono grassi si consiglia olio di canapa, di jojoba, oliva, ricino o semi di lino che hanno proprietà seboregolatrici.

Dolore al cuoio capelluto

La sensazione di dolore al cuoio capelluto si chiama tricodinia : si percepisce come fastidio e dolore al tatto alla radice dei capelli, può presentarsi di rado o essere cronico e accompagnarsi a bruciore, prurito, formicolio.

Si tratta di un fenomeno più diffuso nella donna. Fate un check up dei capelli ai primi sintomi, perché il dolore a volte può essere molto fastidioso e provocare un tale prurito da causare anche la alopecia.

Le cause

Questo fastidio è sintomo di un malessere del capello e spesso precede infatti la caduta dei capelli. Tra le varie cause dell’insorgenza del dolore al cuoio capelluto ci sono:

  • qualità e quantità del sebo: la ipersecrezione sebacea può infatti diventare dermatite seborroica irritando la cute.
  • forfora: può portare all’irritazione del cuoio capelluto ostacolando l’attività follicolare.
  • follicolite e acne: se presenti sul cuoio capelluto possono causare dolore alla cute.

Infine il dolore al cuoio capelluto può essere causato da un’infiammazione neuro-muscolare della cute, ipersollecitata dal bruxismo. In pratica digrignare i denti durante la notte causa una contrazione della muscolatura temporo -mandibolare, che col tempo può coinvolgere la muscolatura cranica causando oltre alla cefalea, anche la tricodinia.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment