Benessere

Crema per tatuaggi e alternative naturali

Regole e prodotti per la perfetta cura di un tatuaggio appena fatto

Siete soddisfatti del vostro bellissimo tatuaggio appena fatto! Ora dovete curarlo a dovere ed applicare più volte al giorno una buona crema per tatuaggi. Il post trattamento è infatti una fase molto delicata e da seguire in maniera molto scrupolosa, seguendo le indicazioni dell’operatore. I primi 10-15 giorni dopo aver fatto un tatuaggio sono infatti molto delicati e fondamentali per farlo guarire alla perfezione ed averlo ben delineato e dai colori vividi e brillanti.

Crema per tatuaggi e alternative naturali

A cosa serve la crema per tatuaggi

Una volta fatto un tatuaggio, occorre seguire in maniera molto scrupolosa le indicazioni fornite dall’operatore durante il periodo del post trattamento.

Per ottenere un risultato soddisfacente e duraturo è importante seguire alcune accortezze, come quella di non grattarsi e non togliere le crosticine che si formano, e applicare per 15-20 giorni la crema specifica per tatuaggi.

Non ci si deve mai scordare che, in pratica, il tatuaggio è una ferita. Per questo è molto importante averne cura durante il periodo della guarigione. Applicare una pomata è dunque fondamentale per favorire una guarigione ottimale.

La crema per tatuaggi svolge varie funzioni:

  • riduce lo stato infiammatorio
  • lenisce la pelle
  • nutre e idrata la pelle
  • favorisce la cicatrizzazione
  • velocizza il processo di guarigione
  • contrasta la disidratazione
  • protegge il tatuaggio creando una barriera protettiva
  • preserva il colore dell’inchiostro e l’integrità delle linee

Le caratteristiche di una buona crema per tatuaggi

Una buona crema per tatuaggi deve essere un prodotto specifico per la cura del tatuaggio. Mai utilizzarne quindi una qualsiasi, come creme viso e creme corpo generiche.

In genere, l’operatore professionista, a fine lavoro, spiega come comportarsi durante il post-trattamento e consiglia una specifica crema, talvolta fornendo addirittura un campioncino in omaggio. La più consigliata in questo senso è il Bepanthenol, che si vende in farmacia.

Ad ogni modo, una buona pomata deve avere alcune caratteristiche per essere una buona crema per i tatuaggi.

  • Ingredienti. È molto importante la presenza di agenti idratanti, lenitivi e protettivi, come il pantenolo, che idrata e rigenera la cute mantenendola elastica
  • Consistenza. Non deve essere troppo pastosa, ma potersi spalmare con facilità

Crema per tatuaggi

Ingredienti da preferire

Nei prodotti cosmetici, la lista degli ingredienti (INCI) è obbligatoriamente indicata in etichetta. I vari prodotti sono elencati in decrescente per quanto riguarda la percentuale di sostanza presente.

Nelle creme per tatuaggio, le sostanze più importanti, e quindi da preferire, sono:

  • pantenolo, che idrata tantissimo
  • burro di karité, che oltre a creare una barriera protettiva ma traspirante sul tatuaggio, nutre la pelle conferendole anche elasticità
  • oli vegetali che idratano a fondo
  • ingredienti lenitivi naturali, (calendula ed aloe vera ad esempio) che sono in grado di donare immediatamente un piacevole sollievo alla cute arrossata

Come si usa la crema per tatuaggi

Una volta eseguito il tatuaggio, l’operatore copre l’area con della pellicola trasparente, per intenderci, quella da cucina. Questa protezione va mantenuta per le 2-4 ore successive. Una volta rientrati a casa, o comunque in un posto pulito, è possibile sbendare il tatuaggio. Dopo essersi lavati le mani molto accuratamente, lavare il tattoo usando acqua tiepida e un sapone neutro e antibatterico.

Lasciare poi scoperto il tatuaggio in modo che possa prendere aria. Applicare la pellicola solo se si deve coprire la zona tatuata con l’abbigliamento, così da evitare sfregamenti e creare irritazioni.

Per 10-15 giorni, la crema va applicata per 3-4 volte al giorno, sempre eseguendo i seguenti passaggi:

  • detersione con acqua e sapone antibatterico
  • asciugatura delicata, senza strofinare, usando una salvietta pulita
  • applicazione di uno strato sottile di crema evitando di massaggiare per troppo tempo

Tutte le volte che se ne ha l’occasione, il tatuaggio va lasciato scoperto e all’aria aperta. Quando invece viene a contatto con indumenti o si esce di casa, i primi giorni è bene proteggerlo con la pellicola trasparente.

Crema per tatuaggi Bephantenol

Di certo, la crema per tatuaggi più conosciuta e quindi più diffusa. In commercio ci sono due tipi di Bepanthenol: la formula “classica”, che è una pasta lenitiva protettiva, e la cosiddetta “Bepanthenol Tattoo”, creata specificatamente per i tatuaggi.
A livello di ingredienti, i due prodotti sono del tutto simili. Entrambi contengono vitamina B5 e sostanze lipidiche ad alta concentrazione che idratano la pelle e la mantengono elastica.

Sicuramente, la Bepanthenol tattoo è un po’ più densa.

Crema per tatuaggi Nivea

Anche la classica Nivea Crema è indicata per la cura e la protezione dei tatuaggi. Priva di conservanti, tra i suoi ingredienti spicca Eucerit, un ingrediente fisiologico molto idratante.
Oltre ad idratare la pelle in profondità, rendendola morbida e levigata, la crema Nivea esalta i colori dei tatuaggi, rendendoli brillanti.

Creme per tatuaggi naturali

Abbiamo visto due grandi classici, ma per quanto riguarda le creme per tatuaggi, ci sono anche prodotti naturali.

Natural Repair Tattoo Lotion – 50 ml – Crema naturale per tatuaggi

Natural Repair è una crema naturale specifica per tatuaggi. Vegan friendly, (è formulata con il 94% di ingredienti di origine vegetale e da agricoltura biologica), ha alta azione idratante e dermoprotettiva. Priva di profumi, petrolati o altri additivi, non unge e si assorbe rapidamente perché caratterizzata da una texture ultra leggera.

Contiene:

  • Pantenolo, o Provitamina B5, che favorisce il processo di riepitelizzazione
  • Burro di Karité, che svolge funzione emolliente e protettiva
  • Vitamina E: antiossidante, ostacola gli effetti dei radicali liberi, principali responsabili del precoce invecchiamento cutaneo
  • Acido Ialuronico: trattiene l’acqua negli strati più superficiali della pelle, aiutandola a rimanere ben idratata
  • Olio di jojoba e olio di mandorle dolci: dall’azione elasticizzante
  • Calendula e Camomilla, che sono addolcenti
  • Allantoina: lenitiva

Sulla pelle tatuata crea una efficace barriera protettiva, riparandola dalle aggressioni esterne. Idrata intensamente e mantiene la pelle morbida ed elastica. Allevia tutti quei fastidi, come irritazione, prurito e sensazione di “pelle che tira” provocati da secchezza e disidratazione.

TATTOO PRO BeOnMe

TATTOO PRO BeOnMe è una miscela di oli e cere vegetali naturali e biologiche usata dai tatuatori professionisti perché impedisce il sanguinamento e favorisce la penetrazione dei colori. Idrata e nutre la pelle riducendo gonfiore e irritazioni.

Tra gli ingredienti compaiono la vitamina E, nota in ambito cosmetico per essere un potente antiossidante ed elasticizzante della cute, e il bisabololo, estratto dell’olio essenziale di camomilla dal potente effetto lenitivo ed antinfiammatorio.

Non contiene parabeni, siliconi, allergeni né profumi e coloranti sintetici.

Crema lenitiva idratante per tatuaggi di Almagreen

Crema per tatuaggi dall’azione lenitiva ed idratante, con burro di karité, pantenolo, Vitamina E, Calendula e Allantoina.
Estremamente idratante, favorisce il naturale processo di rigenerazione e riparazione della pelle, contrastando gli arrossamenti e favorendo il processo di naturale guarigione.

Badger balsamo per tatuaggi

Balsamo per tatuaggi a base di olio di cocco e di Tamanù. Idrata la pelle mantenendola morbida ed elastica. Protegge la pelle e, al tempo stesso, rende l’inchiostro chiaro e vivace. Grazie alla presenza di oli essenziali puri e delicati, ha un gradevole aroma delicato e naturale.

Crema per tatuaggi

Cosa mettere al posto della crema per tatuaggi: alternative naturali

Per la cura della pelle appena tatuata ci sono anche vari rimedi naturali da poter usare.

  • Burro di Karitè: molto nutriente, idrata a fondo e ha un effetto cicatrizzante dall’effetto intensivo
  • Tintura di calendula: lenitiva ed emolliente
  • Gel di Aloe Vera: previene arrossamenti e infiammazioni della pelle
  • Estratto di Malva, utile per prevenire le infezioni grazie alle sue proprietà antibatteriche
  • Olio extravergine di oliva

Cosa usare al posto della vaselina per curare un tatuaggio

Molti tatuatori, a lavoro finito, applicano la vaselina sulla pelle tatuata per mantenere idratare a fondo la pelle, in modo che il tatuaggio stesso duri nel tempo.

Tuttavia, la vaselina non è un prodotto 100% naturale, ma viene viene prodotta attraverso la raffinazione di petrolati. Inoltre, non lascia respirare bene la pelle, e potrebbe occludere i pori perché molto grassa. Meglio spalmare un velo d’ossido di zinco puro o di crema che ne contiene una alta percentuale, che previene le irritazioni e si usa anche per le dermatite da pannolino nei neonati.

Vediamo come preparare una valida alternativa alla classica vaselina. Basterà utilizzare 2 ingredienti naturalissimi.

  • 1/2 tazza di olio extravergine d’oliva
  • 1/8 di tazza di cera d’api pura, non raffinata

Preparazione. Mescolate l’olio d’oliva e la cera d’api a bagnomaria, tenendo il fuoco molto basso, fino alla completa amalgama dei due prodotti. Quando il composto è ancora caldo, versatelo in un contenitore e aspettate che si raffreddi del tutto. Quindi, una volta raffreddato, potete cominciare ad utilizzarlo, applicandolo sul tatuaggio appena fatto, seguendo le medesime indicazioni di una comune crema per tatuaggi.

Cosa succede se non metto la crema per tatuaggi

Il post trattamento tatuaggi è fondamentale per la buona riuscita del lavoro.

Se non si applica la crema o il prodotto naturale più adeguata nei giorni successivi al tatuaggio, si può andare incontro a problematiche sia estetiche che fisiologiche, quali, irritazioni e infiammazioni della cute, contorni non ben delineati, colori sbiaditi e non uniformi.

Idratare la pelle con una buona crema o delle alternative naturali è quindi importantissimo, tanto che è possibile continuare ad applicare la medesima crema anche a guarigione ormai avvenuta, continuando ad utilizzarla come prodotto di mantenimento.

Altri consigli utili per la cura di un tatuaggio appena fatto

Quando si decide di farsi un tatuaggio, è di fondamentale importanza rivolgersi ad un operatore professionista serio e conosciuto.

A operazione effettuata, l’operatore, fornisce alcune indicazioni per le cure dei primi giorni e il mantenimento del tatuaggio stesso.

Riassumiamo qui di seguito le principali regole da seguire.

  • Toccare il tatuaggio con le mani molto ben pulite e deterse per evitare il rischio ci infezioni
  • Dopo aver tolto la pellicola applicata dal tatuatore lavare la zona con acqua tiepida e sapone neutro antibatterico molto delicatamente
  • Per asciugare la zona tatuata usare una salvietta pulita e tamponare l’area trattata con delicatezza, evitando di strofinare
  • Applicare un velo di crema e non esagerare con le quantità
  • Lasciar “respirare” il tatuaggio ogni volta che si può, evitando di coprirlo, a meno che non ci trovi in un luogo molto sporco o pieno di polvere
  • Croste e crosticine devono cadere da sole e non bisogna grattarsi, anche se nei giorni a seguire, farà un po’ di prurito
  • Preferire indumenti in tessuti naturali e traspiranti, come lino e cotone
  • Evitare saune, spiagge e piscine fino alla completa guarigione

Anche dopo la totale guarigione del tatuaggio, ogni volta che ci si espone al sole, la zona tatuata va protetta totalmente, applicando una crema solare SPF 100 o SPF 50.

Tatuaggio: cosa non fare

Oltre alla manutenzione con la regolare applicazione di una crema per tatuaggi, dopo averne eseguito uno, è importante avere alcune accortezze. In particolare, appena si è fatto un tatuaggio, evitare di:

  • toccarlo, specie con le mani sporche: si possono provocare irritazioni o, peggio ancora, infezioni
  • indossare abiti in tessuti sintetici e/o troppo attillati; la pelle ha bisogno di respirare
  • grattarsi
  • togliere le crosticine
  • depilare la zona tatuata
  • andare in piscina, fare la sauna o fare il bagno in mare
  • prendere il sole (evitare l’esposizione per almeno un paio di settimane)
  • sudare molto, evitare quindi l’attività fisica intensa almeno nei 7-8 giorni dopo aver fatto il tatuaggio

Altre informazioni sulle creme

Se vi interessano le creme più adatte ai vari tipi di pelle e problemi cutanei o antiage, ecco alcune schede utili:

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness di cui è appassionata anche nella vita quotidiana, ed il benessere naturale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio