Bellezza

Crema anticellulite: guida alla scelta di una che funziona

La crema anticellulite svolgna azione estetica migliorando l’aspetto della pelle riducendo la ritenzione idrica e la buccia d’arancia.

La crema anticellulite è un prodotto molto diffuso e comune nel mercato della cosmesi. Ce ne sono di tutti i tipi, più o meno efficaci, più o meno costose. Vi aiuteremo a fare chiarezza su questo mondo molto redditizio, perché la cellulite è un inestetismo davvero comune, che colpisce le magre come le grasse, giovani e meno giovani di tutte le razze.

Crema anticellulite: guida alla scelta di una che funziona

Cos’è la cellulite

Ce l’ha l’85% delle donne adulte: è un inestetismo più o meno visibile, spesso causato dall’azione degli ormoni sessuali femminili (estrogeni e prolattina), che favoriscono una cattiva circolazione e la ritenzione di liquidi con il conseguente deposto di grasso in particolari zone del corpo come cosce, fianchi e glutei. Parliamo della famosa pelle a buccia d’arancia.

La pubertà, la gravidanza, l’allattamento al seno, le mestruazioni e il trattamento con estrogeni sono fattori scatenanti. Gli ormoni stimolano l’accumulo di grasso e rendono il tessuto connettivo meno flessibile. Le donne sono più sensibili degli uomini perché il corpo femminile contiene il doppio delle cellule di grasso rispetto al corpo maschile. Inoltre, la pelle degli uomini è più spessa e le loro cellule di grasso sono più piccole e più strette.

Ci sono poi concause legate ad uno stile di vita non equilibrato e alla familiarità.

Per la verità il problema non riguarda solo donne dopo i 40 anni e nemmeno chi è sovrappeso, ma tutti, anche persone magre e giovani e perfino gli uomini (5% dei casi totali). La cellulite infatti si trova sia nelle donne magre che in quelle in sovrappeso. Tuttavia, l’aumento di peso potrebbe renderla più evidente.

Tipi di cellulite

 

Si evolve in tre stadi:

  • edematosa o primo stadio, quando gli adipociti situati nell’ipoderma immagazzinano troppo grasso. Morbida, non è dolorosa se si pizzica la pelle, ed è dovuta ad un eccesso di grasso combinato alla mancanza di attività fisica. Infatti, il grasso in eccesso gonfia le cellule adipose (adipociti) fino a 50 volte la loro dimensione originale. Questo perturba la circolazione e causa l’accumulo di tossine, creando un’infiammazione locale. Alcune zone del corpo sono più colpite perché più ricche di adipociti, in particolare fianchi e coulotte de cheval. È la forma più comune di celluli
    te.
  • fibrosa o secondo stadio, la pelle è poco elastica e si formano piccoli noduli, segno di una cattiva circolazione sanguigna e di ritenzione idrica che gonfia le cellule adipose. Questa ritenzione idrica porta poi ad un accumulo di scorie e ad un’infiammazione dei tessuti sub-grassi. Si tratta di una cellulite poco visibile. Si trova sulla pancia, le braccia, le cosce, i fianchi ed i glutei.
  • sclerotica o terzo stadio, localizzata sulle cosce, dura e dolorosa al tatto, è conseguenza di un deterioramento delle fibre di collagene che circondano gli adipociti, comprimono gli stessi e il sistema nervoso. I noduli si riproducono e unisono. È dura al tatto, di colore violaceo e molto visibile. È dolorosa se si pizzica e palpa e si localizza negli strati più profondi del derma. È presente soprattutto sulle cosce ed è la più difficile da migliorare.

Purtroppo questi 3 tipi di cellulite spesso coesistono perché le cause che ne provocano la comparsa sono collegate. Si parla quindi di cellulite mista, la più frequente delle quali è una miscela di cellulite acquosa e cellulite adiposa.

Per questo ogni casa farmaceutica o azienda cosmetica propone la sua crema anticellulite: attenzione però perché le creme possono contribuire ad eliminare la pelle a buccia d’arancia, a rendere compatta e ben idratata la pelle, ma l’inestetismo viene combattuto da dentro e su più fronti.

Prevenire e curare la cellulite

Per prevenire la cellulite bisogna avere da sempre una buona e sana alimentazione ed uno stile di vita equilibrato.

  • bere molta acqua – oltre al litro – per migliorare la diuresi è molto importante.
  • non fumare e non bere alcool non solo per chi già è predisposto a ritenzione idrica, ma per tutti perchè alcool e nicotina compromettono la circolazione sanguigna dei piccoli vasi sanguigni e diminuiscono l’ossigenazione dei tessuti.
  • non indossare vestiti o scarpe troppo stretti, e una postura scorretta che genererebbe problemi di circolazione.
  • fare messaggi con oli essenziali per aiutare la microcircolazione locale
  • assumere tisane drenanti può migliorare la ritenzione idrica
  • fare regolarmente un massaggio, meglio se linfodrenante
  • usare creme e fanghi anticellulite
  • seguire la dieta mediterranea o comunque mangiare cibo sano
  • fare attività motoria
  • limitare fatica e stress, responsabili del rilascio di cortisolo, un ormone che favorisce la ritenzione idrica.

Ricordate anche che l’assunzione di contraccettivi orali o di alcuni farmaci come estrogeni, antistaminici e corticosteroidi può favorire la cellulite.

E le diete yo-yo modificano l’elasticità della pelle, rendendola più fragile e più favorevole all’insediamento della cellulite.

Le creme anticellulite possono raffinare la grana della pelle, drenare e rassodare, limitando la pelle a buccia d’arancia.

Cosa contiene una crema anticellulite

Ecco quali sono i più comuni ingredienti contenuti in una crema anticellulite:

  • Caffeina: la caffeina aumenti la  circolazione e promuova la lipolisi cioè lo scioglimento delle cellule adipose. Solo ad uso topico, bere caffè non aiuta la circolazione e gli effetti della cellulite.
  • Carnitina: si tratta di un amminoacido presente naturalmente nel corpo che serve per aiutare a bruciare i grassi e rafforzare le cellule della pelle.
  • Alghe: drenanti, energizzanti e lipolitiche (antigrasso)
  • Centella asiatica è una pianta in grado di stimolare una specifica proteina, la fibronectina, che aiuta a fissare l’integrità dell’endotelio dei vasi. Le sostanze contenute nelle foglie della centella contengono sostanze che aiutano a rafforzare le pareti dei vasi sanguigni, utilissima per prevenire il gonfiore e la pesantezza alle gambe e alle caviglie.
  • Escina, miscela delle saponine estraibili dai semi, dalla corteccia e dalle foglie di ippocastano.
    Questo estratto aumenta la resistenza dei capillari e ne riduce la permeabilità. Aiuta dunque a ridurre la ritenzione idrica e gonfiori, favorisce la circolazione capillare e riduce il senso di pesantezza alle gambe.
  • Ginkgo biloba: fitocomplesso ricchissimo in bioflavonoidi con proprietà benefiche sul sistema circolatorio.
  • Flavonoidi: sono composti naturali che svolgono azione protettiva nei confronti di capillari e microcircolo e sono adatti in tutti i trattamenti per la stimolazione della circolazione sottocutanea.
  • Retinolo: il derivato della vitamina A apporta molti benefici alla pelle dal punto di vista estetico perché la leviga e ne migliora l’aspetto
  • Saponine: aumentano la resistenza dei capillari, diminuendone la permeabilità favorendo il riassorbimento degli accumuli di liquidi.
  • Vitamina C: importantissima per la sintesi del collagene, ha proprietà anti-infiammatorie e anti-ossidanti

Come funzionano le creme anticellulite?

Agiscono e sono efficaci nel migliorare l’aspetto esteriore della pelle, levigando e dando tonicità all’area interessata.

Non combattono dunque la cellulite, ma solo l’aspetto a buccia d’arancia del derma.

Come si applica 

Perché una crema, o un gel o un olio anticellulite abbia effetto bisogna avere tanta pazienza. Va applicata per lunghi periodi con un bel massaggio sulla parte, senza avere fretta.

La crema va massaggiata con movimenti circolatori nelle zone che presentano l’inestetismo perché così viene riattivata la circolazione sotto pelle.

Crema anticellulite

Con il massaggio viene infatti stimolato il drenaggio linfatico per eliminare il ristagno dei liquidi e favorire la  rimozione delle scorie nelle zone in cui si accumulano i grassi.

Primo tra tutti il massaggio anticellulite, che dev’essere eseguito risp

ettando pochi semplici movimenti, ma fondamentali per raggiungere più facilmente il nostro obiettivo!

Come massaggiare con la crema

La crema va spalmata con un massaggio affinché sia davvero efficace. Questi i passaggi importanti per rendere ancora più efficace il trattamento:

  • spremete una noce di crema sul palmo della mano
  • applicate con movimenti circolari partendo dal basso verso l’alto (dalle caviglie alle cosce) con una buona pressione e con entrambe le mani
  • pizzicare la pelle e prenderne una plica tra le dita da strizzare e roteare
  • massaggiate a palmo aperto su caviglie, cosce e pancia sempre con movimenti circolari
  • massaggiate fino al completo assorbimento delle crema
  • si deve produrre una sensazione di calore

Quando usare la crema

Va utilizzata almeno 2 volte alla settimana. La parte interessata deve essere ben pulita e detersa. Si consiglia di eseguire l’applicazione dopo una doccia calda e uno scrub delicato. In questo modo è ancora più efficace per due motivi:

  • l’acqua calda dilata i pori e rende la pelle più ricettiva alle sostanze attive
  • lo scrub rimuove le cellule morte e rende la pelle più reattiva ai principi contenuti nella crema

Dopo il massaggio si consiglia di restare 5 minuti sdraiati con le gambe alzate per favorire la riattivazione venosa e ridurre il gonfiore alle gambe.

Vi sono in commercio creme per la notte: queste vengono quindi applicate prima di andare a letto perché durante il riposo notturno la pelle riesce ad assorbire tutti i principi attivi contenuti.

Attenzione a non cambiare crema o olio ogni volta, ma usare lo stesso per un intero trattamento.

Crema anticellulite fai da te: le ricette naturali

Per preparare la crema anticellulite tutta naturale si utilizzano alcune piante molto utili per riattivare la circolazione del sangue, per drenare e sgonfiare le gambe.

Oltre alle creme, per combattere questo inestetismo si consiglia sempre di avere una giusta alimentazione e di bere molta acqua.

Ecco alcune ricette per realizzare a casa delle creme contro la cellulite.

Crema anticellulite alla caffeina 

Ingredienti:

  • 3 o 4 fondi di caffè della moka
  • 5 cucchiai di crema idratante

Preparazione. In una ciotola mettete la crema per il corpo e i fondi di caffè. Mescolate bene e lasciate riposare per 5 minuti. A piacimento aggiungete anche 1 cucchiaio di miele millefiori.
Applicate il composto sulla parte interessata massaggiando e lasciate ad agire per 10 minuti, quindi risciacquate abbondantemente. Ripetete 2-3 volte alla settimana.

Crema anticellulite

Crema anticellulite all’olio di vinaccioli

Ingredienti per la crema:

Preparazione. Mescolate insieme tutti gli ingredienti fino ad ottenere una crema che potrete spalmare sulle gambe e sulle parti interessate. Lasciate agire per 30 minuti, quindi sciacquare con abbondante acqua tiepida e ripetere l’applicazione 3 volte a settimana.

L’olio di vinaccioli ha un efficace potere tonificante.

Crema anticellulite con oli essenziali 

Ingredienti per la crema all’olio essenziale di rosmarino, cipresso, cannella e lime.

  • 150 ml di crema idratante
  • 10 gocce di olio essenziale di rosmarino per eliminare le tossine
  • 30 gocce di olio essenziale di cipresso che tonifica e migliora l’aspetto della pelle
  • 10 gocce di olio essenziale di geranio che favorisce la circolazione
  • 5 gocce di olio essenziale di foglie di cannella che rafforza il tessuto connettivale
  • 20 gocce di olio essenziale di lime che rafforza i capillari e riduce la ritenzione idrica

Preparazione. Unire gli ingredienti e mescolare bene fino ad ottenere un composto spalmabile. Quindi riporre la crema in un barattolo di vetro e farla riposare per un giorno intero.Il giorno dopo applicarla sulle parti interessate con movimenti circolari dal basso verso l’alto tutti i giorni per 3 settimane.

Crema anticellulite

Crema anticellulite: guida all’acquisto 

Quello delle creme contro inestetismi della cellulite e ritenzione idrica è un business enorme per il settore della cosmetica.

Sul mercato sono presenti tantissime offerte, per ogni tasca e più o meno valide. Vediamo alcune.

Crema anticellulite ad azione intensiva

Sul mercato esiste un grandissimo numero di creme e gel anticellulite. Prima di tutto, qualunque sia il principio attivo del prodotto, la regola d’oro è di mobilitare i grassi prima di bruciarli.

Così 20 minuti di camminata veloce o di esercizio fisico dopo l’applicazione di una crema anticellulite aiuteranno a bruciare i grassi ed evitare che si depositino altrove.

Inoltre, è essenziale combinare uno scrub almeno una volta alla settimana per eliminare le cellule morte e favorire la penetrazione dei principi attivi.

Una buona crema ad azione intensiva deve avere tra i suoi principi attivi delle molecole che:

  • hanno azione drenante, per migliorare la ritenzione idrica
  • stimolano il microcircolo 

Per fare questo si concentrano su due azioni principali:

  • stimolano la lipolisi, cioè l’idrolisi dei grassi, grazie a degli enzimi (lipasi) che mobilitano i grassi del tessuto adiposo localizzato, prima scindendo i legami presenti nei trigliceridi, e poi trasformandoli in acidi grassi e glicerolo. Tra questi, sostanze xantine come caffeina e teofillina, carnitina, adrenalina, estratti di edera e di alghe, equiseto e clematide, l’escina, la forskolina, la L-carnitina, il retinolo, l’acido ialuronico per migliorare l’elasticità della pelle.
  • stimolano la diuresi, cioè depurano accelerando l’attività renale per eliminare i liquidi in eccesso dal corpo e le scorie. Ci sono piante diuretiche come il tarassaco o sostanze come  .
  • rinforzano le pareti dei capillari favorendo il microcircolo. I più comuni sono gli antiossidanti e i flavonoidi, che le rinforzano (come mirtillo, vite rossa) ma anche sostanze che fanno fare ‘ginnastica’ alle pareti, provocando prima vasodilatazione, riscaldando la zona, e poi vasocostrizione, raffreddandola. Tra queste capsaicina e mentolo.

L’azione meccanica del massaggio circolare con pizzicotti per stendere la crema, aiuta il drenaggio dei liquidi.

Altra attività a cui puntano le creme anticellulite è la stimolazione della lipogenesi. Lo scopo di questi principi attivi è quello di accelerare la maturazione degli adipociti al fine di limitare il più possibile il deposito di trigliceridi. Questi principi attivi sono presenti nelle xantine e nella florizina. La florizina viene estratta dai rami dei giovani meli e impedisce anche che il glucosio entri nelle cellule bloccandone i trasportatori.

Anche l’acido salicilico, ad azione emolliente, permette ai principi attivi di penetrare meglio nelle cellule passando la barriera cutanea.

Crema anticellulite efficace e 100% vegetale

Una crema bio vegetale può contenere degli oli essenziali che aiutano a stimolare il microcircolo. come l’olio essenziale di bergamotto, olio essenziale di arancio amaro, di mandarino e di limone, oppure l’olio essenziale di cannella e di ginepro.

La circolazione è anche attivata da piante come la centella, il meliloto, la vite rossa, i cui principi attivi devono essere presenti in una buona crema vegetale.

Deve contenere anche principi naturali che aiutano la diuresi, la depurazione ed il drenaggio come l’estratto di betulla, il tè verde ed essere accompagnate da tisane diuretiche al sambuco, al finocchio, al marrubio, all’aanice e alla bardana, al tiglio, e depurative al basilico, alla lavanda e alla menta.

Crema anticellulite drenante e idratante

Alcuni cosmetici puntano a drenare e idratare.

I principi attivi per facilitare il drenaggio di queste creme sono pilosella, edera, alga fucus e ippocastano, che migliorano la tonicità e la promuovono la microcircolazione. Rafforzano la resistenza dei capillari e hanno un’azione filtrante.

Questi cosmetici possono aiutare a rassodare la pelle, ma l’unico modo per ridurre la cellulite è attraverso l’attività fisica, una buona nutrizione e una dieta sana, buona idratazione.

I fanghi anticellulite alle alghe 

La maggior parte delle alghe contiene dei principi attivi (soprattutto iodio) che stimolano il metabolismo basale aumentano i mitocondri, le cellule energetiche delle nostre cellule, e accelerano la metabolizzazione dei grassi.

  • Il Fungus vescicolosus ha azione lipolitica
  • La Palmaria Palmata attiva la microcircolazione cutanea e quindi drena ed elimina i grassi.
  • La Clorella stimola le proteine strutturali della pelle per un effetto anti-flaccido e contro la buccia d’arancia.
  • La Laminaria Digitata limita l’ingresso dei grassi nel cuore degli adipociti e, inoltre, ne stimola la combustione.

Crema anticellulite

Oltre alle creme, sono dunque efficaci anche i fanghi. Specie se dopo l’applicazione, si avvolge la pelle in una pellicola trasparente per almeno 30 minuti.

Controindicazioni di alcuni principi attivi delle creme anticellulite

Fate attenzione che le creme e i fanghi a base di alghe contengono spesso tiroxina, una molecola che interferisce con le terapie della tiroide.

Analogamente, chi soffre di problemi di coagulazione del sangue, dovrebbe evitare creme a base di escina, sostanza derivata dall’ippocastano, che interferisce anche con gli antibiotici.

In generale, alcune contengono principi attivi che possono interferire con patologie pregresse e possono essere considerate dei veri e propri farmaci. Si sconsiglia dunque l’uso di creme anti cellulite

  • in gravidanza
  • in allattamento
  • a chi soffre di fragilità capillare
  • a chi ha patologie a carico della tiroide

È sempre meglio chiedere il parere al proprio medico prima di scegliere un trattamento anticellulite.

Alcune creme anticellulite sugerite

Azione intensiva

La crema snellente Somatoline 7 notti è una crema molto nota che promette un risultato già in 7 notti. Svolge la sua azione durante il sonno ed è un’azione intensiva, si sente infatti calore e anche pizzicare.

E’ ideata per rassodare la pelle e combattere cellulite e ritenzione idrica nel minor tempo possibile.
I risultati iniziano a vedersi effettivamente alla fine della prima settimana soprattutto perché la pelle appare più levigata e tesa.

Cosa contiene: altissime concentrazioni di sale marino ad azione drenante e in minor quantità escina e caffeina.
Sono presenti anche Peg, coloranti e conservanti sintetici, glicerina in alte concentrazione. Non è quindi particolarmente eco-friendly. Però funziona e costa poco.

Crema anticellulite efficace e 100% vegetale

La crema Wonder Body al veleno d’api è ricca di principi attivi per combattere gli inestetismi di ritenzione idrica e cellulite, ma anche per nutrire e idratare la cute. Utilizzabile su addome, glutei, cosce, seno e fianchi è ottima anche nella cura delle smagliature, anche dopo il parto.

Cosa contiene: si compone fondamentalmente di veleno d’ape (con il principio attivo la mellitina), guaranà e caffeina, tutti drenanti di origine naturale, oltre che acido ialuronico e vitamina E.
La crema è quindi tutta vegetale e si può utilizzare anche per lunghi periodi.

I risultati arrivano infatti dopo un uso prolungato ma sono ottimi risultati e senza controindicazioni.

Crema anticellulite con ottimo rapporto qualità-prezzo

Bionike Defence Body è una crema anticellulite ideata per contrastare gli inestetismi della pelle sia da un punto di vista del drenaggio dei liquidi sia di quello dell’attacco alle parti grasse.

Cosa contiene: pochi ingredienti il più possibile naturali, ma dal forte potere drenante e snellente , caffeina, carnitina, spirulina platensis e mentolo.
Presente anche cyclopentasiloxane, un silicone non aggressivo sulla pelle ma considerato poco eco-friendly.

Una crema che funziona contro la ritenzione idrica e il rapporto qualità prezzo è ottimo.

Drenante e idratante

La crema Nuxe Body è un prodotto dalle proprietà drenanti, apprezzabile per le proprietà idratanti, il gradevole profumo e l’effetto seta che regala alla pelle.

Cosa contiene: la formula contiene diversi nutrienti e vitamine ed una buona concentrazione di Prunus Amygdalus Dulcis, estratto dell’olio di mandorle. Contiene anche Polymethyl Methacrylate

Non totalmente naturale, ma comunque delicata e ottima anche per un uso prolungato. Viene apprezzata più per l’effetto idratante.

I fanghi a base di alghe 

I fanghi di Guam rappresentano un trattamento anticellulite basato sulle proprietà dei fanghi d’alga, noti per le ottime proprietà di elasticizzazione e tensionamento dell’epidermide.
I fitoestratti permettono una significativa riduzione della cellulite oltre che della ritenzione idrica.

I trattamenti di Guam sono davvero efficaci in termini di drenaggio dei liquidi, dissoluzione di tossine e strati adiposi con reale diminuzione del girocoscia.

Non è una crema da massaggiare ma un trattamento che necessita di tempo e pazienza. I fanghi vanno applicati sulla parte e lasciati per almeno 45 minuti avvolti nella pellicola. Tre volte alla settimana per almeno 10 giorni. Insomma è un impegno.

Cosa contengono oltre ai fanghi: fitoestratti di edera, centella, ippocastano, betulla e caffeina. Contiene anche Peg e parabeni. Non è dunque naturale al 100%.

Oggetto di studi internazionali sembrano essere ad oggi uno dei trattamenti migliori per combattere la cellulite.

Gel anticellulite 

Il Crio Gel Anticellulite di Collistar è soluzione consigliabile per chi cerca un prodotto che può davvero tonificare la pelle ed eliminare  l’effetto buccia d’arancia. Apprezzata perché è un gel fresco e leggero che si assorbe in fretta.

Cosa contiene: i principi attivi presenti sono quasi tutti di origine vegetale. Presente la centella asiatica verde, caffeina arabica, estratti vegetali antiossidanti come ribes e mirtillo. Presente anche un’alta concentrazione di cyclopentasiloxane, che è un silicone non biodegradabile oltre a glicerina e conservanti silconici e qualche parabene.

Non è dunque un gel green però resta un ottimo prodotto che promette ciò che dice, di facile applicazione ed è made in Italy.

ScriBio

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close