Tutto quello che c’è da sapere sullo scrub: benefici per la pelle, come farlo a casa con ingredienti naturali, differenze con il peeling…

di Maura Lugano del 2 Maggio 2019

Ma tutte sapete esattamente cos’è e a cosa serve lo scrub? E che differenza c’è con il peeling? Se avete dei dubbi, vi spieghiamo tutto noi in questa guida.

Tutto quello che c’è da sapere sullo scrub: benefici per la pelle, come farlo a casa con ingredienti naturali, differenze con il peeling…

Scrub: cos’è e a cosa serve

È un trattamento esfoliante della pelle grazie all’azione meccanica di micro-granuli o principi attivi chimici o enzimatici che hanno la capacità di eliminare i pori, rimuovere le cellule morte della pelle e le impurità dalla superficie dell’epidermide.

A seconda del tipo, ci sono trecniche di applicazione differenti. Lo scrubbing meccanico per agire richiede la realizzazione di un massaggio circolare, mentre quello chimico si applica delicatamente come un film.

Si tratta sempre di un prodotto in crema o gel dall’azione esfogliante da applicare sulla pelle umida, che viene risciacquato e può essere eseguito sia sul viso che sul corpo.

  • Scrub meccanici, sono i più comuni e contengono dei piccoli elementi abrasivi. Si applicano sulla pelle umida e devono essere attivati con movimenti circolari abbastanza forti da esfoliare, ma abbastanza delicati da non danneggiare l’epidermide.
  • Scrub chimici, non contengono particelle abrasive che devono essere attivate da un massaggio circolare. Si presenta come una crema e provoca una reazione chimica naturale. Si tratta di enzimi specifici che eliminano le cellule morte quando entrano in contatto con la pelle. Applicati come maschera sul viso, agiscono senza intervento o senza attrito.

Questo trattamento ha numerosi benefici:

  • pulisce in profondità la pelle, perché elimina il più possibile residui di sporco, di trucco e anche di smog.
  • elimina le cellule morte a livello superficiale.
  • facilita il rinnovamento degli strati cutanei superficiali.
  • prepara la pelle a ricevere successivi trattamenti di bellezza.
  • predispone la cute ad assorbire e assimilare in modo più efficace i principi idratanti, nutrienti e ristrutturanti di altri trattamenti cosmetici, di maschere e creme di bellezza.
  • facilita un’abbronzatura uniforme, perché rimuovendo lo strato corneo superficiale la tintarella sarà più duratura e omogenea.

Scrub, la traduzione

La parola viene dall’inglese e significa ‘strofinare’ ed in particolare ‘strofinare qualcosa di duro per pulirlo, specialmente usando una spazzola rigida, sapone e acqua’.

Da qui viene il nome di una sostanza usatat per pulire la pelle e renderla più morbida, soprattutto se è leggermente ruvida, strofinandola a fondo.

Differenza tra scrub e peeling

Se ci sottoponiamo a trattamenti presso centri estetici, possiamo scegliere tra tipologie diverse di scrub, ma non dobbiamo confonderlo con il peeling.

Esistono infatti dei trattamenti più profondi, i peeling, che utilizzano l’azione esfogliante profonda di composti chimici o naturali.

Il peeling chimico si basa sull’azione degli alfa-idrossiacidi, come l’acido glicolico, i quali agiscono chimicamente impedendo i legami chimici delle cellule dell’epidermide.

Quello naturale è legato all’azione meccanica di ingredienti granulosi che abradono leggermebte lo strato superficiale della cute, rinnovandola.

I peeling chimici sono più aggressivi  di quelli naturali poiché possono rimuovere anche le macchie della pelle e i segni del tempo più profondi.

Lo scrub è invece un massaggio manuale superficiale, poco aggressivo, più facilmente eseguibile, anche a casa, sia con prodotti appositi acquistati presso negozi ed erboristerie, sia con quelli da preparare da soli con ingredienti naturali.

Come si esegue uno scrub

Tutto quello che dovete sapere a livello pratiuco per farvi un gommage perfetto.

Tipi di scrub

Bisogna scegliere il prodotto giusto per le diverse esigenze e che rispetti il vostro tipo di pelle, così da non rischiare aggressioni e causare problemi come prurito o secchezza della cute.

Meglio non usare lo stesso esfoliante per tutte le parti del corpo. Corpo, viso, gambe, labbra, hanno tutti una struttura, uno spessore, una sensibilità e un film idrolipidico differenti. Gli scrub devono quindi essere adatti alle specificità di ogni zona del corpo.

Anche il tipo di pelle è un fattore importante per la scelta della composizione del gommage.

  • Pelle secca o delicata, che tende a scropolarsi facilmente o ad arrossarsi, scegliere un esfoliante poco aggressivo, che contenga agenti dratanti e granelli piccoli.
  • Pelle grassa, puntare su ingredienti che non tolgano il film idrolipidico per farle poi produrre ancora più sebo, ma che abbia comunque un’efficace azione astringente dei pori.
  • Pelle ruvida, su gomiti e ginocchia, meglio un prodotto con granuli più grossi, per rimuovere le cellule morte in maniera veloce ed efficace.

Anche la texture ha la sua importanza. Dovete trovarla piacevole da stendere sul vostro corpo. Lo scrub dovrebbe essere anche un momento di piacere e relax.

Quando fare lo scrub

Meglio eseguire l’esfoliazione la sera invece che al mattino. Infatti, di notte la pelle è ancora più ricettiva  alla stimolazione del rinnovamento cellulare innescato dal trattamento.

Di notte, la pelle è anche meno esposta allo stress e alle sostanze inquinanti esterne e non rischia di essere soffocata dal trucco che occlude i pori.

Step per uno scrub perfetto

Veniamo ai passi da seguire per un gommage perfetto:

  • eseguite solo sulla pelle umida, sia prima che dopo la detersione, per non avere un effetto abrasivo. Il prodotto sarà più facile da applicare e l’azione meccanica sarà facilitata.
  • distribuite il prodotto su tutto il corpo o il viso, evitando le aree sensibili come la zona occhi, le parti intime, dove la pelle è lesionata.
  • eseguite un massaggio circolare delicato per spalmare bene il prodotto e favorire la circolazione sanguigna. Ci sono scrub efficaci anche per ridurre i problemi di cellulite. Non è necessario strofinare la pelle con foga,
  • utilizzate alcuni accessori per aumentare l’efficacia del gommagem come un guanto di crine di cavallo o una spugnetta a base di luffa.
  • distribuite il prodotto su tutto il corpo o il viso, evitando le aree sensibili come la zona occhi, le parti intime, dove la pelle è lesionata.
  • risciaquate con cura con acqua tiepida per rimuovere tutto il prodotto.
  • non fatelo in caso di eczema o scottature solari.
  • potete farlo anche sui capelli, soprattutto se tendono ad essere grassi. Renderà il cuoio capelluto più sano ed eviterà la forfora o l’eccessiva produzione di sebo.

 

Come fare uno scrub naturale

Per pulire profondamente l’epidermide lo scrub casalingo deve sfruttare sostanze di tipo granulare, ad esempio lo zucchero e il sale fino o grosso, il bicarbonato, i fondi di caffé, la farina bianca, la farina di mais, il cacao e simili.

Questi prodotti agiscono sfregando l’epidermide e quindi eliminando le impurità che possono favorire il prodursi di punti neri, brufoli e cellule morte, che sono la causa di una pelle spenta e poco elastica.

Oltre alle sostanze esfolianti, occorre aggiungere un ingrediente dalle proprietà idratanti e nutrienti come può essere un olio vegetale, ad esempio l’olio di mandorle dolci, di jojoba, il burro di cocco (che si scioglie sopra i 20°) o anche l’olio di oliva, tutti oli dotati di proprietà cosmetiche idratanti, emollienti e antinvecchiamento: Si può optare anche per il miele che è lenitivo e cicatrizzante.

Mettendo insieme i due tipi di sostanze si ottiene un composto cremoso che si stende facilmente sul viso (evitando le zone bocca e occhi) o sul corpo.

Se si desidera rendere il momento dello scrub un’esperienza sensoriale più completa, si aggiunge qualche goccia di olio essenziale a piacere, o ancora alcune gocce di succo di limone se si vuole ottenere un effetto astringente su pelli grasse.

Le ricette per esfogliare la pelle naturalmente

Numerose, facili e veloci sono le ricette per creare dei cosmetici naturali. Le combinazioni per farsi una crema esfogliante sono infinite: bicarbonato e acqua, zucchero di canna e acqua, miele e zucchero di canna, zucchero e olio di oliva, zucchero, fondi di caffé e yogurt naturale… Ve ne proponiamo alcune, tenendo a mente che la composizione di base è sempre 80% di sale o zucchero e 20% di olio vegetale, da arricchire a piacere con altri ingredienti.

Scrub viso

Sul viso e collo si può eseguire settimanalmente un gommage delicato.  Si effettua su una pelle pulita e deve essere adattata al tipo di pelle (secca, mista o grassa).

Si applica il prodotto su décolleté, collo e viso, evitando il contorno occhi e labbr con un lieve massaggio circolare piuttosto dolce. Poi si risciacqua con acqua tiepida e si asciugare con una salvietta morbida, applicando poi una maschera o una crema idratante per proteggere la pelle.

Si può applicare uno prodotto delicato sulle zone dove la pelle è secca, e uno purificante sulle zone dove i pori sono dilatati.

Scrub viso alla rosa

Lo zucchero svolge un’azione levigante, l’olio di cocco quella protettiva e anti-invecchiamento, mentre l’olio di girasole quella idratante e ammorbidente. Vi occorre anche un vasetto di vetro a chiusura ermetica lavato, asciugare e magari, sterilizzato, come si fa quando si preparano i vasetti per le confetture. Usate dei petali di rosa del vostro giardino o che non sia stata trattata con prodotti chimici,

Inoltre vi servono:

Preparazione. Con l’olio di cocco ammorbidito nel microonde o sul fuoco, si crea il primo strato  riempiendo il vasetto di vetro per un terzo della sua capacità.

scrub

Il secondo strato è composto dai petali della rosa. Vanno staccati con cura dalla corolla,preferibilmente colta al mattino presto, lavati e asciugati delicatamente, posti sopra allo strato di olio di cocco e schiacciati leggermente con un cucchiaio.

Successivamente coprite i petali della rosa con alcuni cucchiai di zucchero di canna per ricoprire bene i petali. Ora ricoprite lo zucchero con l’olio di girasole, che va versato fino quasi al bordo del vasetto. Chiudete bene e attendete circa 7 giorni, così che l’essenza di rosa permei bene lo zucchero e l’olio di cocco.

Scrub viso: benefici

Esfoliare con regolarità il viso, e anche il corpo, contraramente a quello che si pensa, non rovina la pelle e non ne accelera l’invecchiamento. Pporta invece numerosi benefici all’epidermide:

  • affina la grana e la texture della cute.
  • richiude i pori.
  • restituisce luminosità all’incarnato.
  • stimola il rinnovamento e l’ossigenzazione cellulare.
  • rigenera i tessuti.
  • favorisce la penetrazione dei principi attivi cosmetici.
  • favorisce un’abbronzatura uniforme e che dura più a lungo.

Scrub corpo

Per levigare la pelle del corpo basta fare un trattamento esfoliante una volta alla settimana, anche se alcuni prodotti particolarmente delicati possono essere applicati ogni due giorni.

Non dovete temere di rovinare o stimolare eccessivamente la pelle del corpo, che anzi sarà ancora più luminosa e liscia, ma evitate in caso di lesioni, ustioni, infezioni cutanee o scottature solari.

L’esfoliazione regolare rigenera i tessuti e ottimizza la penetrazione dei principi attivi anti-età.

Unica eccezione, fate attenzione a non esagerare con lo scrub se avete la pelle grassa, perché una eccessiva esofliazione stimolerà la secrezione di sebo, già eccessiva, per ripristinare il film idrolipidico. Quindi troppi trattamenti manterranno viva l’iperseborrea.

Scrub corpo alla lavanda

Con la lavanda essicata e con pochi altri ingredienti naturali è possibile preparare un esfoliante per il corpo in modo facile e veloce. Procuratevi un vasetto di vetro a chiusura ermetica di piccole dimensioni e questi ingredienti:

  • 2 cucchiai di fiori di lavanda esiccati
  • 180 gr di zucchero
  • 6 gocce di olio di girasole
  • 12 gocce di olio essenziale di lavanda
  • 1 cucchiaino raso di ultramarino violetto in polvere

Preparazione. Triturate i fiori di lavanda nel mixer con 6 gocce dell’olio essenziale di lavanda. Quando i fiori sono sufficientemente polverizzati metteteli in un vasetto di vetro alternando alcuni cucchiai di fiori polverizzati con alcuni di zucchero, e mescolando via via. In linea di massima aggiungete qualche cucchiaio in più di zucchero rispetto alla lavanda, mescolate bene tra di loro all’interno del vasetto.

Per conferire un colore ancora più viola alla preparazione, potete versare in un piccolo recipiente di vetro l’olio di girasole e l’ultramarino violetto. Mescolate e aggiungete anche altre gocce di olio essenziale di lavanda. Unite questo olio colorato alla preparazine nel vasetto di vetro, avendo cura di coprire fino al bordo tutta la lavanda e lo zucchero. Mescolate delicatamente in modo che l’olio si amalgami con lo zucchero e i fiori polverizzati.

Chiudete ermeticamente il vasetto e lasciate a riposo per 3-4 giorni prima di farne uso. 

Scrub corpo: bicarbonato

Per avere la pelle liscia come quella dei bambini potete farvi un gommage a base di bicarbonato di sodio.

Attenzione, è controindicato per chi ha pelle sensibile e delicata. Inoltre,  bene fare questo trattamento una colta al mese, perché è comunque aggressivo.

Ecco due ricette di scrub al bicarbonato di sodio per il corpo: una più delicata e una più energetica.

Ricetta dello scrub al bicarbonato

Questo esfoliante è adatto alla pelle del corpo, specialmente per le zone più ruvide e callose, anche dei talloni.

  • 1 cucchiaino di miele liquido
  • 1 cucchiaino di olio d’oliva
  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio

Preparazione. Mettete in una ciotola tutti gli ingredienti e mescolate bene. Applicate subito sulla pelle umida e riscciacquate con acqua tiepida dopo 5 minuti.

Ricetta scrub delicato al bicarbonato

Questo esfoliante è perfetto per il viso, elimina impurità e punti neri ed è astringente.

  • ½ cucchiaio di bicarbonato di sodio
  • 1 cucchiaio di crema nutriente per il viso
  • 8 gocce di olio essenziale di lavanda

Preparazione. Mettete in una ciotola tutti gli ingredienti e mescolate bene. Applicate subito sulla pelle umida e riscciacquate con acqua tiepida dopo 5 minuti.

Scrub gambe

Scrub gambe emolliente al miele e farina e olio di avocado

Questa ricetta è indicata per chi ha la pelle secca, soprattutto nella zona delle ginocchia, caviglie e dei gomiti, ecco cosa occorre:

  • 2 cucchiai di olio di seme di avocado
  • 125 gr di farina di mais
  • 250 gr di miele

Preparazione. Mettete la farina in una terrina e aggiungete, poco alla volta, l’olio di avocado mescolando delicatamente con un cucchiaio di legno, poi versate il miele in un recipiente e passate al microonde per dieci minuti. Versate nel miele l’impasto a base di farina e olio di avocado e mescolate bene.

Si conserva in frigorifero. Dopo un breve pediluvio in acqua calda si applica il composto sui piedi massaggiando, si lascia in posa dai 10 ai 15 minuti, quindi passtea la pietra pomice per eliminare le cellule morte.

Scrub piedi

Anche le nostre estremità, come ogni altra parte del corpo, meritano un po’ di attenzione, soprattutto in estate, quando possono essere lasciate all’aria aperta e non più chiuse nelle scarpe.

Vediamo alcune ricette facili da fare, che utilizzano solo ingredienti naturali.

Scrub per i piedi esfoliante

Per esfoliare e eliminare le cellule morte dei talloni, occorrono i seguenti ingredienti:

Preparazione. Tagliate i lime a pezzi e metteteli in un mixer per frullarli, quindi aggiungete lo zucchero, l’olio essenziale di lime e l’olio di mandorle e mescolate bene. Se ne utilizza una noce e si massaggiano i piedi per alcuni minuti, quindi si elimina con acqua tiepida e si termina il trattamento applicando una crema idratante. Si può conservare in frigorifero all’interno di un contenitore a chiusura ermetica per almeno 1 settimana.

scrub

Scrub per i piedi a base di caffè

Consigliato per rigenerare e rinfrescare i piedi dopo una lunga giornata di lavoro, specie se si sono trascorse molto ore senza sedersi. Occorrono:

  • 6 cucchiai di caffè macinato
  • 4 cucchiai di sale marino
  • 4 cucchiai di farina di mais
  • 5 cucchiaini di olio di jojoba oppure di olio di mandorle dolci o di olio di sesamo
  • 2 gocce di olio essenziale di menta piperita
  • 2 gocce di olio essenziale di lavanda.

Preparazione. In una terrina capiente versate il caffé macinato, il sale marino e la farina. Poi, mescolate fino a che non rimangono più grumi.

scrub

Aggiungete l’olio di jojoba, o le alternative scelte, e gli oli essenziali. Mescolate ancora bene fino a formare un impasto cremoso e morbido. Si utilizza eseguendo dei massaggi circolari fino a che non si raggiunge la sensazione di sollievo, quindi si sciacqua con acqua tiepida. Anche questo scrub si conserva in frigorifero per 1 settimana.

Altre informazioni

Potete trovare alcuni prodotti-base per farvi un esfoliante in casa anche online:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment