Piante e fiori

Tutto sull’Eranthis hyemalis, meglio nota come Anemone d’inverno o Piè di gallo

Caratteristiche e consigli per la cura e la coltivazione

Oggi parliamo della Eranthis hyemalis, una deliziosa pianta che regala grandi soddisfazioni, soprattutto perché ha la gradevole abitudine di fiorire in pieno inverno. Con i suoi incantevoli fiorellini gialli, tra gennaio e febbraio, punteggia prato e aiuole, spuntando talvolta anche in mezzo alla neve. Si tratta di una perenne molto pratica e semplice da gestire perché, una volta piantata, si naturalizza espandendosi da sola e ricoprendo vaste porzioni di terreno. È particolarmente adatta come tappezzante nei giardini rocciosi o per creare macchia in grandi aiuole.
Andiamo a conoscerla più da vicino.

Tutto sull’Eranthis hyemalis, meglio nota come Anemone d’inverno o Piè di gallo

Eranthis hyemalis, caratteristiche

La pianta di Eranthis hyemalis (nome scientifico Eranthis x tubergenii o ‘Guinea Gold’) appartiene alla famiglia delle Ranunculaceae ed è di tipo erbaceo. Ha uno sviluppo in altezza molto moderato; infatti non supera i 10-15 cm. Inoltre, prima che la pianta raggiunga il suo massimo sviluppo, sono necessari dai 2 ai 5 anni. Nota anche con il nome di piè di gallo o anemone d’inverno, presenta foglie color verde chiaro e piccoli fiori, a 6 petali, di un bel giallo oro intenso, che sbocciano a partire da gennaio. Simili a palloncini, i fiorellini si aprono nelle giornate di sole per poi richiudersi la notte e quando il cielo è nuvoloso.

SPECIALE: Fiori invernali, quali sono?

Etimologia

Il generico nome generico “Eranthis” deriva da due radici greche: er, che vuol dire “primavera”anthos, che significa “fiore”. Chiaro riferimento alla precoce fioritura della pianta. Il nome specifico “hyemalis”, deriva invece dal latino e significa “inverno”, sempre quindi in riferimento al momento della fioritura.

Il nome completo, ovvero il binomio scientifico attualmente accettato (Eranthis hyemalis) fu proposto dal botanico britannico Richard Anthony Salisbury in una pubblicazione del 1807. In origine, infatti, questa pianta era classificata come Helleborus hyemalis, terminologia con cui oggi si indica il basionimo della pianta medesima.

Eranthis hyemalis
Uno dei primi fiori a sbocciare nell’anno

Eranthis hyemalis , quando fiorisce

Fiorisce nel cuore dell’inverno, in gennaio-febbraio, punteggiando il prato o le aiuole di splendidi fiorini gialli a forma di coppetta, che talvolta spuntando in mezzo alla neve.

Coltivazione dell’Eranthis hyemalis

Facile da coltivare, è adatta come tappezzante nei giardini rocciosi o per creare magnifiche macchia di colore nelle aiuole. Vediamo quali sono le condizioni migliori per poter coltivare al meglio l’Eranthis hyemalis.

  • Clima: non teme il gelo. Anzi, sopravvive a temperature comprese tra -14° e -10 gradi
  • Esposizione: sta bene in un luogo soleggiato o semi-ombreggiato. Non ama infatti l’ombra totale. In genere, si tende a posizionare i bulbi dell’eranthis hyemalis sotto piante ad alto fusto e a foglia caduca, così che in inverno godano di molto sole e vengano invece ombreggiate dalle nuove foglie in estate
  • Terreno: ama i terreni sciolti, ben drenati e ricchi di humus. È molto importante che il terreno non trattenga eccessiva umidità, per evitare di favorire il marciume dei piccoli bulbi. Il pH può essere acido, alcalino o neutro
  • Annaffiatura: in genere è sufficiente l’acqua piovana. Tuttavia, soprattutto in casi di siccità prolungata, può necessitare di annaffiature ulteriori
  • Concimazione: durante il periodo autunnale si consiglia di spargere attorno alle piante del concime granulare a lenta cessione. La concimazione è inoltre fondamentale al momento dell’impianto
  • Potatura: non è necessaria una vera e propria potatura. È sufficiente rimuovere le parti danneggiate, secche o sfiorite
Eranthis hyemalis
Un bellissimo primo piano dei suoi fiori gialli

Moltiplicazione della Eranthis Hyemalis

In genere, la moltiplicazione dell’anemone invernale avviene per seme, in primavera. Le piantine crescono rapidamente, ma occorre aspettare 2-3 anni prima di ottenere una fioritura soddisfacente.

Un altro metodo consiste nel dividere i ciuffi che si vengono a formare e poi interrare direttamente a dimora la porzione prelevata.

Parassiti e malattie

L’Eranthis Hyemalis è una pianta piuttosto resistente. Non ci sono particolari malattie né parassiti che la infettano. L’unica problematica che potrebbe riscontrare è lo sviluppo del carbone, una malattia che si cura con medicinali specifici.
Attenzione sempre ad evitare i ristagni idrici.

Eranthis hyemalis
Una pianta incredibilmente resistente al freddo

Approfondimenti tematici

Ed infine, ecco alcune schede monografiche su piante e fiori:

  • Piante da appartamento, le migliori contro l’inquinamento domestico
  • Lillà: caratteristiche, consigli e cure di questa pianta fiorifera
  • Tutte le principali piante resistenti al freddo
  • Piante erbacee: varietà, elenco e classificazione
  • Tutto sul cisto, una pianta mediterranea che ricorda la rosa selvatica
  • Piante annuali: varietà, coltivazione e cure
  • Lobelia: un genere di piante molto amate per il loro potenziale decorativo
  • Pachira: aspetto e cura di questa pianta che possiamo coltivare nei nostri interni
  • Le diverse varietà di euphorbia, dalle più decorative a quelle più facili da coltivare
  • Come coltivare il Clerodendro, una pianta altamente decorativa
  • L’aconito è una pianta velenosa dai bellissimi fiori blu, usata in omeopatia per curare ipertensione e ansia grave
  • Lantana: una pianta dal grande potenziale ornamentale
  • Alla scoperta della santolina: spesso utilizzata per decorare aiuole e siepi, è anche un ottimo rimedio fitoterapico
  • La Fritillaria, una pianta ornamentale dal design particolare e dagli splendidi fiori esotici

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button