Categories: Yoga e mente

Tutto sull’ikigai, il metodo giapponese per scoprire il senso della propria vita

Cos'è, gli esercizi da fare e i libri da leggere per scoprirlo

L’ikigai è uno dei principi giapponesi più interessanti, che si può tradurre con le espressioni ‘ragione per vivere’ o ‘ragione della propria esistenza’. Per loro ognuno di noi abbia il suo scopo nella vita e, a un certo punto, arriva il momento in cui è necessario andarlo a ricercare.

Prendere coscienza di quale sia il proprio scopo nella vita può migliorare l’esistenza sotto vari aspetti.
Alcuni esperti lo considerano il segreto della felicità e della longevità che caratterizzano il popolo nipponico, ed è una delle filosofie e delle pratiche giapponesi più conosciute in Occidente, come il kintsugi, l’arte della riparazione della ceramica e del sè, l’ikebana, l’arte di comporre i fiori, il giardino zen, ed il konmari il metodo di Marie Kondo per riordinare la casa, buttando l’inutile. Da qualche anno, anche la cultura occidentale ha iniziato ad avvicinarsi a queste filosofie.

Andiamo quindi a capire meglio di cosa si tratta e come iniziare ad applicarla per scoprire il proprio ikigai ed essere più felici.

Cosa vuol dire ikigai?

Si tratta di un termine giapponese che vuol dire ‘ragione d’essere e di esistere’. Iki in giapponese, vuol dire ‘vita’ e gai vuol dire ‘valore’. Dunque, è lo scopo della propria vita o la propria felicità. È ciò che dà gioia a una persona, la ragione che ci spinge ad alzarci dal letto ogni mattina.

Secondo la filosofia tradizionale giapponese, ognuno ha il proprio. Basta solo trovarlo e seguirlo per essere felici.

Origini dell’ikigai

Pare che il concetto sia un’evoluzione dei principi di base della salute e del benessere della medicina tradizionale giapponese.

Secondo i principi di questa tradizione medica, il benessere fisico, infatti, è influenzato dalla salute mentale ed emotiva, nonché dall’avere uno scopo nella vita.

La psicologa giapponese Michiko Kumano, nel 2017, ha affermato che coincide con uno stato di benessere e appagamento derivanti dalla devozione per le attività di cui si gode.

Il neuroscienziato Ken Mogi, autore di Awakening Your Ikigai, sostiene che sia un concetto antico che può essere tradotto come il ‘motivo per alzarsi la mattina’ o anche solo ‘svegliarsi alla gioia’.

Come si scrive ikigai in giapponese

L’ikigai (生き甲斐) è l’equivalente giapponese di espressioni italiane come ‘ragione di vita’ e ‘ragion d’essere’.

Come capire il proprio ikigai

Il proprio principio si trova nel punto in cui si incrociano la propria passione, la propria missione, la propria professione e la propria vocazione.

Si trova quindi all’incrocio di 4 aree fondamentali:

  • le cose che  vi piacciono
  • quello di cui il mondo ha bisogno
  • ciò in cui siete bravi
  • le cose per cui potete essere pagati

Per capire quale sia questo principio personale, potrebbe essere utile compilare un diagramma composto da 4 cerchi che si intersecano.

  1. Nel primo cerchio bisogna elencare tutte le cose in cui si è bravi. Questa sfera racchiude talenti o capacità che si possiedono, indipendentemente dal fatto che la persona ne sia appassionata o meno.
  2. Nel secondo cerchio si scrive tutto ciò che si ama, porta gioia e che fa sentire più vivi e realizzati. Ad esempio, cantare, scrivere, uscire con gli amici, nuotare, leggere romanzi…
  3. Nel terzo cerchio vanno elencate le cose di cui il mondo e l’umanità hanno bisogno. Si potrebbe trattare dell’Umanità intesa in senso globale o anche solo di una piccola comunità.
  4. Nell’ultimo cerchio, si devono inserire le attività per cui si potrebbe essere pagati. E quindi tutti quei servizi e quelle cose per cui c’è un mercato.

All’incrocio tra ciò che si ama e ciò in cui si è bravi ci sono le proprie passioni.  Nella zona di intersezione tra ciò che si ama e ciò di cui il mondo ha bisogno c’è la propria missione.

All’incrocio tra ciò di cui il mondo ha bisogno e ciò per cui si può essere pagati c’è la propria vocazione. E all’incrocio tra ciò in cui si è bravi e ciò per cui si può esser pagati c’è la propria professione.

L’intersezione centrale è la più importante. Quella è il proprio principio.

Concludendo, questo principio è al tempo stesso qualcosa che appassiona, in cui si è anche bravi, di cui il mondo ha bisogno e per il quale qualcuno sarebbe disposto a pagare.

Test dell’ikigai

Per poter compilare il test come appena spiegato, è quindi necessario rispondere a 4 domande fondamentali.

  1. Che cosa ami, qual è la tua passione? Questa è una domanda molto importante perché può essere lo stimolo fondamentale e il vero motivatore dell’esistenza. Bisogna quindi chiedersi ‘cosa mi piace veramente?’ Cosa farei se non avessi il problema di dover guadagnare e potessi solo seguire il mio cuore in totale libertà?”
  2. In cosa sei bravo? Questa domanda serve per far emergere la propria vocazione. Può coincidere, ma anche no, con la risposta che abbiamo dato alla prima domanda. Tuttavia, in questo caso, si tratta di una questione più pratica e meno emotiva. Non sempre talento e passione coincidono.
  3. Cosa vuole il mondo da te? Questa è, forse, la domanda più difficile di tutte. In pratica, si tratta di capire qual è il compito che abbiamo sulla terra. Cos’è quella cosa che è utile a noi stessi ma anche agli altri e al pianeta per diventare un posto migliore
  4. Qual è la tua professione? Domanda semplice e piuttosto pratica

Le risposte potrebbero sovrapporsi oppure essere molto diverse. L’ideale sarebbe trovare un equilibrio tra tutte e 4 le sfere.

Filosofia dell’ikigai

Dietro al concetto di ikigai c’è una vera e propria filosofia che ruota attorno a 5 grandi pilastri. Ecco quali sono.

  • Iniziare in piccolo
  • Lasciarsi andare
  • Armonia e sostenibilità
  • Provare gioia per le piccole cose
  • Vivere nel qui e ora

Esercizi di ikigai

Come si sarà potuto intuire, scoprirlo non è proprio semplice e neppure immediato. Potrebbe essere utile fare dei piccoli esercizi quotidiani che allenano la felicità. Vediamone alcuni esempi.

  • Prendersi dei momenti per pensare ai propri sogni
  • Prendersi cura della propria mente e del proprio corpo: mangiare sano, tenersi in ordine, dormire bene, concedersi qualche coccola di benessere…
  • Ogni sera, scrivere su un diario le cose belle accadute nel corso della giornata e per le quali si è grati (almeno 3)
  • Smettere di colpo di fare tutto e cominciare a chiedersi quali sono le vere priorità

Ikigai, libro

Ci sono tanti libri sull’argomento. Potrebbe essere utile leggere uno, o più di questi volumi per meglio capire la filosofia che ci sta dietro e per lavorare su sé stessi così da scoprire il proprio.

Ecco una selezione di letture a tema.

  • ‘Ikigai. Il metodo giapponese. Trovare il senso della vita per essere felici’ di Bettina Lemke
Prezzo: 14,00 €
Prezzi aggiornati il 25-06-2022 alle 1:14 AM.
  • ‘Il piccolo libro dell’ikigai. La via giapponese alla felicità’ di Ken Mogi
Prezzo: 14,25 €
Risparmi: 0,75 € (5%)
Prezzi aggiornati il 25-06-2022 alle 1:14 AM.
  • ‘Il metodo Ikigai. I segreti della filosofia giapponese per una vita lunga e felice’ di Héctor García e Francesc Miralles, traduzione di Francesca Pè
  • ‘Ikigai, ciò per cui vale la pena vivere. Come scoprire ciò che devi fare e farlo con decisione’ di Selene Calloni Williams e Noburu Okuda Do
  • ‘Ikigai in love. L’amore ai tempi di se stessi. Una via orientale al mondo che cambia’ di Ken Mogi e Thomas Leoncini

Altri approfondimenti

Se ti appassionano le filosofie orientali e il rapporto tra benessere e natura, ecco altri spunti interessanti:

Outbrain
Share
Published by
Federica Ermete

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.