INCI, questa sconosciuta

di Elle del 5 aprile 2012

Ogni giorno la gran parte delle donne – e alcuni degli uomini più attenti all’estetica – utilizza prodotti per la cura e la bellezza del corpo di cui non sempre è nota la composizione.

Attratti (o distratti?) da invitanti campagne pubblicitarie o da fattori estetici come il packaging o dalla convenienza del prodotto, pochi consumatori sono abbastanza critici durante l’acquisto da focalizzare la propria attenzione anche sugli ingredienti contenuti nel cosmetico.

In particolare, per essere consapevoli di quello che ci si “mette” addosso, occorrerebbe dare un’occhiata attenta all’International Nomenclature of Cosmetic Ingredient (INCI), ovvero all’elenco delle sostanze che compongono un cosmetico o un sapone, come cere, olii, pigmenti e componenti naturali e chimici. Si tratta di un elenco obbligatorio per legge ((96/335/CE) dal 1996, che pertanto ci aspettiamo di trovare su tutte le confezioni di creme, shampoo, saponi e altri prodotti di bellezza, indipendentemente dal luogo di acquisto. Quindi sia al supermercato che in farmacia.

Tra l’altro la nomenclatura utilizzata è standard in tutti i Paesi del mondo, permettendo un’acquisto consapevole anche quando ci si trova in altre nazioni. Ma come si legge l’INCI?

Innanzitutto è bene sapere che gli ingredienti sono elencati in ordine crescente di quantità, così ci dobbiamo aspettere di trovare all’inizio della lista le sostanze usate in maggiore quantità. Poi i componenti che hanno origine vegetale devono essere riportati con il nome latino.

Queste informazioni possono costituire una guida utile per valutare il rapporto qualità-prezzo di quanto ci apprestiamo ad acquistare: si potrà così smascherare, ad esempio, il prodotto cosmetico “spacciato” per naturale e che, invece, grazie alla semplice lettura dell’INCI, scopriamo essere caratterizzato da una bassa presenza del derivato vegetale posizionato in fondo all’elenco degli ingredienti.

E se volete sapere cosa nascondono le strane sigle o gli impronunciabili nomi di componenti più o meno chimici presenti sull’INCI, su biodizionario.it un validissimo aiuto con tanto di semaforino sul livello di pericolosità dell’ingrediente del cosmetico che vi volete portare a casa.

Provate a verificare l’INCI dei vostri cosmetici… avrete qualche sorpresa! E se

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment