Salute naturale

Tutto quel che c’è da sapere sull’intossicazione alimentare

Sintomi, cause, precauzioni da adottare, cosa fare e cosa mangiare

Sarà capitato a tutti, almeno una volta nella vita, di stare male dopo aver mangiato qualcosa. In gergo tecnico, si tratta di una intossicazione alimentare, o tossinfezione. Un disturbo che generalmente dura poco e si risolve spontaneamente senza particolari cure. Solitamente l’agente patogeno che ha scatenato il problema viene espulso dall’organismo tramite vomito o diarrea. Tuttavia, possono esserci anche casi gravi in cui insorgono complicazioni.

Tutto quel che c’è da sapere sull’intossicazione alimentare

Vediamo quali sono i sintomi più comuni e quando invece occorre preoccuparsi e chiamare subito i soccorsi. Inoltre, capiamo quali sono le cause più comuni di una tossinfezione e come prevenirla.

Cosa si intende per intossicazione alimentare

L’intossicazione alimentare, o tossinfezione, è una infezione od una irritazione del tratto gastrointestinale provocata dall’ingestione di alimenti o bevande che contengono virus, batteri o parassiti. Le intossicazioni alimentari più comuni sono quelle provocate da carne e pesce crudo, non freschi o che non sono stati conservati bene.

Tipologie

Possiamo riconoscer 4 tipi di intossicazioni alimentari a seconda della causa scatenante.

  • Tossine animali e vegetali, come ad esempio l’ingestione di funghi velenosi o di prodotti conservati in contenitori dove si è sviluppato il botulino
  • Di matrice chimica (farmaci, metalli, additivi, pesticidi…)
  • Microrganismi, quali muffe, virus, batteri e parassiti
  • Alimenti contaminati. In questo caso, la causa dell’intossicazione va ricondotta alle pessime condizioni igieniche in cui il cibo è stato conservato o ad una errata conservazione

Sintomi dell’intossicazione alimentare

Ecco quali sono i primi sintomi:

  • vomito
  • nausea molto forte
  • dissenteria
  • crampi addominali
  • mal di stomaco
  • mal di testa
  • capogiri
  • secchezza della bocca
  • inappetenza

Altri sintomi possono anche essere:

  • febbre
  • brividi
  • dolori muscolari
  • sudorazione

Nei casi più gravi, possono comparire anche:

  • visione doppia
  • difficoltà a comunicare
  • tachicardia
  • difficoltà a deglutire

In ogni caso, la tipologia dei sintomi e la loro intensità variano in base alla causa scatenante e, nel caso di cibo, anche dalle quantità ingerite.

Spesso, all’inizio, i sintomi generici di una intossicazione alimentare vengono scambiate per una comune influenza. Per poter diagnosticare con esattezza l’intossicazione e la sua origine occorrono esami di laboratorio.

Cause dell’intossicazione alimentare

Come spiegato all’inizio, esistono diverse tipologie di intossicazione a seconda della causa scatenante.

Nel caso di intossicazione da cibo, le tossine di microorganismi che possono contaminare il cibo possono trovarsi nei seguenti cibi:

  • carne cruda
  • pesce crudo
  • frutta e verdura non lavate
  • salse preparate in casa (es. maionese)
  • additivi e agenti chimici
lavare insalata per non avere intossicazione alimentare
Anche lavare correttamente insalata e verdure è importante per non incorrere in possibili intossicazioni alimentari.

Agenti patogeni

Ecco quali sono gli agenti patogeni più comuni.

  • Salmonella. Cova nel pollo e nelle uova, ed anche nella frutta e nella verdura contaminate o non ben lavate. Ha un tempo di incubazione molto rapido (da 12 a 72 ore)
  • Listeria monocytogenes. È presente nelle verdure crude, nei formaggi non pastorizzati e nei cibi refrigerati che non vanno cotti
  • Escherichia coli. Causata da vegetali contaminati con liquami o dalla carne poco cotta, ha un tempo di incubazione che varia da 1 a 8 giorni
  • Virus Epatite A. Riguarda acqua, vegetali e molluschi non cotti bene o contaminati. L’incubazione va da 2 a 7 settimane
  • Bacillo cereo, che provoca intossicazioni simili a quelle da stafilococco
  • Clostridium botulinum. Presente nei cibi in scatola non correttamente conservati, è molto pericoloso perché può provocare addirittura la morte. Tra l’altro ha una incubazione molto rapida, da 24 a 36 ore
  • Shigellosi: provoca la dissenteria bacillare

Tra le cause esterne:

  • Insetticidi, piombo o arsenico, spesso presenti su frutta e verdura poi non lavate correttamente
  • Cadmio e piombo, presenti nei contenitori per la conservazione di cibi

Dopo quanto tempo compare l’intossicazione alimentare

A seconda dei tempi di incubazione dell’agente patogeno che scatena l’intossicazione, la stessa può manifestarsi in tempi variabili: poche ore dopo il consumo del cibo infetto o anche dopo vari giorni.

Quanto dura una intossicazione alimentare

Anche la durata dell’intossicazione varia a seconda delle cause scatenanti. In genere, è una situazione che si risolve spontaneamente nel giro di alcune ore, ma può durare anche giorni e addirittura settimane.

Come si cura una intossicazione alimentare

In gran parte dei casi, le intossicazioni alimentari si risolvono spontaneamente vomitando oppure con la dissenteria. Per questo, la cosa fondamentale da fare è bere molto per recuperare i liquidi persi ed evitare il rischio di disidratazione.

Il ricorso a farmaci specifici può essere fatto solo previa diagnosi esatta.

In caso di sintomi gravi è necessario contattare tempestivamente il Pronto Soccorso.

Da valutare con attenzione col medico è poi l’eventuale uso di farmaci da banco per bloccare la diarrea. Non sempre infatti costituiscono un rimedio corretto e benefico in quanto il vomito e la diarrea sono reazioni che il nostro organismo mette in atto per liberarsi in maniera meccanica dell’agente responsabile dell’infezione.

Nelle fasi più acute di una intossicazione si dovrebbe evitare di mangiare, ma limitarsi a bere abbondanti liquidi: acqua, ed anche brodi, infusi, bevande sportive arricchite con sali minerali…

Il cibo solido va poi reintrodotto in maniera graduale, partendo da cibi semplici, solidi e facili da digerire

Come prevenire una intossicazione alimentare

Ora che abbiamo visto quali sono le possibili cause di una intossicazione alimentare, vediamo allora come poterla prevenire.

  • Tutti i cibi vanno sempre ben cotti a temperature elevate per essere sicuri di uccidere eventuali batteri
  • Gli alimenti crudi e quelli cotti che possono deperire facilmente vanno subito messi in frigorifero o congelati
  • In generale, i cibi freddi vanno sempre mantenuti freddi e quelli caldi vanno mantenuti caldi
  • Carne cruda, pollame e frutti di mare vanno tenuti lontani dagli altri alimenti
  • Frutta e verdure vanno sempre lavate per bene prima di consumarle o cucinarle
  • Prima e dopo aver manipolato carne cruda, pesce, pollame, uova e molluschi, bisogna lavarsi le mani con acqua calda e sapone per almeno 20 secondi
  • Dopo aver toccato animali, cambiato un pannolino o essere andati in bagno, occorre sempre lavarsi le mani
  • Prima e dopo l’uso, il piano di lavoro della cucina va sempre pulito con acqua calda e sapone. Usare ipoclorito di sodio diluito se si vuole effettuare una disinfezione più profonda

I cibi a rischio

Durante un viaggio all’estero in luoghi con condizioni igieniche poco sicure, ed anche se si rientra nelle cosiddette “categorie fragili” (bambini, anziani e donne incinte), si dovrebbe evitare il consumo di quegli alimenti potenzialmente a rischio contaminazione. Nello specifico:

  • carne cruda
  • salumi crudi
  • latte non pastorizzato
  • pesce e molluschi crudi
  • formaggi morbidi (tipo brie e gli erborinati) e, in genere, quelli non pastorizzati
  • uova crude o poco cotte e tutti quegli alimenti che le possono contenere (crema al mascarpone, gelato artigianale, maionese fatta in casa)
  • frutta e verdura crudi, se non pelati con utensili puliti
  • street food
  • succhi e sidro non pastorizzati
  • patè e creme spalmabili

Quando preoccuparsi per intossicazione alimentare

Come già detto, nella maggior parte dei casi, le intossicazioni alimentari sono stati lievi che tendono a risolversi in maniera spontanea. Di solito, infatti, vomito e diarrea permettono di liberarsi nel giro di poche ore.

Tuttavia, se i disturbi dovessero protrarsi ed aggravarsi, allora è bene chiamare il medico o addirittura il Pronto Soccorso. Complicazioni pericolose possono essere:

  • disidratazione
  • sindrome uremica emolitica, che può portare insufficienza renale e danni al sistema nervoso centrale
  • danni ai nervi e al cervello
  • artrite cronica
  • febbre sopra i 38 gradi
  • sangue nelle feci
  • vomito con sangue,
  • dolori addominali molto forti,
  • diarrea che non migliora, ma anzi peggiora, in 5 giorni (2 giorni nei bambini)
  • vertigini
  • ridotta produzione di urina
  • stato di confusione
  • visione offuscata
  • formicolio
  • debolezza muscolare,
  • vomito per più di 12 ore

Consultare subito il Pronto Soccorso o un Centro Antiveleno se si è consapevoli di aver mangiato prodotti non sicuri come ad esempio funghi raccolti nei boschi o salse e conserve fatte in casa.

Cosa fare in caso di intossicazione alimentare

Di solito, l’organismo si libera in maniera spontanea con vomito e diarrea. Poi è sufficiente digiunare per un breve periodo e bere molto per reintegrare i liquidi persi.

In caso di sintomi gravi e perduranti, e se si ha il sospetto di poter aver mangiato qualcosa di poco sicuro (pesce o carne crudi, frutta e verdura mal lavate, funghi…) è fortemente consigliato chiamare un centro antiveleni o il Pronto Soccorso per riferire cosa si è mangiato e quanto.

Cosa mangiare in caso di intossicazione alimentare

La cosa ideale da fare per riprendersi da una intossicazione alimentare è restare a digiuno per far riposare un po’ lo stomaco già scombussolato dalla infezione.
In queste condizioni, di solito digiunare è facile perché non viene proprio fame.

Se si sta male a causa di una intossicazione è molto importante mantenersi ben idratati, bevendo a piccoli sorsi acqua naturale a temperatura ambiente.
Ciò è molto importante perché, a causa del vomito e della dissenteria, si perdono liquidi e sali minerali che vanno reintegrati, specie nei bambini, negli anziani e nelle donne incinta.

Superata la fase più acuta, il cibo va quindi reintrodotto un poco per volta, cominciando a consumare alimenti secchi/solidi e di facile digestione, come:

  • crackers
  • fette biscottate
  • pane tostato
  • mele
  • banane

Poi, introdurre gradualmente pasta e riso semplicemente conditi con un goccio di olio crudo e carni bianche cotte in maniera semplice.

Durante il periodo di recupero, è fortemente consigliata anche l’assunzione di fermenti lattici, valido aiuto per riequilibrare l’intestino.

Intossicazione alimentare pesce

Come s’è visto, il pesce e i molluschi sono tra gli alimenti che, più di altri, possono scatenare tossinfezioni. Tra l’altro, con la moda dilagante di sushi, poke e sashimi, il rischio è molto elevato e occorre frequentare solo ristoranti che garantiscono un adeguato e corretto trattamento del pesce oltre ad un livello di igiene e pulizia eccellenti.

Il pesce crudo può essere infettato da batteri quali Listeria, Salmonella, Vibrio e Clostridium. Inoltre, consumando pesce crudo non conservato in maniera corretta ed adeguata, si rischia di contrarre infezioni di tipo parassitario. Alcuni tipi di pesce possono generare la sindrome sgombroide, i cui sintomi si manifestano poco dopo l’ingestione del pesce contaminato, con nausea, vomito, orticaria e dolore epigastrico.

Altri pesci possono provocare la fasciola hepatica, che provoca l’ingrossamento del fegato, della cistifellea e l’infezione del dotto biliare.
I Nematodi sono parassiti che vivono nei pesci marini ed anche nel salmone e possono provocare all’uomo l’Anisakiasi, una malattia che provoca vomito e mal di stomaco. Infine, consumando pesce d’acqua dolce crudo o poco cotto, c’è il rischio di contrarre la tenia.

Altri approfondimenti

Ti potrebbero interessare anche:

Federica Gardener

Ho una laurea magistrale in Biotecnologie Alimentari. Scrivere per tuttogreen.it mi permette di coltivare la mia passione per la nutrizione e più in generale per il benessere e la salute. Dopo il mio percorso di studi, grazie alla mia esperienza di lavoro e alla mia curiosità innata, mi tengo aggiornata costantemente grazie a letture ed approfondimenti sul tema scienza dell'alimentazione e la nutrizione. E cerco di trasmettere agli altri maggiore consapevolezza e curiosità sul grande mondo degli alimenti… e non solo!

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio