Lumache: alcune cose che non sapevi su questi molluschi

di Alessia del 3 ottobre 2017

Le lumache possono diventare pericolose per i nostri orti: ma siamo certi di conoscere tutte le loro abitudini? Ecco un approfondimento sulle caratteristiche di questo parassita.

Le lumache terrestri sono chiamate in gergo Limax maximus e appartengono alla famiglie delle Limacidae. Sono dei molluschi gasteropodi (dal greco “stomaco” e “piede”) cioè per muoversi strisciano per terra sullo stomaco.

Associate da sempre alla lentezza, nonostante il loro andamento sono in grado di creare danni enormi alle coltivazioni. Possiamo dire a tutti gli effetti che rientrano tra le specie più temute dai contadini e da chi ama coltivare un orto in casa.

SPECIALE: conosci tutti i benefici della bava di lumaca? 

Lumache: caratteristiche fisiche

A differenza delle chiocciole (Helix), le lumache non hanno il guscio. Tuttavia ne possiedono alcuni “rimasugli evolutivi” all’interno del corpo. Si tratta di un piccolo organo che svolge la delicata funzione di raccogliere i sali di calcio.

Questi molluschi sono invertebrati, con un corpo tipicamente viscido e pieno di acqua, di colore rossiccio. Possono arrivare anche ai 20 cm di lunghezza in fase adulta.

Lungo tutto il corpo si distinguono 4 tentacoli: 2 servono per utilizzare i sensi dell’olfatto, del gusto e del tatto. Al centro di essi c’è la bocca, per questo motivo si trovano in basso. Gli altri 2 sono molto più lunghi e sulla punta accolgono gli occhi della lumaca.

Le lumache frequentano per lo più zone umide, dal momento che necessitano di tanta acqua per non rischiare la morte per disidratazione. Escono soprattutto durante la notte, a meno che non abbia piovuto. In quel caso le ritroviamo scivolare silenziosamente tra i fili d’erba anche durante il giorno.

Dal momento che camminano scivolando per terra, hanno bisogno di una sostanza gelatinosa e appiccicosa che agevoli il loro spostamento. Questa consente loro anche di non cadere quando si spostano sulle superfici in verticale. Inoltre tutto il loro corpo è ricoperto anch’esso di una sostanza bavosa, che ha la funzione delicata di mantenere sempre il corpo ben idratato.

lumache riproduzione

Lumache: cosa mangiano?

Questi temibili parassiti si nutrono di vegetali, quindi foglie, erba e quant’altro possano incontrare sul loro cammino. Proprio per questo motivo sono in grado di distruggere interi raccolti.

Non a caso chi pratica l’elicicoltura (allevamento delle lumache), per cibarle usa piantare insalata, cavoli e biete all’interno dei recinti destinati agli allevamenti. Tuttavia le lumache possono mangiare anche funghi, larve e persino altre lumache.

Lumache riproduzione

Le lumache sono esseri ermafroditi, questo significa che possiedono sia l’apparato riproduttivo maschile che femminile e lo alternano in base alle esigenze. Tuttavia, affinchè avvenga la fecondazione, è necessario sempre che ci sia l’accoppiamento con un’altra lumaca.

L’accoppiamento segue un rituale davvero particolare: prima c’è la fase di corteggiamento, che può arrivare a durare persino ore. Le lumache si strofinano e si scrutano con attenzione, girando più volte su se stesse.

Poi salgono su una parete o su un albero, di modo da trovare una superficie verticale a cui appendersi. Da lì si estendono due filamenti di muco e fuoriescono gli organi riproduttivi, di un tipico colore azzurro.

Dal momento che sono ermafroditi, entrambi produrranno le uova, in un tempo variabile di alcune settimane. Queste vengono espulse da un angolo della bocca, dove si trova l’orifizio genitale.

Danni da lumache

Il vostro orto o giardino sono stati assaliti dalle lumache? Anche se non siete così appassionati di giardinaggio, potrete capirlo da alcuni segnali ben evidenti. Questi molluschi difatti lasciano buchi sulle foglie, tracce di escrementi e filamenti di bava.

Si calcola che riescano a mangiare in una sola notte tutte le foglie di una singola pianta, quindi potete ben immaginare cosa potrebbe fare una piccola colonia nel giro di qualche giorno.

Le piante generalmente non muoiono subito se perdono la parte aerea, ma restano in una condizione davvero precaria. Questo significa che se non si interviene per rinfoltirle, potrebbero non riprendersi più.

Per evitare il peggio, vi avevamo già parlato, in un precedente articolo, di come eliminare le lumache da orto e giardinoSeguendo i nostri rimedi naturali, potrete tenere al sicuro le vostre piante e garantirvi un ottimo raccolto.

Parassiti e rimedi naturali

Se vuoi conoscere tutto sui parassiti  e come eliminarli in maniera naturale, ecco altre guide utili:
Outbrain

{ 1 comment… read it below or add one }

Padol ottobre 9, 2017 alle 11:03 pm

Utile sapere cose nuove su questo animaletto! Tra l’altro ultimamente ho notato che i cosmetici a base di bava di lumaca stanno spopolando!

Rispondi

Leave a Comment