Malto: proprietà e usi del dolcificante naturale ricavato dai cereali

di Elle del 24 Aprile 2019

Ricavato principalmente dall’orzo ma presente anche in numerose alternative, il malto è un dolcificante naturale che si presta per sostituire facilmente lo zucchero bianco raffinato.

Malto: proprietà e usi del dolcificante naturale ricavato dai cereali

Il malto, solitamente ottenuto dall’orzo, rappresenta la cariosside del cereale sottoposto al processo di germinazione. Può essere ricavato anche da altri cereali, quali il grano, il frumento, il mais e il riso.

Utile nella preparazione dei dolci senza zucchero come surrogato dello zucchero bianco, si rivela un’alternativa vegan anche per chi non consuma miele. Inoltre, è un ingrediente adoperato per favorire il processo di lievitazione e impiegato a livello industriale nella produzione della birra.

Malto alimentare

Utilizzato come alternativa allo zucchero, trova impiego anche nella panificazione e nella produzione della birra.

Malto a cosa serve

Impiegato in modo versatile come dolcificante naturale, questo ingrediente in cucina nella produzione di lievitati e della birra.

Malto al posto dello zucchero

Come anticipato, questo prodotto può essere adoperato in sostituzione allo zucchero. In tal caso, occorre tener conto del minore potere dolcificante di questo prodotto. Per tanto è bene utilizzarne una dose maggiore.

Può sostituire lo zucchero bianco per dolcificare le bevande e può essere spalmato sulle fette biscottate in alternativa al miele.

Malto d’orzo

L’orzo è uno dei cereali più utilizzati per la produzione di questo dolcificante naturale. Si trova disponibile in forma liquida con consistenza affine a quella di uno sciroppo.

Malto d’orzo in polvere

In alternativa è possibile trovare il prodotto in forma secca ovvero in polvere. Questo formato è adatto per i prodotti da sottoporre a lievitazione. Tuttavia, si consiglia di evitare l’uso di questo ingrediente vegetale nel caso di preparati che richiedano un processo di lievitazione lenta.

Malto alternative

Pur essendo ricavato soprattutto dall’orzo, questo ingrediente naturale può essere ottenuto anche da altri cereali.

Malto avena

Tra questi cereali alternativi troviamo l’avena, utilizzata in questa forma nel processo di lavorazione della birra.

Malto di riso

Anche dal riso si può ottenere un dolcificante naturale, contraddistinto da colore ambrato e gusto lievemente caramellato.

Malto di frumento

Il frumento costituisce un altro cereale da cui poter ottenere questo ottimo succedaneo dello zucchero raffinato.

Malto di mais

Come surrogato dello zucchero o del miele, questo prodotto ottenuto dal mais si presta come ottimo dolcificante naturale. Rispetto a quello ottenuto da altri cereali, presenta un maggiore potere addolcente.

Malto di grano

Il grano è un altro cereale da cui è possibile produrre il dolcificante naturale. Simile allo sciroppo d’acero, si può ottenere in modo casalingo a partire dal grano cotto.

Malto in cucina

Gli usi in cucina di questo ingrediente sono relativi soprattutto alla sostituzione con lo zucchero. Inoltre, trova spazio anche nella lievitazione e nella realizzazione di impasti.

Malto ingrediente

Come ingrediente in sostituzione allo zucchero può essere usato tenendo conto del suo minore potere dolcificante. Pertanto si raccomanda di sostituire 100 grammi di zucchero bianco con 125 grammi di malto.

Malto nella lievitazione

Nei prodotti lievitati fatti in casa, oltre a facilitare il processo di lievitazione, questo ingrediente è in grado di rendere migliore anche il colore e il sapore del prodotto.

Malto nei dolci

Come succedaneo dello zucchero, rappresenta un ottimo ingrediente naturale per la preparazione dei dolci. Per impiegarlo nel modo più opportuno, tuttavia, occorre tenere a mente le giuste dosi.

Malto nella birra

Forse si tratta dell’uso più noto di questo ingrediente: si rivela infatti utile anche nel processo di lavorazione della birra. In particolare si adopera quello ricavato dall’orzo o talvolta dal frumento.

Questo ingrediente di origine vegetale viene adoperato anche nel processo di lavorazione della birra.

Malto benefici

Facile da digerire, questo ingrediente rappresenta innanzitutto una valida alternativa naturale al classico zucchero bianco raffinato. Esso è in grado di favorire il processo di panificazione. Svolge un’importante azione antinfiammatoria e assolve a funzioni differenti in base al cereale di provenienza.

In particolare, quello a base di orzo sembra avere una buona efficacia depurativa e disintossicante a favore del fegato. Quello a base di frumento, invece, tende a prevenire irritazioni, gonfiori e congiuntiviti.

Malto valori nutrizionali

In generale il profilo nutrizionale di questo prodotto dolcificante è molto simile a quello del cereale iniziale da cui viene ricavato.

Ricco d’acqua, contiene maltosio (uno zucchero semplice simile al fruttosio) in grado di fornire il principale apporto energetico. Ben rappresentati sono anche le vitamine insieme ai sali minerali. Presenta anche una ridotta quota di proteine e una minima percentuale di grassi.

malto come dolcificante

Malto come dolcificante

Malto glutine

Il prodotto ricavato dall’orzo non può essere consumato dai soggetti celiachi poichè contiene glutine.

Malto in gravidanza

Fatta eccezione per le particolari accortezze dovute alla presenza di glutine, il consumo di questo prodotto non presenta controindicazioni. Anche sotto forma di sciroppo, può essere assunto da donne in gravidanza. Pur presentando un inferiore potere dolcificante, è sempre opportuno evitarne un consumo eccessivo.

Malto dove si compra

Si può acquistare con facilità presso i negozi di alimentazione biologica o presso le erboristerie. In alternativa è possibile comprarlo anche on line presso i siti specializzati. Ecco alcuni prodotti a base di questo ingrediente:

Gli altri dolcificanti naturali alternativi

Ecco tutte le sostanze dolcificanti alternative allo zucchero:

Scopri anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment