Bici

Percorrere le piste ciclabili, un diritto e un dovere per tutti i cittadini

Le piste ciclabili rientrano nell’obiettivo comune di molte città occidentali di rendere la mobilità sostenibile sempre più diffusa. L’uso comune della bicicletta come mezzo di trasporto urbano veloce, economico ed eco-friendly viene sostenuto da tutte le amministrazioni comunali, che ormai da anni propagandano la necessità – per il clima e per la nostra salute – di far uso delle nostre gambe o della bici per gli spostamenti urbani.

Percorrere le piste ciclabili, un diritto e un dovere per tutti i cittadini

Spesso a frenare il desiderio dei cittadini di attuare questa forma di mobilità sostenibile è l’assenza di infrastrutture in grado di rendere competitivo il mezzo bici rispetto all’automobile. In pratica, affinché i cittadini si possano spostare liberamente in bicicletta, le città necessitano di piste ciclabili o percorsi ciclopedonali realizzati adeguatamente, che permettano di transitare in bici in piena sicurezza. Ma vediamo esattamente cosa sono le piste ciclabili.

Piste ciclabili: definizione e normativa

Il Codice della Strada definisce così le piste ciclabili: ‘parte longitudinale della strada, opportunamente delimitata, riservata alla circolazione dei velocipedi’.

I percorsi ciclopedonali garantiscono un minimo di sicurezza ai ciclisti in ambito urbano e si prestano inoltre per essere realizzate in caso di percorsi cicloturistici, dove la presenza dei pedoni è limitata e non si crea conflitto tra i diversi utenti del percorso.

Piste ciclopedonali: definizione

Sempre in riferimento all’art 182 del Codice della Strada possiamo dire che per percorso ciclopedonale si intende una area pedonale in cui è consentito il passaggio delle biciclette.

La pista ciclopedonale quindi nasce per essere attraversata da soli pedoni ma è un’are in cui si consente anche il passaggio delle bici. In questi percorsi dunque il ciclista è ospite e deve fare attenzione ai pedoni, non viceversa.

Utilizzare le ciclabili è obbligatorio?

Le persone che si muovono in bicicletta hanno per legge l’obbligo di utilizzare un percorso ciclopedonale se presente. In particolare esiste nel codice della strada l’articolo 182 che impone alle biciclette di transitare sulle piste loro riservate se esistenti. Il mancato rispetto di questa norma è sanzionabile: la multa va dalle 25 ai 100 euro .

Quindi è bene sapere che, se esiste una pista ciclabile, siamo obbligati a transitare con la bicicletta sul quella pista dedicata, non sulla carreggiata.

Piste ciclabili: varie tipologie

Le piste ciclabili possono essere:

  • monodirezionali
  • bidirezionali, a due sensi di marcia

Possono essere:

  • percorsi ciclabili urbani
  • percorsi ciclabili extraurbani, spesso di natura turistica come ad esempio il Sentiero Valtellina o la Ciclopedonale Arenzano Cogoleto Varazze.

Tipologie di piste ciclabili

Dal punto di vista della tipologia, possiamo classificare le piste ciclabili come segue:

  • piste ciclabili in sede propria: sono percorsi che corrono paralleli a strade aperte al traffico veicolare, ma separati da cordoli o marciapiedi
  • promiscua ciclo-pedonale urbana: percorsi senza barriere fisiche a separare la carreggiata dalla ciclabile
  • piste ciclabili con separazione ottica o corsia: sono porzioni di carreggiata indicate solo da segnaletica verticale e orizzontale, senza separazioni fisiche e riservate al transito delle biciclette
  • piste ciclabili contigue al marciapiede: se il marciapiedi è piuttosto largo e permette di ricavare due fasce, quella interna per i pedoni e quella esterna per i cicli
  • percorsi ciclo-pedonali o promiscui: solitamente si trovano nelle aree verdi a cui non è consentito l’accesso ai veicoli a motore, e spesso anche in itinerari di cicloturismo

Piste ciclabili

Come realizzare le piste ciclabili

Le piste ciclabili possono essere realizzate in diversi tipi di terreno e fondo. l materiali comunemente usati in contesti urbani sono:

  • asfalto
  • calcestruzzo drenante
  • mattonelle autobloccanti

Mentre in contesti extraurbani o in percorsi turistici è facile trovare sentieri in terra battuta o sterrato predisposti alla mobilità eco.

Cosa devono garantire

Il percorso deve essere privo di buche e fosse, deve essere ben illuminato, ben manutenuto e con segnaletica stradale orizzontale e verticale adeguata e riconoscibile da tutti.

Tre le caratteristiche principali delle piste ciclabili:

  • visibilità,
  • riconoscibilità
  • accessibilità

Piste ciclabili: chi può attraversarle

Ovviamente le piste ciclabili sono assolutamente vietate a auto, motocicli e auto elettriche.

Sono però accessibili a biciclette elettriche, agli skateboard ed ai monopattini. Sono inoltre accessibili ai pedoni nel caso di pista ciclopedonale.

Monopattini elettrici, hoverboard, segway e monowheel

Negli ultimi anni si è affacciata una nuova forma di mobilità urbana composta da una serie di cosiddetti microveicoli elettrici, assolutamente non inquinanti, che sfrecciano nelle nostre città.

Piste ciclabili

Si è quindi resa necessaria una nuova normativa, un aggiornamento del Codice della Strada, che non si è fatto attendere.

Il decreto, a firma dell’allora ministro dei Trasporti Toninelli, ha fissato nuove regole per la circolazione di questi mezzi, con la pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale venerdì 12 luglio 2019, entrata in vigore sabato 27 luglio.

Norma che regola la micromobilità urbana

Il decreto Toninelli stabilisce che monopattini elettrici, hoverboard, segway, monociclo elettrico e naturalmente anche il discusso monopattino elettrico, possono tutti circolare, , previa delibera comunale, su:

  • piste ciclabili solo in ambito urbano
  • aree pedonali
  • percorsi pedonali e ciclabili
  • piste ciclabili in sede propria e su corsia riservata
  • zone a 30 km/h
  • strade con limite di velocità di 30 km/h

Questi mezzi dovranno essere dotati di illuminazione e segnalatore acustico. Il motore elettrico non dovrà superare i 500 Watt di potenza.

Se il mezzo non possiede luce e catarifrangente posteriore non potrà circolare dopo il tramonto.

Infine vi è l’obbligo per il segway e il monopattino elettrico, se si circola su strada o su pista ciclabile, di indossare la sera il giubbotto o le bretelle retroriflettenti ad alta visibilità.

Tutti i veicoli dovranno avere la marchiatura CE, ai sensi della direttiva europea 2006/42/CE

Nelle aree urbane i mezzi monoruota, segway e hovverboard non possono comunque superare i 6 Km all’ora. I monopattini e le bici elettriche sono equiparati e devono andare alla velocità di massimo 20 km/h. Altre limitazioni riguardano invece le piste extraurbane e le aree con limite 30 Km.

I veicoli elettrici di micromobilità potranno essere guidati esclusivamente da conducenti maggiorenni, a meno che il minore (comunque dai 15 anni in su) non sia in possesso della patente AM (quella per il motorino).

Le più belle piste ciclabili in Italia

Sempre più apprezzate da viaggiatori che amano il turismo ecologico, le piste ciclabili si snodano in percorsi di grande impatto naturalistico. In Italia in particolare attraversano luoghi incantevoli, sia dal punto di vista ambientale che d’interesse storico e i piccoli borghi rurali che incontrano.

Piste ciclabili

Il turismo in bici permette di osservare e vedere paesaggi, luoghi e monumenti che altrimenti vanno persi nella velocità degli altri mezzi di trasporto.

Vi diamo alcuni suggerimenti sulle più belle piste ciclabili da attraversare con tutta la famiglia. Cominciamo a viaggiare in Italia da Nord verso Sud

Ciclabile della Martesana

La Ciclabile della Martesana è il percorso parte dal centro di Milano e arriva fino a Trezzo d’Adda. Si tratta del famoso Naviglio di Leonardo Da Vinci: terminato nel 1471, il Naviglio Martesana era una enorme opera idraulica dell’epoca.

In passato sulle rive c’era la strada che veniva percorsa dai cavalli che trainavano i barconi lungo questa importante via d’acqua, che collegava i paesi con Milano. Oggi la ciclabile della Martesana vanta 36 km su sede propria protetta e parallela al Naviglio.

Ciclovia Riviera dei Fiori

La Ciclovia del Ponente Ligure o Riviera dei Fiori è tra le più affascinanti d’Europa. Lunga 24 Km è un percorso ciclopedonale in due direzioni di marcia.

La ciclabile nasce sul l’ex-tracciato ferroviario costiero a binario unico Genova-Ventimiglia, nel tratto compreso tra Ospedaletti e San Lorenzo al Mare.

La linea è stata bonificata e trasformata nell’attuale pista ciclabile nel 2014, ed è ancora in evoluzione fino ad Arma di Taggia.

Si tratta di una strada asfaltata, con adeguata segnaletica stradale e impianti di sorveglianza e soccorso, con punti di ristoro ogni 500 metri circa. La pista è tutta parallela al mare.

Ciclovia VenTo

La Ciclovia VenTo è un progetto di mobilità sostenibile che punta alla realizzazione di una grande strada tra Veneto e Piemonte. Sono 679 km di percorso che attraversano città bellissime come Venezia e paesaggi naturali unici come la Pianura Padana.

Ad oggi solo in parte è ciclabile, ma conta di attraversare in futuro longitudinalmente l’Italia per unirsi alle ciclovie europee.

Garda by Bike

La pista Garda by Bike inaugurata il 14 luglio del 2018 è considerata tra le più belle d’Europa per impatto paesaggistico. Ad oggi è in via di ultimazione, e dovrebbe arrivare a 12 km totali di percorso a curve che nascondono scenari lacustri incantevoli.

piste ciclabili

Larga 2,5 metri e illuminata di notte, si può attraversare sia a piedi sia in bicicletta, mantenendo un limite di 10 km/orari. La ciclovia parte da Limone sul Garda e arriva a Capo Reamol, nel bresciano, al confine con il Trentino Alto Adige.

Ciclovia Alpe Adria

La Ciclovia Alpe Adria è un itinerario che si snoda metà in Italia e metà in Austria, passando in parte sul vecchio tracciato della ferrovia che porta da Tarvisio a Trieste.

Questa via ciclabile parte da Salisburgo e arriva fino a Grado, toccando scenari di montagna spettacolari e selvaggi nelle Alpi Giulie, attraversando vecchi borghi affascinanti e arrivando fino alle rovine romane di Grado.

Ciclovia Francigena

Nota via di alto valore spirituale, la Via Francigena è l’antica strada che conduce da Canterbury a Roma e che fanno ancora oggi i pellegrini per arrivare a San Pietro. La Via Francigena è un percorso a piedi per tutti, ed è un itinerario storico eccezionale: parte dal Gran San Bernardo per arrivare alla Capitale.

Per affrontare questa via è necessario un po’ di allenamento e una mountain bike, perché il percorso è sconnesso e immerso nella natura.

Le più belle piste ciclopedonali in Europa

Il cicloturismo è molto sviluppato in alcuni paesi del Nord Europa. Noi Italiani in questo siamo arrivati decisamente dopo. Sono molte le città europee già interamente tracciate da percorsi pedonali per la mobilità urbana. Basta pensare a Berlino, Amsterdam, Copenaghen.

Non mancano anche le grandi vie ciclopedonali che attraversano l’Europa in lungo e largo, toccando luoghi d’arte e naturali di grande bellezza.

Ciclovia del Danubio

Tra gli itinerari europei più frequentati dagli appassionati di turismo in bicicletta c’è sicuramente il percorso lungo il fiume Danubio che taglia il vecchio continente da ovest ad est, terminando il suo viaggio sul Mar Nero.

La ciclovia del Danubio si sviluppa sia su piste ciclabili che su strade secondarie a bassa percorrenza, attraversando le tre B, le tre capitali Bratislava, Budapest e Belgrado. È lunga 2860 km e attraversa Germania, Austria,  Repubblica Slovacca, Ungheria, Croazia, Serbia, Bulgaria, Moldavia, Romania, Ucraina.

Ciclovia della Loira

La ciclovia della Loira è conosciuta, con il nome di Loire à vélo, per snodarsi tra i numerosi castelli che sorgono lungo il grande fiume francese: il percorso ciclabile si sviluppa tutto in territorio francese ed è lungo ben 750 km.

Starry Night Cycle Path

Questo particolare percorso olandese è stato inaugurato in onore di Van Gogh in concomitanza con il 125esimo anniversario della sua morte. Si tratta di 2 km di strada illuminata di notte grazie ad un sistema alimentato da energia solare, che rende la pista luminescente.

L’artista Daan Roosegaarde ha progettato il percorso ciclabile ispirandosi all’omonimo quadro di Van Gogh.

Non è forse tra le ciclabili dal percorso più interessante per gli amanti della bicicletta per se, ma vale la pena provare almeno una volta la sensazione di pedalare in notturna galleggiando su una strada luminosa grazie alla Starry Night Cycle Path.

Il cammino di Santiago

Il Cammino di Santiago è certamente più famoso per motivi religiosi e spirituali in generale, che spingono ogni anno migliaia di persone ad affrontare questo percorso a piedi o in bicicletta.

Ma, oltre che per motivi religiosi, la zona è bella da scoprire anche dal punto di vista puramente paesaggistico. Considerato Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco e Primo Itinerario Culturale Europeo, questo percorso conta 800 km, tra varie altezze e difficoltà. È possibile attraversarlo interamente, ma non è adatto a chi non è allenato.

ScriBio

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close