Piante e fiori

Pyracantha: una pianta rustica fiorita o ricca di bacche rosse

Come usare e coltivare la pianta di Pyracantha in terra o vaso

La Pyracantha o Agazzino è una pianta arbustiva che si coltiva per scopo decorativo solitamente in giardino ma sopporta bene anche la coltivazione in vaso.  Questo cespuglio denso di rami e sempreverde viene utilizzato come siepe divisoria o semplicemente ornamentale. Durante l’estate infatti si ricopre di una folta infiorescenza a grappolo di colore bianco e in inverno si riempie invece di bacche colorate, rosse e arancioni. È una pianta rustica, che resiste bene al freddo che si caratterizza anche per la presenza tra le foglie di spine lunghe fino a 5 cm, diventando così un’ottima siepe di recinzione.

Pyracantha: una pianta rustica fiorita o ricca di bacche rosse

Vediamo di conoscere al meglio la pianta, il suo habitat e come coltivarla per ogni utilizzo, dal cespuglio a siepe alla pianta da vaso, al bonsai decorativo.

Pyracantha: descrizione della pianta

La Pyracantha detta anche piracanto o Agazzino è una pianta cespugliosa, sempreverde, perenne che appartiene alla famiglia delle Rosaceae.

Questo cespuglio si compone di fitti steli legnosi e di spine, nascoste tra le foglie, che possono raggiungere i 5 cm di lunghezza.

  • Il suo portamento è eretto e la pianta può essere alta fino a 3 metri e spesso viene destinata alla realizzazione di siepi divisorie e protettive.
  • I fusti sottili e di colore marrone con lunghe spine
  • Le foglie sono ovali di colore verde lucido, coriacee e dentate ai margini, resistenti anche al freddo dell’inverno
  • I fiori appaiono da maggio e sono tante fitte infiorescenze a grappolo di colore bianco ma a volte anche rosa o arancioni. Sono fiori profumatissimi apprezzati da api e insetti vari.
  • I frutti sono invece a forma di bacca sferica: bacche rosse, arancioni e a volte anche bianche. Le bacche ricoprono il cespuglio dall’autunno per tutto l’inverno e la rendono una pianta apprezzata per scopo ornamentale. In particolare, il cespuglio a bacca rossa è spesso presente durante le feste natalizie. Le bacche del Piracanto sono commestibili e quindi il cespuglio è spesso attaccato dagli uccellini. Le bacche del Pyracatha sono non a caso simili a quelle del Biancospino e del Cotoneaster.

Origini

La pianta di Pyracantha ha origini in alcune regioni dell’Asia minore, del bacino del Mediterraneo, della Cina e dell’Himalaya.

Già i greci la conoscevano e la chiamavano “spina di fuoco”: il suo nome infatti vuol dire nome “Pyra” fuoco e “akanta” spina.

Si diffuse la sua coltivazione intorno al 1500 per scopo alimentare: si utilizzavano infatti le sue bacche dalla consistenza simile a piccole mele rosse, per preparare marmellate e salse rigorosamente cotte.

Sembra che si utilizzassero i suoi semi, durante i primi del ‘900, per preparare una bevanda simile al caffè. Oggi invece questo cespuglio viene coltivato solo per scopi decorativi, in genere per creare delle belle siepi in giardini privati e pubblici.

Pyracantha

Tutte le specie di Pyracantha

Le specie più diffuse di Pyracantha sono diverse e si distinguono per il colore delle bacche e per l’altezza del cespuglio o per la presenza di spine.

  • Angustifolia, specie arbustiva sempreverde con tanti fiori bianchi e bacche color arancio che resistono sui rami per tutto l’inverno. Alta circa 3 metri
  • Atalantioides: arriva a toccare i 6 m ed è poco spinosa, con bacche rosso scarlatto.
  • Crenato serrata: alta fino a 6 m di altezza, con fiori bianchi e bacche rosse che resistono anche in inverno
  • Crenulata: adatta a vivere in climi miti, ha una crescita molto lenta e può arrivare a raggiungere i 3 metri, con bacche sono gialle – arancio. Viene utilizzata anche come pianta officinale per preparare tisane. Il suo legno è usato per realizzare bastoni da passeggio
  • Navaho è una varietà di Piracanta spinoso dallo sviluppo contenuto, adatto come siepe o come tappezzante. In primavera si ricopre di una fioritura profumata bianca e in autunno da abbondanti bacche.  Ama molto l’esposizione in pieno sole.
  • Rogersiana è una specie di piccole dimensioni ma ricoperta di spine e di piccole foglie verdi molto compatte. Le bacche sono di un bel colore giallo dorato.
  • Soleil d’or è un arbusto molto rustico e vigoroso, alto circa 2,5 metri, con rami spinosi ricoperti da foglie verde lucido, è un cespuglio che resiste al freddo intenso ma ama anche il caldo, ideale per creare siepi divisorie. Le sue bacche sono di colore giallo oro e resistono fino a fine inverno.
  • Teton è una specie di Piracanta robusta a lento accrescimento che non supera i 1,5 metri. I rami sono coperti di spine e foglie piccole. I fiori sono bianchi dal profumo delicato, le bacche di color giallo che ricoprono i rami fino ad inverno inoltrato. Questa variante è adatta anche alla coltivazione in vaso.

Pyracantha: tutti gli usi

La pianta di pyracantha non viene coltivata per scopi alimentar, anche se le sue bacche sono edibili dopo la cottura e potrebbero servire alla preparazione di marmellate o salse. Oggi questo cespuglio trova il suo scopo unicamente come pianta ornamentale sia in giardini privati che in parchi pubblici. E’ infatti idonea alla realizzazione di siepi fitte o per tappezzare muri.

La pianta in vaso è invece usata come decoro natalizio.

La siepe

Per realizzare una bella siepe folta e impenetrabile posizionare le piante a distanza di 80 cm una dall’altra in posizione soleggiata in modo da avere una crescita rigogliosa e una fioritura abbondante alla quale seguirà una ottima produzione di bacche colorate.

Per modellare bene la siepe si consiglia la potatura da quando la pianta è adulta, ad inizio estate oppure all’inizio dell’autunno.

Pianta decorativa

La Pyracantha sempre più spesso la si trova anche in giardino a formare archi e spalliere decorative. spesso troviamo la Pyracantha coltivata come:

  • come arco ornamentale, con l’aiuto di un supporto rigido che ricalchi la forma desiderata
  • per nascondere una parete o semplicemente decorarla magari abbinata ad altre piante rampicanti come la Clematis

La piracanta si abbina bene con mirto o berberis oppure con cespuglietti di piante tappezzanti come l’erica.

Piracanto Bonsai

Questo cespuglio nella variante angustifolia o coccinea bene si presta ad essere coltivato come bonsai, perché il suo fusto è eretto e perché le foglie sono molto resistenti.

Per la coltivazione a bonsai di Pyracantha posizionare la pianta in luogo luminoso, anche in pieno sole, per tutto l’anno tranne nei mesi più caldi, quando va esposta in penombra e procedere con il rituale dell’arte della potatura bonsai. Va ricordato che la potatura si effettua in primavera o a fine estate e, dopo la potatura, il bonsai va concimato.

Pyracantha
Le bacche possono essere di colore arancione o addirittura biancastro.

Piracanto nell’arte topiaria

Il cespuglio di Pyracantha, sempreverde e folto, è una pianta perfetta per l’arte topiaria, ovvero la particolare sapienza di potare alberi e arbusti per dare una forma geometrica a scopo ornamentale.

Come tutte le piante oggetto di questo tipo di potatura, necessita di moltissima manutenzione e dedizione.

Come coltivare la Pyracantha

La pianta si coltiva solitamente in terra, in parchi, giardini, aree verdi, ma si può facilmente coltivare anche in vaso purché abbastanza largo e profondo per poterne contenere l’aumento radicale.

In vaso si consiglia

  • un terriccio universale misto a sabbia o altro materiale drenante
  • una buona dose di farina di ossa utile alla crescita delle radici e all’attecchimento della pianta.

Ma vediamo adesso come procedere alla sua coltivazione in terreno all’aperto.

Habitat

La cosiddetta agazzino è una pianta resistente che sopporta anche temperature basse: si può coltivare un po’ ovunque in Italia, anche nelle zone montane sotto i 1000 metri.

Predilige zone soleggiate o semi ombrose: se private di almeno due ore di sole al giorno cresceranno meno e produrranno meno fiori.

Sopportano bene anche l’inquinamento atmosferico e la salsedine quindi si possono usare come siepi nelle zone verdi urbane.

Terreno

Si adatta a qualunque tipo di terreno da argilloso a calcareo, ma predilige il terreno sciolto e ben drenato. Si adatta anche di terreni molto asciutti e poveri di materia nutritiva, ma è fondamentale che sia ben drenato. Sopporta lunghi periodi di siccità ma non tollera i ristagni d’acqua che possono portare ai marciumi radicali.

Quando annaffiare

Il cespuglio già adulto e in pieno sviluppo vegetativo non teme la siccità e si accontenta delle acque piovane, anche se si consiglia di irrigare durante l’estate per aumentare la fioritura e la seguente produzione di bacche.

Le piante giovani invece necessitano di regolari e frequenti annaffiature per favorire l’attecchimento delle piante. Attenzione innaffiare solo quando il terreno è asciutto per evitare i possibili ristagni d’acqua

Per le piante in vaso o bonsai, annaffiare con regolarità ogni volta che il terreno appare secco.

Concimazione

Per favorire la fioritura e aumentare la produzione di bacche, si consiglia di  arricchire il terreno con una somministrazioni di un concime organico bilanciato in azoto, fosforo e potassio e una con un fertilizzante povero in azoto e più ricco di fosforo e potassio, due volte all’anno in primavera e a fine estate.

Potatura

La pianta va potata per dare armonia di forma alla chioma o per eliminare i rami secchi e danneggiata.

  • La potatura va eseguita preferibilmente in primavera subito dopo la fioritura. Accorciare i rami vecchi e recidere quelli secchi e quelli più interni al fine di favorire l’arieggiamento delle parti più interne.
  • Gli arbusti di Piracanta possono esser sfoltiti anche nella prima metà dell’autunno.

Come si moltiplica la piracanta

Questa pianta si riproduce:

  • per talea: si tratta di talee legnose, lunghe circa 15 cm, che si tagliano dalla pianta a fine estate e vanno poste a radicare in un composto in parti uguali di torba e sabbia.
  • per seme in aprile direttamente a dimora

Appena la pianta si erge abbastanza va piantata in terra, solitamente in autunno, oppure in vaso.

Se messa in vaso, quando le radici fuoriescono dai fori di drenaggio dell’acqua, è il caso di rinvasa in un vaso più grande lasciando intatto l’impianto radicale e usando terriccio nuovo e fresco.

Pyracantha: cosa teme

Le pyracantha è un cespuglio resistente e rustico, che di rado viene attaccato da parassiti o malattie.

Si può dire che la pianta teme l’attacco di afidi e cocciniglia. Tra le malattie di origine batterica, teme il fuoco batterico, che va trattato con prodotti specifici per evitare la morte della pianta.

Inoltre, la pianta è in sofferenza se esposta

  • a venti forti
  • gelate invernali
  • siccità estiva

Per mantenere in forza la pianta si consiglia in questi casi di preparare uno strato di pacciamatura organica di 5 cm intorno alla base di ogni arbusto. Questo strato servirà a conservare il giusto  gradi di  umidità, impedendo così alle radici della pianta di indebolirsi.

Pyracantha: curiosità

  • La Piracanta è una pianta velenosa? I semi sono velenosi, ma le bacche cotte si possono mangiare. Le bacche da acerbe sono amare ed astringenti. Non sono edibili crude.
  • Con le bacche di Crenulata si preparano tisane
  • Il nome della pianta Pyracatha deriva dal greco e vuol dire spina di fuoco per la quantità di spine che ricoprono i rami.
  • La pianta è tra le più utilizzate per le decorazioni natalizie.

ScriBio

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button