Piste ciclabili a Copenhagen, ora sono sopraelevate per maggiore sicurezza

di La Ica del 8 agosto 2014

Le piste ciclabili a Copenhagen sono tante, ma ancora non avevano pensato a renderle sopraelevate, per garantire maggiore sicurezza. Oggi ci sono anche quelle.

La chiamano ‘il serpentone’ ed è la nuovissima super-pista ciclabile sopraelevata di Copenhagen: due corsie che si elevano sull’acqua e sulle strade, tenendo così lontane le bici dalle auto e dai pedoni, costituendo un sicuro corridoio per ciclisti lungo 230 metri fino al mare. Cykelslangen – così denominato in danese – è bellissimo e accontenta proprio tutti.

L’area su cui sorge il ‘serpentone rosso’ ha un grande shopping center su cui convergono sia i pedoni che i ciclisti e ciascuno ha le sue esigenze, che naturalmente confliggono tra loro. I ciclisti vogliono passare velocemente evitando il traffico del centro commerciale, pieno di gente a piedi, mentre i pedoni sono più lenti e vogliono passeggiare e dedicarsi allo shopping in tranquillità.

Cykelslangen è un ponte sopraelevato che separa il passeggio dalla pista cicalbile e permette finalmente ai ciclisti di sfrecciare in tutta sicurezza lontane da chi è a piedi, di evitare continue deviazioni o montare rampe di scalini con biciclette a spalla. Inoltre, non obbliga più i pedoni a prestare attenzione a chi arriva da un angolo cieco, pericolo che può rivelarsi fatale.

LEGGI ANCHE: Germania: in arrivo la prima autostrada per le biciclette

Il serpente arancione di Copenhagen è in tutto e per tutto simile ad una normale autostrada, solo che è esclusivamente dedicata alle bici! È una via, lunga e dritta verso il mare: una fantastica strada con vista, dall’ottimo design; una soluzione stress-free per tutti gli abitanti della strada e della città.

E mentre pedoni e automobilisti sono liberi di viaggiare dove si trovavano prima, senza essersi mossi nemmeno di un millimetro, i ciclisti si godono il panorama passeggiando senza fretta anche sulle cargo-bike, ovvero le bici provviste di trasportino per bambini che a Copenhagen vanno tanto di moda; perché la superstrada ciclabile è larga ben 4 metri, il che consente anche i sorpassi tra bici.

APPROFONDISCI: Autostrade per bici: cosa succede in Danimarca ad un anno dal via

La bicicletta, si sa, in Danimarca è il mezzo di trasporto per eccellenza. Ne esistono di diversi tipi e prezzi, e viene usata veramente da tutti, anche dai più piccini. Perciò non sorprenderebbe vedere un ciclista comportarsi esattamente come un biker: casco, luce, alta velocità e sorpassi sono all’ordine del giorno anche sulle piste ciclabili.

Grazie al Cykelslangen, le piste ciclabili a Copenaghen cominciano ad essere una realtà e non sarà più necessario lottare per un po’ di spazio, perché ognuno avrà il suo. Sì, le auto hanno ancora la meglio, ma la superstrada ciclabile, grazie alla sua struttura ‘a palafitte’, è riuscita a ritagliarsi uno spazio più che onesto nella città, arrivando a ridisegnarla a misura di bici.

Non c’è da stupirsi dunque se i ciclisti di Danimarca stiano già pensando ad un prossimo ponte ciclabile: una struttura che non dovrebbe mancare in nessuna grande città.

POTREBBE INTERESSARTI: 

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *