Piante e fiori

Alla scoperta della Bergenia, il “Fiore di San Giuseppe”

Caratteristiche, varietà e consigli utili per la coltivazione in vaso e in piena terra

Quest’oggi parleremo della Bergenia. Probabilmente non l’avrete mai sentita nominare ma, in realtà, l’avrete sicuramente ammirata, magari nel giardino dei nonni o nelle aiuole di qualche vecchia villa. Bella, robusta e resistente, è stata ampiamente utilizzata nei giardini di fine Ottocento e durante il periodo della Belle Epoque. Originaria dell’Asia centrale, è approdata in Europa verso il 1700 circa. La Bergenia infatti è una pianta rustica spesso utilizzata per bordure e come tappezzante.

Alla scoperta della Bergenia, il “Fiore di San Giuseppe”

Che pianta è la Bergenia?

Appartenente alla famiglia delle Saxifragaceae, il genere Bergenia comprende piante erbacee perenni, rustiche che compongono dei piacevoli cespugli per lo più di un bel colore rosa.

Si tratta di piante sempreverdi che vengono molto spesso utilizzate per creare delle bordure e come pianta tappezzante grazie alle sue foglie larghe, perfette per coprire il terreno.

Originaria dell’Asia centrale e meridionale, in queste zone cresce nei pascoli. Si presenta con foglie dall’elevato potere decorativo per la colorazione rossastra che assumono durante l’inverno.

Una caratteristica molto particolare di questa pianta riguarda infatti proprio il fogliame che muta facilmente di colore: assume tinte rossastre a causa delle rigide temperature o all’eccessiva esposizione ai raggi solari.

Bergenia, caratteristiche

Questa pianta è caratterizzata da folti ciuffi di grandi foglie disposte a rosetta, tondeggianti o a forma di cuore, sono lucide e piuttosto coriacee. Dai bordi ondulati o dentellati, sono di un bel colore verde scuro che diventa rossastro verso l’autunno.

A fine inverno, dal centro dei ciuffi delle foglie si sviluppano steli che si stagliano al di sopra del fogliame, e su cui sbocciano mazzetti di piccoli fiori campanulati, di vario colore che va dal bianco al rosa, passando attraverso molteplici sfumature cromatiche. La fioritura può durare anche parecchie settimane, soprattutto se le spighe sfiorite vengono tagliate.

Varietà di bergenia

Il genere Bergenia conta 6 specie. Vediamo quali sono le più diffuse:

Bergenia cordifolia

Si tratta della specie più comune e più diffusa nei nostri giardini.
Originaria dell’Asia orientale e della Siberia, dove cresce spontaneamente, la Bergenia cordifolia è stata importata in Europa nel 1779. Può arrivare a misurare 30 centimetri di altezza e presenta foglie rotonde e fiori campanulati color rosa-lilla. Fiorisce a inizio primavera, tra marzo e aprile.

É facile da coltivare perché tollera anche i terreni fortemente alcalini.

bergenia cordifolia

Bergenia crassifolia

Originaria anch’essa della Siberia, può arrivare a misurare 30 centimetri di altezza.
Ha foglie ovate e fiori rosa tenue che arrivano a misurare 2-3 centimetri. La fioritura avviene da gennaio ad aprile.

Bergenia purpurascens

Molto simile alla crassifoglia, ha però foglie più strette. Fiorisce in piena primavera (aprile – maggio) producendo fiori campanulati rosa porpora riuniti a pannocchia.

Bergenia ciliata

Proveniente dalle aree temperate della regione himalayana, è caratterizzata da rosette di foglie verde obovate e pelose, che arrivano a misurare fino a 35 centimetri di lunghezza.
All’inizio della primavera sbocciano le infiorescenze erette, con fiori rosa o bianchi, con calici rosa scuro.

Bergenia stracheyi

Questa varietà è originaria dell’Himalaya. A differenza delle altre specie, ha foglie un po’ più piccole e, per questo motivo, non è adatta come tappezzante. A inizio primavera, sbocciano fiori campanulati bianco-rosati che arrivano a misurare 2 centimetri. Di questa specie ci sono diverse varietà: la Bergenia stracheyi Abendglut con fiori rosso porpora, la Bergenia stracheyi Silberlicht che misura 40 cm e ha foglie grandi e fiori rosa chiaro con petali bianchi.

Bergenia, quando fiorisce?

Il periodo di fioritura varia in base alla varietà. In genere, fiorisce a inizio primavera, quasi ad annunciare l’arrivo imminente della bella stagione.

Capita spesso che fiorisca in concomitanza con la festa di San Giuseppe, il 19 marzo. Per questo motivo, il nome comune che le viene attribuito è proprio “fiore di San Giuseppe”.

Purtroppo, capita spesso che i primi fiori si danneggino a causa del gelo.

Coltivazione della Bergenia

Essendo molto rustica, è una pianta abbastanza facile da coltivare. La Bergenia infatti si adatta a tutti i tipi di terreno, anche a quelli più calcarei. Sta bene sia al sole che all’ombra, resiste al freddo ed è perfetta per essere coltivata nei giardini rocciosi e per creare le bordure.

bergenia
Un bel primo piano dei fiorellini di Bergenia cordifolia.

Bergenia in vaso

La Bergenia può essere coltivata anche in vaso. In plastica o in terracotta, il contenitore deve avere un diametro di 18 cm per una pianta con fusto di 4 cm di diametro alla base. Per avere la possibilità di fiorire deve “stare stretta”, altrimenti produce soltanto foglie.

Il rinvaso va effettuato nel momento in cui le radici fuoriescono dal foro di drenaggio, scegliendo un contenitore di una misura più grande.

In caso di coltivazione in vaso, sul balcone, fare attenzione ai venti forti perché la pianta li mal sopporta. Con temperature al di sotto dei -10°C, si consiglia di spostare i vasi al riparo o coprire la pianta con del tessuto non tessuto.

Ecco qui di seguito i parametri da tener presenti per coltivare la Bergenia, in vaso o in piena terra.

  • Clima: non teme il freddo; tuttavia, alcune specie prediligono zone non troppo rigide
  • Esposizione: cresce bene sia in pieno sole che all’ombra. Nelle zone molto esposte al sole, è bene ombreggiare la pianta nelle ore più calde della giornata per evitare che si brucino le foglie
  • Terreno: ha una buona rusticità e si adatta anche ai terreni calcarei. Di qualunque tipo sia, l’importante è che il terreno sia fertile e ben drenato. Monitorare quindi costantemente il tasso di umidità del terreno, prestando attenzione agli eventuali ristagni idrici
  • Annaffiature: richiede molta acqua. Soprattutto in estate, non bisogna mai far asciugare del tutto il terreno che va mantenuto sempre umido. Riesce comunque a sopportare anche periodi di siccità, ma non troppo lunghi. In inverno è possibile sospendere le annaffiature, avendo sempre cura di controllare sempre il terreno nei periodi più miti
  • Concimazione: nel periodo primavera/estate è necessario concimare ogni 15-20 giorni utilizzando fertilizzanti completi, contenenti macro e micro elementi. Si può impiegare una formulazione liquida da diluire nell’acqua delle annaffiature, oppure un prodotto granulare a lenta cessione da spargere sul terreno, intorno alle foglie
  • Potatura: non richiede potatura; è sufficiente eliminare le foglie che si seccano o che si danneggiano per evitare che possano veicolare malattie o parassiti

Bergenia, come si riproduce?

Questa pianta può essere propagata in 2 modi: per divisione o per porzioni di rizoma.

Nel primo caso, si deve procedere in primavera disotterando la pianta madre, ripulendo i rizomi e dividendoli in due parti. Prestare attenzione al fatto che ogni porzione sia dotata di una discreta quantità di radici. Le nuove piante, una volta divise, possono essere poste a dimora alla stessa profondità della pianta madre.

La moltiplicazione per rizoma, invece, va effettuata in autunno o in primavera, tagliando i rizomi e sistemandoli in un vaso con della sabbia oppure piantandoli in piena terra nelle zone con temperature non eccessivamente rigide.

Malattie della Bergenia

Essendo una pianta rustica, la Bergenia non è particolarmente soggetta a malattie. Può tuttavia subire attacchi di lumache e chiocciole.

Inoltre, può anche essere attaccata dal punteruolo rosso, un nemico davvero molto complicato da debellare e sconfiggere. Si può comunque prevenire utilizzando pesticidi naturali per lotta biologica.
Infine, fare sempre molta attenzione anche al marciume radicale provocato dai ristagni idrici.

bergenia
Questa pianta generalmente fiorisce a inizio primavera, quasi ad annunciare l’arrivo della bella stagione.

Bergenia, significato

La Bergenia è conosciuta per essere il “Fiore di San Giuseppe”, giorno della Festa del Papà.
Questo soprannome deriva dal fatto che l’inizio della sua fioritura si manifesta proprio attorno al 19 marzo.
Nel linguaggio dei fiori, è simbolo di fiducia assoluta, accettazione e amore incondizionato, esattamente quei sentimenti che costituiscono l’indissolubile legame tra un padre un figlio.

Approfondimenti utili

Forse ti potrà interessare anche:

Sempre sul tema del giardinaggio, ecco infine altri approfondimenti interessanti:

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sullo stesso argomento
Close
Back to top button