Ambiente

Cosa si intende quando si parla di ecosostenibilità

Cos'è, qual è l'obiettivo e come possiamo fare per contribuire ad un mondo migliore

Si sente sempre più spesso parlare di “ecosostenibilità” e di stili di vita sostenibili. Ma cosa vuol dire di preciso questo termine? E perché è così importante? Che influssi ha sulla nostra vita e soprattutto sul futuro? Ed ancora, cosa possiamo fare noi ogni giorno per contribuire alla salvaguardia del Pianeta che lasceremo ai nostri figli e nipoti? Ne parliamo in questo approfondimento.

Cosa si intende quando si parla di ecosostenibilità

Che cos’è l’ecosostenibilità

È un concetto che sta ad indicare qualcosa che consente all’uomo di continuare a vivere su questo Pianeta.

Ciò si può avverare solo mettendo in atto tutta una serie di azioni tali per cui il consumo attuale di risorse permetta alle generazioni seguenti di avere a disposizione risorse in uguali quantità rispetto a quelle che le hanno precedute. Il concetto base dell’ecosostenibilità è quindi il rinnovamento delle risorse.

D’altra parte, il mondo si trasforma ciclicamente ed è compito nostro difendere questa sua proprietà in modo che i suoi equilibri non vengano alterati.

Dunque, possiamo ritenere ecosostenibile tutto ciò che ci porta a comportarci in maniera che le generazioni future vivano in un mondo che offra la stessa quantità di risorse di oggi.

Il concetto di ecosostenibilità può essere applicato a vari ambiti e, ognuno di noi, nel proprio piccolo, può fare qualcosa per contribuire alla preservazione dell’ambiente.

Nell’ottica di uno sviluppo sostenibile sono coinvolti tutti i settori:

  • agro-alimentare
  • edilizia
  • moda
  • arredamento
  • servizi

Bisognerebbe quindi contribuire per far evolvere nuove tecnologie come ad esempio le fonti energetiche rinnovabili ed anche modificare gli stili di vita individuali in un’ottica sempre più eco-friendly.

Ecosostenibilità, definizione

Uno sviluppo in grado di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente, senza compromettere la possibilità delle generazioni future di soddisfare i propri

Tale definizione venne coniata nel 1972 in occasione della prima conferenza delle Nazioni Unite sull’Ambiente. Da quel momento, servirono ulteriori 15 anni per giungere al concetto di “sviluppo sostenibile”, con la pubblicazione nel 1987 del rapporto della Commissione mondiale per l’ambiente e lo sviluppo istituita nel 1983, “Il futuro di tutti noi”.

Qual è lo scopo dell’ecosostenibilità

Lo scopo principale dell’ecosostenibilità è quello di lasciare ai nostri figli e nipoti un Mondo come quello in cui viviamo noi oggi (anche meglio sarebbe l’ideale). Affinché ciò si possa realizzare, occorre ridurre il più possibile l’impatto ambientale che ogni genere di azione umana ha sulla Terra. Solo così le future generazioni avranno la possibilità di godere delle risorse del pianeta e della sua bellezza. Contrariamente, tale risorse sono destinate a consumarsi nel giro di poco tempo, dando vita ad una serie di eventi catastrofici, tali da mettere a rischio l’esistenza della vita animale e vegetale.

Perché è importante l’ecosostenibilità

Oltre a quanto finora detto, è di fondamentale importanza per il benessere umano. Garantendo un certo equilibrio, l’ambiente potrà infatti continuare a fornire risorse provvedendo così alle funzioni base di “supporto della vita”.

L’ecosostenibilità è necessariamente un approccio integrato, che coinvolge tutti i campi della nostra esistenza.

Quali sono i comportamenti ecosostenibili

L’ecosostenibilità deve coinvolgere tutti indistintamente: i settori produttivi più grandi così come anche i singoli consumatori, chiamati ad agire in maniera virtuosa mettendo in atto ogni giorno delle buone pratiche eco-friendly. Bastano poche accortezze, come ad esempio eseguire in maniera corretta la raccolta differenziata e prestare attenzione agli sprechi sia energetici che alimentari.

Nel suo piccolo, ognuno di noi può dunque dare il suo prezioso contributo per salvare il pianeta dal collasso ambientale. Vediamo allora insieme alcuni comportamenti virtuosi da cominciare a mettere in pratica.

Fare attenzione ai consumi

  • In inverno imparare a gestire bene il riscaldamento senza tenerlo acceso tutto il giorno e tenendo la temperatura a max 21°
  • In estate, non esagerare con il condizionatore e programmarlo ad una temperatura di max 26°
  • Controllare che i rubinetti non perdano acqua
  • Installare sui rubinetti riduttori di flusso in modo da evitare sprechi d’acqua
  • Scegliere piante resistenti al sole e poca acqua e quindi sono poco esigenti in termini idi irrigazione
  • Utilizzare le lampadine a basso consumo: durano 8 volte di più , a fronte di un risparmio pari all’80%
  • Spegnere le luci quando si esce da una stanza
  • Spegnere i vari apparecchi elettronici quando non usati
  • Far asciugare il bucato all’aria aperta anziché utilizzare l’asciugatrice
  • Acquistare elettrodomestici a basso consumo
  • Usare lavastoviglie e lavatrice solo a pieno carico e, se possibile, impostando la modalità “eco”

Adottare fonti energiche rinnovabili

Installare impianti fotovoltaici o pannelli solari termici è un investimento che ha notevoli vantaggi:

  • è una forma di energia elettrica ecologica
  • il costo delle bollette alleggerisce
  • si riducono notevolmente le emissioni inquinanti
  • l’immobile aumenta di classe energetica e, di conseguenza, aumenta anche di valore

Mobilità sostenibile

  • Ogni volta che se ne ha la possibilità, muoversi a piedi o in bicicletta. Ne gioverà anche la salute
  • al posto dell’auto, usare i mezzi pubblici
  • Optare per auto elettriche o ibride. Grazie anche agli incentivi, hanno ormai costi sempre più accessibili
  • Condividere i viaggi con persone che si devono recare nella nostra stessa destinazione, ad esempio i colleghi

Fare la raccolta differenziata in maniera corretta

  • Dividere i rifiuti in maniera funzionale al loro smaltimento. Sulle confezioni dei vari prodotti sono sempre riportati i simboli che indicano il materiale così da non commettere errori in caso di dubbio
  • Riciclare tutte le volte che si può. Fai del bene all’ambiente e risparmi anche denaro

Acquistare prodotti elettronici ricondizionati

I prodotti ricondizionati, come smartphone o pc si risparmia moltissimo sul prezzo e si crea l’80% di rifiuti in meno rispetto a comprare un prodotto nuovo.

Evitare l’utilizzo di prodotti monouso

  • Preferire sempre contenitori ed utensili riutilizzabili
  • Scegliere prodotti ricaricabili
  • Evitare la plastica monouso. Oltre ad inquinare le acque, soffoca flora e fauna, e si deve pensare che servono dai 15 ai 1000 anni per decomporsi

Riutilizzare oggetti e indumenti

  • Preferire marchi eco-compatibili e capi d’abbigliamento realizzati con tessuti organici
  • Evitare il fast-fashion
  • Comprare meno in generale e riutilizzare uno stesso anche per più tempo e in svariate occasioni
  • Donare o rivendere gli oggetti che non si utilizzano più

Preferire i prodotti stagionali e a km zero

  • Comprare alimenti provenienti dalla propria regione o acquistati tramite gruppi d’acquisto solidale
  • Quando possibile, acquistare i prodotti direttamente dagli agricoltori del proprio territorio sostenendo così la filiera corta
  • Scegliere prodotti di stagione: oltre ad essere più economici, sono anche più salutari in termini di nutrienti
  • Leggere sempre con attenzione le etichette per essere sicuri di acquistare da aziende che promuovono la sostenibilità e che quindi loro prodotti siano privi di pesticidi

Quali sono i materiali ecosostenibili

Nel settore edile, vengono definiti sostenibili tutti quei materiali che favoriscono il risparmio energetico ed hanno anche un basso impatto sull’ambiente.

I cosiddetti bio-materiali non sono tossici e provengono da risorse naturali e rinnovabili. I principali sono legno, argilla, cellulosa, sughero e calcestruzzo.

Altri approfondimenti tematici

Ti suggeriamo di leggere anche:

Published by
Federica Ermete