Mangiare sano

Estrattore di succo: perché è utile averlo in casa? Come sceglierlo?

Ecco come questo piccolo elettrodomestico aiuta a consumare più frutta o verdura

L’estrattore di succo a freddo è un piccolo elettrodomestico sempre più popolare nelle cucine degli italiani. La ragione di questo successo è presto detta: l’estrattore di succo aiuta a consumare più frutta e verdura, soprattutto nei casi in cui ci sia scarsa attitudine a consumare la frutta fresca (un esempio classico è quello dei bambini). Non solo: gli estrattori impiegano un particolare sistema di spremitura (lento e a freddo) che aiuta a meglio preservare le sostanze nutritive della frutta, vitamine in primis.

Estrattore di succo: perché è utile averlo in casa? Come sceglierlo?

Ma com’è possibile tutto questo? Andiamo con ordine.

Premesso che abbiamo sempre preferito suggerirvi come fare a meno di un acquisto potenzialmente inutile invece che incoraggiarvi ad acquistare device elettronici per i quali presto o tardi si porrà il problema dello smaltimento, nel caso dell’estrattore di succo non possiamo ignorare l’indubbia utilità di questo elettrodomestico in determinate situazioni. In particolare, se avete figli piccoli che malvolentieri consumano frutta e verdura, l’estrattore di succo rappresenta un valido alleato per far sì che consumino le vitamine di cui hanno bisogno e tanti alimenti che altrimenti faticherebbero ad entrare nel loro regime alimentare.

Ma anche per i più grandi l’estrattore aiuta a rendere l’assunzione di frutta e verdura più piacevole, varia e abbondante.

Cos’è l’estrattore di succo a freddo e come funziona

Vediamo innanzitutto cos’è l’estrattore e perché è diverso da una centrifuga o un frullatore.

La differenza si desume facilmente dalla sua modalità di funzionamento. Gli estrattori di succo a freddo operano tramite pressatura di frutta e verdura, ma con minori giri e potenza rispetto alle centrifughe, funzionando a soli 150 Watt e ruotando tra i 40 e gli 80 giri al minuto. Questo dettaglio fa in modo che si mantenga gran parte delle proprietà nutritive degli alimenti.

Gli estrattori presentano anche un’apertura superiore che consente di inserire una varietà di ingredienti, come frutta, verdura, cereali, germogli, semi e erbe officinali. Un componente chiave, la coclea in plastica, cattura tali ingredienti e, grazie alla sua rotazione lenta (tra i 40 e gli 80 giri al minuto), li spreme delicatamente contro un filtro in acciaio. Questo processo permette alla frutta e alla verdura di passare attraverso un setaccio, risultando in due output distinti: da un lato, un succo ricco di vitamine, enzimi e nutrienti preziosi, e dall’altro, una polpa completamente secca, che è priva di colore e sapore.

La situazione è diversa per le centrifughe, che operano a potenze notevolmente più elevate, mediamente a 900 Watt, con una velocità di rotazione molto più elevata, oscillando tra 12.000 e 14.000 giri al minuto. Questo processo genera calore e può ridurre la qualità nutrizionale del succo risultante. Analogamente, i frullatori, a causa del vortice d’aria che creano all’interno durante il processo di mescolamento, possono distruggere parte delle vitamine e di altri nutrienti importanti.

Ecco perché si dice che l’estrattore ci consente di ottenere un succo di frutta migliore.

I vantaggi dell’estrattore di succo a freddo

Quanto riportato sopra in realtà non è l’unico vantaggio associato agli estrattori di succo a freddo. Schematizzando i vantaggi sono di cinque tipi:

  1. Maggiore resa di succo: gli estrattori di succo tendono a ottenere una resa di succo maggiore rispetto ad altri apparecchi come i frullatori. Estraggono il liquido dalla frutta e dalla verdura senza incorporare le fibre, il che significa che puoi ottenere più succo da una quantità data di ingredienti.
  2. Migliore conservazione dei nutrienti: gli estrattori di succo lavorano a velocità più basse rispetto alle centrifughe, riducendo al minimo l’attrito e il calore generato durante il processo di estrazione. Questo aiuta a preservare meglio i nutrienti, le vitamine – soprattutto la vitamina C – e gli enzimi presenti negli ingredienti.
  3. Succhi più leggeri: i succhi estratti da un estrattore di succo sono spesso meno densi e più chiari rispetto ai succhi ottenuti con un frullatore. Questo li rende più adatti per chi desidera una bevanda leggera e rinfrescante.
  4. Minore ossidazione: l’ossidazione è un processo che degrada i nutrienti nei cibi. Gli estrattori di succo riducono al minimo l’ossidazione, poiché il succo estratto viene separato dalla polpa in modo più efficiente.
  5. Maggior versatilità e succhi più vari: gli estrattori di succo possono gestire una vasta gamma di ingredienti, compresi frutta, verdura, erbe e persino alcune noci. Questo offre maggiore flessibilità nella preparazione di bevande e ricette a base di succo.

I benefici portati da questo piccolo elettrodomestico

Questi vantaggi specifici alla fine si tramutano in un beneficio di carattere generale, derivante dal fatto che alla fine contribuisce ad aumentare e variare il consumo di frutta e verdura, favorendo così uno stile alimentare più salutare.

Frutta e verdura sono ricche di nutrienti essenziali come vitamine, sali minerali, antiossidanti e fibre alimentari, e il loro consumo regolare può migliorare la digestione, contribuire al controllo del peso, prevenire la stitichezza, migliorare la salute della pelle, rafforzare il sistema immunitario, prevenire malattie croniche come il diabete e promuovere la salute del cuore e del sistema circolatorio.

Gli esperti raccomandano almeno 400 grammi di frutta e verdura al giorno, divisi idealmente in 5 porzioni. Tuttavia, lo stile di vita moderno può rendere difficile raggiungere questa quota. L’uso di un estrattore di succo può rendere più piacevole e variato l’assunzione di frutta e verdura, offrendo una vasta varietà di ricette gustose.

estrattore di succo a freddo
Con l’estrattore di succo potete anche mischiare svariati tipi di frutta e verdura, ottenendo di volta in volta sapori diversi.

Gli svantaggi dell’estrattore di succo

Detto dei vantaggi, ci sono sicuramente anche degli svantaggi associati a questo prodotto e non ci riferiamo solo al prezzo più alto rispetto a frullatori o centrifughe.

Gli estrattori richiedono operazioni di pulizia più impegnative (non tutti i modelli hanno pezzi che si possono lavare in lavastoviglie) e una manutenzione accurata.  La pulizia periodica, preferibilmente dopo ogni utilizzo, impedisce la formazione di incrostazioni e l’accumulo di residui alimentari che potrebbero compromettere le prestazioni dell’estrattore. Inoltre, questa pratica previene cattivi odori e garantisce che il succo mantenga il suo sapore originale.

Per quanto riguarda la manutenzione, o meglio l’accortezza nell’uso, bisogna stare attenti a non surriscaldare il motore. Non tutti i modelli possono lavorare a lungo senza rischiare di surriscaldarsi.

estrattore di succo a freddo
Quanto vi abbiamo raccontato vi ha interessati? Allora non perdetevi nemmeno i consigli per gli acquisti sotto.

I migliori modelli di estrattore di succo a freddo

Sono tre i modelli in commercio che presentano a nostro parere il profilo qualità/prezzo di maggior interesse:

Estrattore di succo RGV Juice ARt New 110900

Pratico, economico e maneggevole. Ideale per chi cerca un modello non troppo pesante (non solo nel prezzo) e ingombrante. Lavora con 60 giri al minuto ed è pratico anche perchè tutte le componenti staccabili dal corpo macchina posso essere lavate in lavastoviglie.

Estrattore di succo Imetec Succovivo Pro 2000

Per chi vuole succhi di altissima qualità: si tratta di un modello che estrae il succo con appena 48 giri al minuto. Ha tre filtri diversi, che permettono di ottenere succhi della densità desiderata. E anche un comodo ricettario.

Estrattore di succo AMZCHEF

Facile da usare, poco ingombrante e assolutamente non rumoroso. Permette un’ottima resa di succo e lo si trova in commercio a un prezzo molto competitivo:

Approfondimenti utili

Forse ti potrà interessare anche:

Giovanna Ferraresi

Giovanna Ferraresi  Siciliana di nascita e milanese di adozione, s'impegna con passione e voglia di imparare. Fino dal 2011 segue la sua attitudine, la scrittura. Lavora come web editor free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche di architettura e scrive di edilizia e architettura per 'Imprese Edili' e architetturaecosostenibile.it È appassionata di bioedilizia e architettura sostenibile. Anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare ed è esperta di bellezza naturale e autoproduzione cosmetica.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio