Farina di canapa: proprietà e utilizzi della farina gluten-free

di Elle del 27 Novembre 2018

Adatta ai celiaci, la farina di canapa è un ingrediente con notevoli proprietà nutrizionali e da usare in modo versatile in cucina.

Farina di canapa: proprietà e utilizzi della farina gluten-free

Ottenuta dai semi della Canapa sativa rappresenta un ottimo integratore alimentare. Può essere sia sotto forma di farina, che di olio di canapa. Possiede, infatti, numerose proprietà nutrizionali e benefici per la salute.

Storia 

L’utilizzo della canapa risale a più di 10.000 anni fa. Un pezzo di tessuto con questa fibra risalente a circa 8.000 a.C. è stato rinvenuto durante degli scavi archeologici.

Negli Stati Uniti la coltura è stata così importante che una parte del suo nome (canapa in inglese si dice hemp) è entrato nei nomi delle città che l’hanno coltivata di più: New Hampshire, Hampstead, Hampton. Perfino i due presidenti americani George Washington e Thomas Jefferson coltivavano la canapa nelle loro proprietà.

Poi, nel 1930, tutto è cambiato per una serie di eventi.

In quell’anno William R. Hearst, proprietario di diversi giornali e riviste, aiutato dalla DuPont Corporation, un gruppo con interessi nell’industria petrolifera, del cotone e delle banche, distrusse la canapa, la sua coltivazione, il suo uso ed il suo sfruttamento.

La famiglia Hearst acquisì diversi milioni di ettari di foresta per produrre in proprio la cellulosa destinata alla carta dei suoi quotidiani e giornali.

Allo stesso tempo, il gruppo Dupont brevettò un processo per produrre dei fili in nylon (un derivato del petrolio). Hearst usò il suo potere mediatico per influenzare l’opinione pubblica su canapa e cannabis.

Nel 1937, con il sostegno di Andrew Mellon (allora ministro delle finanze), il Congresso americano approvò una legge con delle misure che limitavano la coltivazione e la distribuzione della canapa, che smise di essere coltivata per far posto ad altre fibre e cereali.

Solo di recente questa fibra ha conosciuto un nuovo sviluppo nella coltivazione e l’utilizzo delle sue fibre in campo tessile e alimentare, a poco a poco, sta riguadagnando terreno.

Differenze tra canapa e cannabis

Canapa indiana e cannabis (detta anche hashish o marijuana) provengono entrambe dalla stessa specie (Cannabis), ma sono due varietà distinte, una è la cannabis indica, l’altra la cannabis sativa.

Bisogna sottolineare che non c’è alcun rischio che, consumando degli alimenti che contengono canapa, si possa assumere il suo principio attivo e finire ‘drogati’. Per ottenere un effetto psicotropo dalla canapa coltivata ad uso alimentare, un ibrido che ha il principio attivo THC molto ma molto basso,  si dovrebbe fumare un minimo di 12 kg di fiori o mangiare 2,3 kg di semi.

Il fatto che la canapa possa essere usata come alimento per taluni è sorprendente. Infatti, l’atteggiamento e le informazioni portate da Governo e dai media sulla cannabis è così fortemente orientato ad evidenziare la sua pericolosità come droga, che questa pianta è percepita come una droga essa stessa, e quindi risulta inadatta al consumo alimentare e alla salute. La realtà è ben diversa.

I punti che differenziano le due varietà sono numerosi:

  • Parti differenti. Le parti della pianta utilizzata per scopi alimentari sono solo i semi, mentre per la cannabis si utilizzano foglie e sommità fiorite.
  • Piante femminili e maschili. La cannabis proviene principalmente da piante femminili, mentre la canapa proviene principalmente da piante maschili.
  • THC. Il tetraidrocannabinolo è la sostanza che provoca i ben noti effetti psicotropi, se somministrato a certe dosi. La cannabis sativa o indica contengono tra il 3 e il 25% di THC (che varia a seconda di diversi parametri, tra cui il tempo). L’brido di canapa sativa coltivata per uso alimentare (e industriale) deve contenere un tasso di THC inferiore allo 0,3% in Europa, e negli Stati Uniti, tra lo 0,05 e l’1%.
  • Varietà diverse. La canapa ad uso alimentare è soggetta a regolamenti molto rigorosi. Ogni agricoltore che la coltiva deve essere in grado di fornire la prova dell’acquisto di sementi da un’impresa certificata e riconosciuta. In caso di controllo, il tasso di THC deve essere inferiore ai valori stabiliti per legge.

Si raccomanda, nel caso di acquisto di una piantina ibrida a basso tenore di THC per farne uso alimentare, di acquistarla in un centro autorizzato dal Governo a mezzo di certificazioni specifiche, sottoposto a controlli frequenti, di mantenerla nel suo vaso originale e di tenere lo scontrino, sempre.

Come si fa la farina di canapa

La farina di canapa non si ottiene semplicemente macinando i semi, come avviene per la stragrande maggioranza delle farine, dei cereali e dei semi oleosi.

In pratica si segue lo stesso processo di produzione dell’olio d’oliva. Solo dopo essere stati pressati in un torchio, i semi vengono ridotti in polvere attraverso la macinatura. Tale polvere diventerà poi farina.

Si pressano i semi interi al torchio e se ne ricava da un lato l’olio di canapa, di un bel color giallo-verde, e una farina di consistenza polverosa dall’altro. L’olio viene imbottigliato e la polvere viene utilizzata per produrre la farina vera e propria attraverso la macinatura.

La polvere macinata è poi setacciata per eliminare i pezzi di guscio. Ne rimane solo la polpa, la parte più morbida, che è la vera farina di canapa.

Cosa contiene la farina di canapa

Questa farina rappresenta una buona fonte di proteine vegetali, per cui è consigliata anche a chi segue un’alimentazione vegetariana o vegana. Risulta, inoltre, ricca di fibre e non contiene glutine.

Sono presenti anche sali minerali, come potassio, ferro, zinco, magnesio, e vitamine, tra cui soprattutto la E.

In particolare, 100 gr di farina forniscono:

  • 395 calorie
  • 27,9% di proteine
  • 50,7% di carboidrati
  • 8,9% di grassi

Farina di canapa aminoacidi

All’interno di questa particolare farina sono contenuti tutti gli 8 amminoacidi essenziali.

farina di canapa Farina di canapa contiene glutine

Il glutine è completamente assente in questo tipo di farina. Pertanto si tratta di un alimento più facilmente digeribile e adatto anche ai celiaci.

Farina di canapa contiene nichel

La canapa rientra tra gli alimenti in cui si rilevano minori concentrazioni di nichel. In caso di intolleranza, quindi, la farina ricavata dai semi della canapa può essere sostituita a quella ottenuta dal grano.

Farina di canapa contiene THC

I semi utilizzati poi per scopi alimentari possiedono una concentrazione del principio attivo noto come sigla THC molto bassa e quasi pari a zero.

Pertanto non sono previsti effetti psicotropi consumando alimenti preparati con questa farina.

Farina di canapa: tutti i benefici

Tra i benefici riconosciuti occorre menzionare la capacità di rinforzare il sistema immunitario, quello nervoso ed ormonale. Per via dell’alto contenuto di fibre è inoltre consigliata per affrontare problemi di stitichezza.

farina di canapa

Come usare la farina di canapa

Dal colore dorato piuttosto scuro, tendente al kaki, ha una consistenza meno ariosa delle farine di cereali. Il suo sapore è molto pronunciato e conferisce un colore scuro alle preparazioni. Per questi motivi, è usata con parsimonia in cucina.

In piccole quantità (dal 5 al 15%), può essere aggiunta a pane, torte, pasta, biscotti e vari prodotti da forno.

Può essere adoperata facilmente come ingrediente per preparare anche alimenti salati e sotto forma di integratore. È un valido alleato per atleti, vegetariani, donne in gravidanza e tutti coloro che necessitano di un maggiore fabbisogno proteico.

Il consiglio è di non consumarlo come unica fonte di proteine (vegetariane o animali), ma come integratore. Infatti, nessun alimento, anche se naturale e concentrato, può sostituire una buona dieta varia e completa.

Farina di canapa per celiaci

Grazie all’assenza di glutine, questa farina è adatta per l’alimentazione di chi soffre di celiachia o presenta un’intolleranza.

Farina di canapa per diabetici

La presenza di Omega 6 e Omega 3 rende questa farina utile per contrastare l’insorgenza di patologie come il diabete.

Farina di canapa: controindicazioni

Questo alimento rinomato per le sue proprietà benefiche può presentare alcune controindicazioni. Ad esempio, è preferibile limitarne il consumo in caso di assunzione di farmaci antiaggreganti e ipertensivi.

Farina di canapa gravidanza

Per le donne in gravidanza il consumo di semi di canapa e relativa farina non presenta particolari limitazioni.

Farina di canapa in allattamento

In fase di allattamento si possono continuare a consumare alimenti preparati con questa farina.

Farina di canapa allergia

Fatta eccezione per casi particolari di ipersensibilità ai suoi componenti, la canapa non provoca reazioni allergiche. Anche per questo motivo è accresciuto l’interesse verso la farina ricavata dai semi di questa pianta.

Cosa fare con la farina di canapa

Gli usi di questa farina priva di glutine sono molteplici in cucina. Si può anche usare per ricavare un burro di canapa.

Farina di canapa alimentare

La farina ricavata dai semi di questa pianta può sostituire la farina tradizionale in qualsiasi tipo di pietanza, dolce o salata. Attenzione, per il suo gusto pronunciato è meglio limitarsi a sostituire tra il 5 e il 15% della farina 00.

Ricetta biscotti alla farina di canapa

I biscotti di canapa si preparano unendo questa farina con una tradizionale o integrale in ragione di 1/4 del totale. Provate questa ricetta per preparare dei deliziosi biscotti vegani alla canapa, cannella, semi di chia e mirtilli rossi.

  • 30 g di cannella in polvere
  • 30 g di zucchero di cocco
  • 30 g di olio di cocco
  • 170 g di farina integrale
  • 30 g di farina di canapa
  • 1 uovo
  • 10 g di lievito per dolci
  • 50 g di semi di chia
  • gocce di cioccolato fondente (una manciata)

Preparazione. In un robot da cucina, unte tutti gli ingredienti tranne il cioccolato e mescolate per ottenere un composto omogeneo. Aggiungete le gocce e girate una volta sola. Ricavate delle palline grosse come una noce e appiattitele su un piatto coperto di carta da forno. Fatevi delle strisce sulla superficie con i rebbi della forchetta. Cuocete per 30 minuti a 200°.

farina di canapa

Pancake alla farina di canapa

Una ricetta alternativa per i pancake può essere realizzata utilizzando questa farina gluten-free. Ecco uan ricetta veg che metterà tutti d’accordo.

  • 100 gr di farina 00
  • 20 gr di farina di canapa
  • 1/2 bustina di lievito in polvere (o 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio)
  • 20 gr di zucchero di canna
  • 1 pizzico di sale
  • 100 ml di latte di soia
  • 1 uovo
  • 1 cucchiaio di olio di mais

Preparazione. Mescolate le due farine, il lievito, lo zucchero e il sale. Sbattete l’uovo, il latte e l’olio separatamente e aggiungete delicatamente al composto secco, battendo bene per evitare grumi. Il composto deve essere un po’ più denso della pastella per crepes. Sipuò quindi aggiungere un po’ di latte per renderlo più liquido. Poi cuocete in una padella leggermente oliata facendo diversi pancake (versate circa un cucchiaio per ogni frittella) o usando una padella per blini.

Pasta alla farina di canapa

Per la pasta alla canapa si consiglia di aggiungere 30 gr di questa particolare farina a 300 gr di quella di tipo 1.

Pane alla farina di canapa

Per preparare il pane si possono aggiungere 50 gr di farina ricavata dai semi di canapa a 450 gr di farina di tipo 1 o integrale.

Pizza alla farina di canapa

Questa farina può essere adoperata anche per la preparazione dell’impasto per la pizza. Si consiglia di aggiungere 100 gr ad 1 kg di farina di tipo 0.

Vendita farina di canapa

Questo prodotto è sempre più diffuso anche nei nostri negozi per la versatilità e le proprietà nutrizionali ormai riconosciute.

Dove trovarla

Si trova facilmente all’interno dei negozi di alimentazione naturale o nei reparti bio e di prodotti biologici dei supermercati. Inoltre, è reperibile anche presso le erboristerie ben fornite.

In alcuni supermercati prodotti a base di questa farina sono reperibili in appositi scaffali di prodotti privi di glutine.

Farina di canapa vendita online

In alternativa si può reperire presso siti dove acquistarla on line. Si trovano i derivati della canapa in tutte le loro forme: semi integrali, semi decorticati, farina, olio e perfino burro di canapa.

Si possono anche trovare degli integratori alimentari per animali.

Leggi anche:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment