Alimenti

Frutti viola: l’elenco e le loro proprietà

La lista completa, le proprietà e alcune ricette

Scopriamo insieme i frutti viola. Una dieta sana ed equilibrata dovrebbe apportare tutti i nutrienti utili al benessere dell’organismo. Per essere sicuri di introdurre tutti i nutrienti di cui abbiamo bisogno, la natura ci viene in aiuto. Nell’ambito dei vegetali, basterebbe infatti assumere almeno 5 porzioni al giorno di frutta e verdura di stagione e un modo pratico per assumere diverse varietà (e diverse sostanze nutritive) è quello di variare il colore. Variare il colore della frutta servita in tavola è infatti un modo facile e intuitivo di fare incetta di frutti dalle diverse proprietà e con diverse caratteristiche.

Frutti viola: l’elenco e le loro proprietà

In questo articolo andremo a vedere in concreto quali sono i frutti di colore blu-violaceo, e a conoscerne le loro benefiche proprietà.

L’elenco dei frutti viola

I frutti viola sono:

  • i fichi viola
  • le prugne
  • le susine
  • i frutti di bosco (more, mirtilli, ribes nero)
  • le susine
  • l’uva nera

Quali sono i frutti viola

Andiamo a conoscere più da vicino i principali frutti viola e le loro proprietà.

Prugne viola

Le prugne viola fanno la loro comparsa verso fine estate. Ricche di vitamine A e C, sono ricche di minerali, soprattutto potassio, ed anche di fibre. Contengono anche importanti quantitativi di zucchero; per questo è importante evitare di eccedere nelle quantità. Le prugne sono ottime fresche ed anche essiccate. In quest’ultimo caso, diventano altamente zuccherine e ancora più ricche di fibre. Proprio per quest’ultimo aspetto, sono consigliate come blando rimedio naturale per la risoluzione di problemi di stitichezza passeggera.

Sono inoltre indicate per preparazioni dolci, come le confetture, ed anche per ricette salate. Molto prelibato è l’abbinamento con la carne di maiale.

Fichi viola

Morbidi, succosi e dolcissimi, i fichi viola sono una prelibatezza tipicamente settembrina. Si tratta della variante più zuccherina e succosa del frutto.
Ottima fonte di fibre, contengono anche buone dosi di vitamina C e di sali minerali, come calcio, magnesio e potassio.

Il flavonoide maggiormente presente nei fichi è la luteolina, che pare abbia proprietà antinfiammatorie, soprattutto in ambito neuro-protettivo).

Squisiti al naturale, sono eccellenti abbinati alle pietanze salate. Un grande classico è l’accoppiata con il prosciutto crudo. Con la polpa, si possono inoltre preparare salse, marmellate, risotti e plumcake, sia dolci che salati.

Come già detto, sono molto zuccherini. Attenzione quindi a non esagerare con le quantità. Assolutamente banditi nell’alimentazione dei soggetti diabetici.

Susine

Le susine sono una tipologia di prugne di colore viola e dalla forma ovoidale. Sono ricche di antiossidanti, utili per contrastare i radicali liberi, prima causa di invecchiamento.

Frutti viola piccoli

Alcuni frutti viola hanno dimensioni molto piccole.

More

Le more sono una fonte preziosa di vitamina C, antiossidanti, fibre e potassio. Inoltre, i suoi semi sono ricchi di acidi grassi Omega 3. Deliziose, semplicemente condite con succo di limone e un po’ di zucchero, sono ideali anche nelle macedonie di frutta mista e per decorare crostate, pasticcini e dolci vari. Più il frutto è maturo e più aumenta il tenore zuccherino.

Mirtilli

Ricchissimi di vitamina C, antociani e fibre solubili, da sempre i mirtilli vengono impiegati in ambito fitoterapico per preservare la salute del microcircolo e della vista. Sono molto utili anche per prevenire la fragilità capillare. Ed ancora, il succo di mirtillo ha effetto diuretico, utile per combattere la cellulite e i gonfiori. Oltre che consumati freschi, ad esempio nelle macedonie o come guarnizione delle crostate, i mirtilli vengono utilizzati per la preparazione di succhi, marmellate ed estratti.

Ribes neri

I ribes neri sono ricchissimi di antiossidanti dalle proprietà antinfiammatorie. Presente in vari rimedi erboristici, l’olio di ribes nero viene consigliato per modulare la risposta infiammatoria dell’organismo e prevenire le riniti allergiche di stagione. Sono anche un’ottima fonte di potassio, importante per ridurre il rischio di patologie cardiovascolari e pressione alta.

Deliziosi freschi nelle macedonie di frutta, i ribes neri sono squisiti anche aggiunti nello yogurt e per preparare marmellate, succhi e frullati. La salsa di ribes è un eccellente accompagnamento ai secondi piatti a base di carne.

Uva nera

Simbolo dell’autunno, l’uva nera possiede ottime proprietà. Eccellente fonte di vitamina C e di potassio, è energetica, diuretica, depurativa e antiossidante. Contiene antociani, utili per alleviare i problemi di microcircolo, rinforzare i capillari fragili e dare sollievo alla fastidiosa sensazione delle gambe pesanti.

Per ottenere il massimo dalle sue proprietà, è preferibile consumare l’uva nera fresca e al naturale.

frutti viola
La regina dell’autunno!

Le proprietà dei frutti viola

Abbiamo parlato dei singoli frutti. Riassumiamo ora qui di seguito le generiche proprietà dei frutti viola.

I frutti blu e viola sono ottimi per:

  • prevenire molte patologie cardiovascolari
  • preservare la salute e il benessere della vista
  • prevenire le patologie di tipo infiammatorio
  • rinforzare i capillari
  • aumentare la resistenza capillare
  • inibire l’aggregazione piastrinica
  • prevenire alcune forme tumorali
  • mantenere in salute la funzione urinaria e prevenire le infezioni del tratto urinario
  • prevenire l’insorgere della cataratta
  • mantenere bassi i valori di colesterolo nel sangue
  • prevenire l’insorgere di patologie neuro degenerative
  • contrastare e ritardare l’invecchiamento cutaneo

Tutte queste proprietà sono dovute alla presenza di sostanze come:

Qualche ricetta con i frutti viola

Oltre a gustarla in tutta la sua fresca naturalezza, la frutta può essere impiagata anche per preparare succhi, centrifugati ricchi di nutrienti e anche golo si dolci. Vi proponiamo alcune ricette preparate coi frutti viola.

Centrifugato Estivo

Ingredienti 2 persone

  • 1 mela
  • 3 fichi
  • 1 grappolo di uva nera
  • 1 pizzico di cannella

Preparazione. Sbucciate i fichi e le mele. Nel frattempo lavate per bene l ‘uva. Centrifugate tutti i frutti insieme. Versate in 2 bicchieri e servite spolverando con un pizzico di cannella.

Crumble alle more

Vediamo ora come preparare una golosa torta croccante e friabile. Faremo un crumble ma, al posto delle classiche mele, come vuole la tradizione, utilizzeremo delle gustose more.

Ingredienti

Preparazione. Cominciate con lavare le more delicatamente e poi asciugatele tamponandole con della carta assorbente da cucina. Sistematele quindi in una ciotola ed aggiungete 20 gr di zucchero e la scorza di limone grattugiata. Mescolate con cura e fate riposare minino un’ora.

Nel frattempo, dedicatevi alla preparazione del crumble.

In una ciotola unite le due farine e i restanti 50 gr di zucchero. Mescolare e poi unite il burro freddo sbriciolato a piccoli pezzi. Lavorate l’impasto usando la punta delle dita fino a ottenere un composto fatto di briciole piuttosto grosse e non regolari. Mettete a riposare in frigorifero per 1 ora circa.

A questo punto, ungete il fondo di una tortiera con un fiocco di burro. Distribuite sul fondo della tortiera le more e ricoprite il tutto con il crumble.

Fate cuocere in forno statico preriscaldato a 180° per 20-25 minuti, e comunque fino a quando il crumble non risulterà bello dorato.

Il crumble alle more va servito tiepido.

Risotto alle prugne

Alcuni frutti viola si prestano anche per preparazioni salate. Vediamo come preparare un primo piatto utilizzando le prugne.

Ingredienti per 4 persone

  • 320 gr di riso Arborio
  • 200 gr di prugne secche senza nocciolo
  • 200 gr di formaggio fresco tipo certosa
  • ½ l di brodo vegetale
  • 1 scalogno
  • 20 gr di burro
  • ½ bicchiere di vino rosso

Preparazione. Anzitutto mettete a mollo in acqua tiepida le prugne in modo che si ammorbidiscano, Nel frattempo, tagliate lo scalogno molto finemente e fatelo appassire con il burro.

Quando si saranno ammorbidite, tritate le prugne e aggiungetele allo scalogno. Aggiungete ora il riso e fatelo saltare a fiamma vivace. Sfumate col vino aggiungete il brodo, aspettando che asciughi prima di aggiungerne altro. Portate a cottura il risotto e, per mantecare, unite il formaggio in modo da ottenere una consistenza cremosa. Servite il risotto alle prugne ben caldo.

frutti viola

Torta morbida con uva nera

E per finire, una classica torta morbida, perfetta a merenda o a colazione, arricchita con acini d’uva nera.

Ingredienti

  • 500 gr di uva nera dagli acini piuttosto piccoli
  • 300 gr di farina 00
  • 2 uova a temperatura ambiente
  • 100 gr di zucchero
  • 200 ml di latte
  • 55 gr di olio di semi di girasole
  • 1 bustina di lievito per dolci in polvere

Preparazione. Per prima cosa, sgranate l’uva e lavate molto bene gli acini sotto l’acqua corrente. Quindi asciugateli stendendoli su un canovaccio pulito e tamponandoli con carta assorbente da cucina. Nel frattempo, in una ciotola, unite la farina e il lievito. Mescolate.

Nel frattempo, in un’altra ciotola, sbattete le uova e lavoratele insieme allo zucchero fino a ottenere un composto chiaro e di consistenza cremosa.

A questo punto, poco per volta ed alternando ingredienti secchi e ingredienti liquidi, unite ora l’olio a filo, il latte poco per volta e la miscela di farina e lievito.

Continuate sempre a montare fino all’esaurimento degli ingredienti.

Preriscaldate il forno statico a 180° C. Con una noce di burro ungete il fondo di una tortiera tonda.

Nel frattempo, versate nell’impasto metà dell’uva e mescolate il tutto con delicatezza.

Travasate l’impasto nello stampo imburrato. Versate il restante impasto e sistemate sulla superficie gli acini di uva rimasti.

Fate cuocere in forno già caldo per circa 50-60 minuti. Per essere sicuri del grado di cottura, fate comunque sempre la prova dello stecchino. Servire la torta all’uva nera, una volta che sarà completamente raffreddata.

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness e il benessere in generale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio