Piante e fiori

Larice: molto elegante, è uno degli alberi secolari più apprezzati

Molto ricercato per il suo legno, vanta anche proprietà benefiche

Oggi andiamo alla scoperta del Larice. È uno degli alberi secolari più apprezzati per via della sua forma e dei suoi usi. Lo si trova in alta montagna ed è molto ambito per il suo legname. Andiamo a conoscere il Larice più da vicino.

Larice: molto elegante, è uno degli alberi secolari più apprezzati

Larice: caratteristiche

Appartenente al genere Larix, un genere di conifere, il Larice è un albero di notevoli dimensioni (può raggiungere i 40 metri di altezza) e che, a differenza di altri, è a foglia caduca, ossia in autunno perde le foglie, che nel suo caso sono gli aghi. Per questa caratteristica, il Larice viene anche detto “deciduo” o “larice deciduo”.

Dal portamento molto elegante, si tratta di una specie secolare che può raggiungere addirittura gli 800 anni di vita.

Vediamo un po’ più nello specifico le sue caratteristiche:

  • il tronco è cilindrico e può raggiungere un’altezza di 40 metri
  • la chioma è rada e piramidale, con foglie aghiformi
  • foglie/aghi, riuniti in piccoli mazzetti e distribuiti a spirale intorno ai rami, non pungono. Sono color verde chiaro, e diventano giallo-oro nel periodo autunnale per poi cadere tra l’autunno e l’inverno
  • fiori: maschili e femminili sulla stessa pianta. I fiori femminili sono visibili poiché ovali, allungati e assumono spesso colorazioni rosate. Se impollinati, i fiori femminili generano piccole pigne allungate di circa 4 cm e possono restare sulla pianta anche per diversi anni. I fiori maschili sono invece piccoli e gialli

Larice sempreverde

Pur essendo una pianta aghifoglie, il Larice non è un sempreverde. Durante la stagione autunnale e in inverno, infatti, perde gli aghi che cadono sul sottobosco, mentre gli alberi rimangono spogli.

Habitat

È un albero originario dell’Europa centrale, comune in Italia nelle Alpi, dove cresce anche a quote elevate, superiori ai 2500 metri. In Italia lo si trova anche in alcune parti dell’appennino Tosco-Emiliano.

Coltivazione del Larice

Il Larice può essere acquistato in vivaio, dove di solito è disponibile in varie forme ibride, spesso incrociate con il larice giapponese.

Larice bonsai

Se amate i larici dovete avere spazi molto ampi. Una valida alternativa adatta per i giardini di città sono i piccoli larici bonsai.

Il Larix è una specie molto popolare come pianta da bonsai: pianta e tronchi sono facili da trovare.

Cura del Larice

Soffermiamoci ora sulle condizioni ottimali relative a cura e coltivazione del Larice.

  • Clima ed esposizione: il Larice preferisce un’esposizione soleggiata e un’ambientazione montuosa, con inverni rigidi ed estati non eccessivamente calde.  In piena estate, per evitare che le foglie brucino al sole, può anche essere posizionato a mezz’ombra. È una pianta estremamente resistente che non richiede alcun tipo di protezione in inverno fino a temperature di -15 °C / -20 °C.
  • Terreno: preferisce un terreno sciolto, ben drenato e leggermente acido.
  • Irrigazione: deve essere tenuto sempre umido. In estate, a pieno sole, può richiedere molta più acqua.
  • Concimazione: in primavera e fino a fine estate, deve essere concimato con un fertilizzante azotato per forzare la crescita vigorosa. Da fine estate in poi, ritornare ad una concimazione con fertilizzanti con poco azoto.
  • Potatura: deve essere potato a scopo formativo verso la fine dell’inverno. La potatura di manutenzione deve invece essere effettuata durante tutto l’anno pinzando i nuovi germogli per consentire ai nuovi rami di infoltirsi.
  • Rinvaso: a seconda dello sviluppo, il Larice deve essere rinvasato ogni 1 o 2 anni, in primavera, quando le gemme si aprono. Le radici non devono essere mai esposte, vanno potate pesantemente.

Moltiplicazione del Larice

Il Larice si moltiplica per seme o per talea.

  • Moltiplicazione per seme: i semi vanno impiantati in primavera, meglio se in un recipiente contenente sabbia e torba in parti uguali; dopodichè le piantine vanno nuovamente rinvasate in autunno. Solo dopo alcuni anni in vaso, le piante possono finalmente essere messe a dimora nel terreno.
  • Moltiplicazione per talea: in estate vanno prelevate le talee dalle radici semi-mature, in inverno da radici dure.

Malattie, parassiti e altre avversità

Il Larice è soggetto a varie malattie. Nello specifico sono: il cancro al larice, la carie del legno, la diffusione di funghi e marciumi. Il larice può inoltre essere attaccato da afidi, cocciniglie e acari.

Per risolvere questi problemi è opportuno utilizzare sostanze specifiche per i singoli casi e consultare uno specialista.

Larice e abete: differenze

Gli elementi da osservare per fare una distinzione a colpo d’occhio sono:

  • chioma: quella di pini e abeti è verde scuro, mentre quella del larice è più chiara
  • aghi: nell’abete sono attaccati uno ad uno al ramo, mentre quelli del Larice sono riuniti in piccoli mazzetti e distribuiti a spirale attorno ai rami

larice

Larice e legno

Già nei tempi antichi il legno di Larice era molto utilizzato in falegnameria. L’architetto romano Vitruvio ne parlava nei suoi scritti.

In falegnameria il legno di larice è molto apprezzato soprattutto per la sua facilità di lavorazione e il colore rosso intenso. È utilizzato anche per gli esterni dato che, a contatto con l’acqua, diventa molto resistente.

Attualmente viene spesso impiegato anche nell’arredamento moderno e nei componenti di design, nelle varianti “larice bianco” e “larice grigio”, eventualmente abbinate tra loro.

Ma vediamo più nello specifico le caratteristiche per cui questo legno è molto richiesto ed apprezzato:

  • ottima resistenza
  • buona stabilità
  • ottimi livelli di impermeabilità (ideale per la realizzazione di imbarcazioni e pergolati)
  • grande versatilità: viene prodotto in listelli o in tavole su misura e può essere lavorato e utilizzato per impieghi diversi
  • proprietà isolanti, che lo rendono perfetto per rivestimenti interni ed esterni
  • estetica apprezzabile, soprattutto per la sua naturale tendenza ad assumere tonalità grigiastre
  • elevate capacità meccaniche
  • ottimo rapporto tra elasticità e resistenza

Altri utilizzi

A livello industriale il Larice non è utilizzato solo per la produzione del legno. Da esso infatti si ricavano:

  • trementina, estratta dalla sua resina e dalla quale si ricavano olii essenziali
  • tannino, estratto dalla sua corteccia, è una sostanza utilizzata per la concia delle pelli e per la colorazione della carta

Proprietà del Larice

Dal Larice si ottengono inoltre varie estrazioni che apportano innumerevoli benefici:

  • la trementina ha proprietà antinfiammatorie, per questo è usata nella cura dei dolori reumatici, vesciche, ascessi e infiammazioni del tratto respiratorio
  • il gemmoderivato (ottenuto dalla macerazione delle gemme) è utile per alleviare problematiche legate all’apparato respiratorio e le affezioni reumatiche e/o artritiche
  • l’olio essenziale (ricavato dalla distillazione degli aghi), ha un’azione antisettica per le vie respiratorie ed urinarie, aiuta il microcircolo, tonifica la muscolatura e migliora la qualità dell’aria in ambienti chiusi (diffusione ambientale: 1 goccia per mq)

Dal Larice si ottiene anche il rimedio floreale Larch scoperto dal dott. Bach. Rimedio per chi non ha fiducia nelle proprie capacità: dà una spinta a provare e a mettersi in gioco.

Significato simbolico del Larice

Da sempre considerato l’albero cosmico-spirituale, il Larice è il simbolo della rinascita, della luce e della bontà.

Approfondimenti su piante e fiori

Ecco un elenco di alcuni articoli su piante e fiori che ti possono interessare:

  • Abete bianco: i segreti di questo albero, noto anche come “il principe delle conifere”
  • Abete rosso: come coltivare e curare l’albero di Natale
  • Caratteristiche e proprietà del cedro del Libano, un albero leggendario
  • La magia della Jacaranda, uno degli alberi più decorativi che si possano immaginare
  • Piante erbacee: varietà, elenco e classificazione
  • Tutto sul lentisco, conosciuto anche come l’albero del mastice
  • Piante annuali: varietà, coltivazione e cure
  • Lobelia: un genere di piante molto amate per il loro potenziale decorativo

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness di cui è appassionata anche nella vita quotidiana, ed il benessere naturale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sullo stesso argomento
Chiudi
Pulsante per tornare all'inizio