I lavori dell’orto di gennaio: cosa seminare, raccogliere e potare

di Marco del 15 marzo 2018

I lavori dell’orto di gennaio non sono pochi, sebbene faccia ancora freddo. Anno nuovo, orto nuovo, fatica nuova. Per coltivare piante e ortaggi occorre tempo, pazienza e tanta buona volontà, ma i risultati ripagano di tutte le fatiche. Ecco quindi qualche consiglio pratico per il mese di gennaio.

I lavori dell’orto di gennaio: cosa seminare, raccogliere e potare

Lavori dell’orto di gennaio

Per poter avere una bella resa occorre un gennaio molto freddo. Meglio che la neve cada adesso e non nei prossimi mesi, perché potrebbe distruggere tutto il nostro lavoro. La pioggia, invece, in questo periodo non è molto utile. Il seme è al caldo nel terreno e la pioggia lo obbligherebbe a germogliare prima del dovuto.

Preparazione del terreno a gennaio

Se avete piantato l’anno precedente bisogna asportare i residui di vecchie piante rimaste. Dopo una bella pulizia nutrire la terra con dell’ottimo concime, meglio se ricco di potassio e fosforo. Il letame maturo è il miglior concime naturale che la terra possa conoscere. Nella vasta offerta di letami quello equino è considerato il top, tuttavia, l’utilizzo non è tanto diffuso a causa del costo non proprio alla portata di tutte le tasche.

Poi vangate sollevando bene il terreno per farlo respirare, anche vicino alle piante.

Cosa seminare a gennaio

Semina all’aperto: è consigliabile attendere un altro po’, quando il tempo eviterà il formarsi di gelate. Ma dipende molto dal clima della regione dove si vive, nel sud dell’Italia è possibile già a gennaio seminare all’aperto fave e piselli. Generalmente si seminano all’aperto le cipolle.

Semina al coperto: in semenzaio seminate sedani, pomodori, peperoni, cavoli e melanzane.

I lavori dell’orto del mese di gennaio

Cosa raccogliere a gennaio

In questo mese invernale si possono raccogliere diverse varietà tardive di cavoli, cicoria, porri, spinaci, finocchi, ravanelli e rucola, mentre nel frutteto ci sono kiwi, arance e mandarini.

Trapianti a gennaio

Se si dispone di piccole serre o un posto coperto gennaio è il mese che va bene anche per porre a dimora le piantine già cresciute di indivia, lattuga, cipolla e bieta, porri,rape e pisello nano.

Potatura a gennaio

A gennaio si potano anche le piante. La faccenda però è delicata, le gelate improvvise potrebbero rovinare la pianta e favorire l’insorgere di qualche malattia batterica. Meglio rimandare a febbraio se fa veramente tanto freddo. Per quanto riguarda gli alberi da frutto, fate una potatura dei meli, dei peri e del kiwi.

Inoltre, è il momento di raccogliere i rami e le talee dal vivaio per gli innesti dei prossimi mesi e metterli in una buca riparata.

Erbe aromatiche a gennaio

Vangate e concimate (con dello stallatico) il terreno. Potrete raccogliere le erbe seminate in autunno e quelle perenni: prezzemolo, borragine, timo serpillo, erba cipollina, menta piperita e finocchietto.

Il frutteto a gennaio

Ricordate di vangare e concimare con il letame il terreno.

Consigli vari

Altre informazioni utili le trovate qui:

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment