Polline: proprietà e usi nelle terapie naturali

di Maura Lugano del 6 marzo 2017

Le api dedicano tutta la loro breve vita alla raccolta del polline, la parte maschile del fiore, e di nettare. Il nettare diventerà miele che oltre a essere un ottimo dolcificante naturale ha anche un potere lievemente antibiotico, mentre applicato sulla pelle è emolliente, purificante e cicatrizzante.

Il polline, raccolto dai fiori, è trasportato all’alveare, ma non tutti sanno che durante il volo le api lo custodiscono nel loro gozzo e lì lo trasformano in piccole palline che alimenteranno poi le larve.

Queste palline hanno una colorazione molto varia che dipende dal fiore, giallo, arancio, marrone, rosso o nero, ma soprattutto hanno un forte potenziale nutritivo.

Come succede con il miele, esistono varietà monoflora o multifiore, i primi un’azione azione benefica più specifica a seconda del tipo di fiore predominante: i più conosciuti sono il polline d’edera, di papavero, di salice, di cisto, d’erica, di castagno, e di eucalipto.

Polline valori nutrizionali

Il polline è un efficace integratore alimentare soprattutto per combattere stati di affaticamento fisico e intellettuale. A seconda della provenienza botanica avrà proprietà e valori nutrizionali differenti. In particolare il tenore e la composizione degli oligoelementi è legato alla tipologia di pianta, :

  • proteine: costituiscono il 30% dei valori totali
  • vitamine: vitamina C e vitamine del gruppo B, oltre a vitamine A, PP, C, H
  • aminoacidi: sono presenti in quantità (100 gr contengono tanti amminoacidi di 500 gr di carne oppure di 7 uova), tra cui argina, indispensabile per la crescita, istidina, necessaria alla fissazione dell’ossigeno, isoleucina, che aiuta ad assimilare le proteine, leucina, per far funzionare pancreas e milza, lisina, che favorisce il rinnovo dei globuli rossi e fissa il calcio, metionina, per la crescita dell’organismo.
  • sali minerali: quasi tutti sono presenti sodio, rame, magnesio, potassio, ferro, calcio e fosforo, manganese, zinco e fluoro
  • glucidi: costituiti da zuccheri semplici quali glucosio e fruttosio, ma anche lattosio, per cui non va bene per gli intolleranti a questa sostanza.
  • acidi grassi insaturi: che riducono il livello del colesterolo nell’organismo

SUGGERIMENTO: scopri le nostre guide al benessere naturale

shutterstock_282902300

Polline, i benefici

È un ottimo ricostituente e ha un naturale potere euforizzante, per cui è consigliato anche per superare situazioni di stress e depressione.

Rappresenta, fatta eccezione ovviamente per le persone che soffrono di allergie, un validissimo nutrimento e un’alternativa naturale ai classici integratori sintetici in capsule e si può assumere senza controindicazioni, quindi possono farne uso in tutta tranquillità anche i bambini.

Gli enzimi come la rutina hanno proprietà antibiotiche ed aumentano la resistenza dei capillari.

La durata raccomandata per un trattamento è di almeno un mese iniziando con una piccola quantità pari a 1 cucchiaino da caffé per poi aumentarlo fino ad arrivare ad un cucchiaio di minestra.

Utilizzi in cucina

Quando è fresco ha un intenso sapore e profumo di fiori e nettare, e può essere impiegato anche in cucina, sia per guarnire che profumare piatti a base di pesce o insalate.

Tutti i prodotti dell’alveare sono particolarmente utili:

Il polline fa ingrassare?

Essendo un ricostituente consigliato sia agli atleti che ad anziani, e a coloro che hanno un’alimentazione povera di proteine, senza gli effetti negativi della carne sul nostro organismo, si rivela un ottimo integratore per chi segue un regime alimentare dimagrante. A patto di non esagerare, perché è molto calorico.

Polline d’api per dimagrire

Agisce sul metabolismo, e aiuta dunque a perdere peso, perché stimola l’organismo a bruciare i grassi in modo più veloce, purché non sia utilizzato in dosi elevate, altrimenti si ottiene l’effetto contrario.

Lo sapevi? Api: animali più importanti di quanto si pensi per l’ambiente

Polline api per i capelli bianchi

Già sappiamo che è ricco di antiossidanti e rafforza il sistema immunitario, ma forse non è noto che faccia scurire i capelli grigi, aiutandoli a ritrovare il loro colore originario! Alcune sostanze presenti stimolano anche la produzione di melanina da parte dei melanociti.

polline

Polline d’api dove si compra

Si trova facilmente nei supermercati e nelle erboristerie, dove è venduto fresco in vasetti di vetro. Alternativamente al polline puro al naturale si possono utilizzare prodotti derivati in capsule o pasticche, surgelato o liofilizzato.

Il polline puro può essere assunto in vari modi, il modo migliore è di ingerirlo al mattino a digiuno dopo una breve masticazione, oppure assumerlo a colazione insieme a té o latte o yogurt, a seconda delle preferenze, oppure, ancora, insieme a un cucchiaino di miele così da arricchirlo con le naturali proprietà antibiotiche di quest’ultimo.

Ecco del polline disponibile anche online in vari formati:

Polline fresco

Il prodotto fresco si trova nei negozi specializzati, fate attenzione a richiudere bene il vasetto e a conservarlo in un luogo non umido, per mantenere il più a lungo possibile la freschezza e la bontà del prodotto, infatti quando è fresco è dolce e fragrante, se non conservato bene queste caratteristiche tendono a perdersi.

Polline congelato

congelato, un prodotto che presenta dei livelli di aminoacidi e proteine attivi molto più elevati del prodotto essiccato che ha perso non solo tutte le sostanze termolabili ma anche la presenza di fermenti lattici vivi, che aiutano il nostro organismo a migliorare le sue funzioni con un intensità notevolmente superiore a quella dei comuni yogurt!

E’ possibile congelare il polline quando è ancora fresco. Ha dei livelli di aminoacidi e di proteine attivi molto più elevati del prodotto essiccato, che ha perso non solo tutte le sostanze termolabili, ma minori rispetto a quello fresco.

Attenzione che una volta scongelato, non può più essere rimesso in freezer, perché perde le sue benefiche proprietà.

Qualcosa di più sul miele:

polline

Polline api prezzo

Il polline in pastiglie costo relativamente meno di quello fresco, ma ha anche una minore azione terapeutica perché le sue sostanze benefiche sono andate in parte perdute, costa circa 6-8 euro per 100 compresse.
Quello fresco varia da 10 a 15 euro al vasetto per circa 200 gr di prodotto.
Trovate anche alcune varietà di polline particolarmente pregiate già congelato, in vaschette a circa 17-20 euro per 200 gr.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *