Gatti

Scopriamo l’American Shorthair, il “cugino” americano del British

Quello che c'è da sapere su questo gatto affettuoso, robusto, agile e intelligente

L’American Shorthair è la razza felina più apprezzata negli Stati Uniti e si pensi derivi dal British Shorthair, a sua volta discendente dell’Europeo. Stiamo parlando di un gatto affettuoso, particolarmente intelligente e agile, che scopriremo meglio in questa guida.

Scopriamo l’American Shorthair, il “cugino” americano del British

American Shorthair: la sua storia

Il gatto American Shorthair è, come dice la parola stessa, un felino a pelo corto. Si presume sia giunto in Nord America con la nota nave Mayflower proveniente dall’Inghilterra e che si diffuse sul territorio durante tutto il XIX secolo, per la sua abilità di proteggere casa e cibo dai roditori.

La razza è stata riconosciuta nel 1904. Nel 1971 ha vinto il titolo di ‘Miglior gatto dell’anno a pelo corto di tutta l’America’.

Gatto American Shorthair aspetto

Oltre al pelo corto, il gatto American Shorthair condivide con il ‘padre’ altre caratteristiche come la taglia: medio-grande. Ha infatti la stazza di un felino robusto ma ben proporzionato (il maschio può arrivare a pesare anche 7 kg, la femmina 5 kg). Il volto è triangolare ma gli spigoli sono arrotondati, come quelli delle orecchie.

Gli occhi sono leggermente obliqui ma grandi, come quelli del gatto Europeo. Stesso discorso per la coda: di media lunghezza e più larga alla base, e il naso corto fa il paio con le zampe, ben distanziate.

Variegati sono i colori del mantello, folto, per sopportare freddo ed umidità, ma mai lanoso.

Il colore più diffuso è il silver tabby, ovvero il tigrato con fondo bianco argentato e disegni neri molto ben contrastati. Sulla fronte presenta spesso una ‘M’, caratteristica che lo accomuna all’Europeo.

gatto american shortair
Spesso, il gatto American Shorthair presenta una ‘M’ sulla fronte, che lo accomuna al suo gatto ‘padre’, l’Europeo

Gatto American Shorthair carattere

Il gatto American Shorthair è molto affettuoso ed intelligente. È anche un abile saltatore e cacciatore, ma non disdegna la vita da appartamento, a cui torna molto volentieri con qualche ‘regalino’.

Va d’accordo senza problemi anche con i bambini, ma ama la sua indipendenza, dunque gli spazi aperti come terrazzi, tetti e giardini, che gli permettano di assentarsi in solitaria per qualche ora.

american shorthair
Questo gatto ha occhi lievemente obliqui e molto grandi e un pelo tendenzialmente silver con una tigratura molto netta ed evidente. Ma sono ammessi tutti i tipi di tabby

Gatto American Shorthair allevamento e cura

Essendo molto robusto, questo gatto non necessita di particolari cure. Bisogna più che altro prestare attenzione alle ferite che potrebbe procurarsi durante le sue battute di caccia.

Ha una vita media di 15 anni e, se ha la possibilità di muoversi, non assume la tendenza a ingrassare, tipica invece del British. Nonostante possa mangiare di tutto, il gatto American Shorthair predilige la carne, ma è bene che nella sua dieta siano presenti anche riso e verdure.

Se optate per il secco, ricordate sempre di prediligere prodotti di qualità, di marche affidabili nel settore. Qualche esempio di seguito:

Il mantello va spazzolato una volta alla settimana. Durante la muta, sarà necessario aumentare le spazzolate a 2-3 volte.

American Shorthair
Il gatto American Shorthair è molto attaccato alla sua indipendenza ma ama anche la vita comoda in casa, accanto ai suoi padroni, con i quali è molto affettuoso

Gatto American Shorthair prezzi

Un gatto American Shorthair può costare dai 500 ai 1550 euro, in quest’ultimo caso si tratta di esemplari da esposizione. Molto più raro, ma non impossibile, trovare cuccioli in regalo o in vendita a meno (anche 60 euro) online.

Approfondimenti tematici sul mondo dei gatti

Scopri tutto anche sulle altre razze feline:

Potrebbero interessarti anche:

La Ica

Web editor freelance per portali e siti che si occupano di viaggi, lifestyle, moda e tecnologia. Districatrice di parole verdi per TuttoGreen dal maggio 2012, nello stesso anno ha dattiloscritto anche per ScreenWeek. Oggi, pontifica su Il Ruggito della Moda, scribacchia di cinema su La Vie En Lumière, tiene traccia delle sue trasvolate artistiche su she)art. e crea Le Maglie di Tea, una linea di magliette ecologiche.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close