Pulizia della casa

Come pulire i filtri del condizionatore: la nostra guida pratica

Procedimenti con o senza acqua e le istruzioni per i modelli più diffusi

Vediamo come pulire i filtri del condizionatore in base ai vari problemi. Per una corretta manutenzione, infatti, la pulizia dei filtri è fondamentale. Si tratta di un’operazione molto semplice da fare, senza bisogno di ricorrere ai tecnici. Poiché non tutti i filtri sono uguali, è importante leggere attentamente il libretto delle istruzioni della propria macchina.

Come pulire i filtri del condizionatore: la nostra guida pratica

Come pulire i filtri del condizionatore: le operazioni preliminari

Pulire i filtri è importante per avere un condizionatore efficiente, garantirsi un buon risparmio energetico e avere una miglior qualità dell’aria, ed è una manutenzione da eseguire almeno una volta all’anno.

Ogni modello di split, ma anche i condizionatori portatili ed i condizionatori mobili senza tubo, ha caratteristiche proprie e per procedere con la pulizia bisogna leggere il libretto delle istruzioni relativo al macchinario installato a casa propria. In ogni caso, prima di procedere, occorre eseguire sempre delle operazioni preliminari.

  • Staccare il condizionatore dalla corrente elettrica per lavorare in tutta sicurezza
  • Aprire il pannello dello split oppure smontarlo, per raggiungere agevolmente i filtri
  • Smontare i filtri che, di solito, sono 2, uno anti-polvere e uno a carboni attivi, per purificare l’aria dai batteri. Durante questa operazione si consiglia di proteggersi con dei guanti in latice e indossando una mascherina, soprattutto se si è allergici agli acari della polvere
  • Osservare i filtri e valutare la loro condizione. Se fossero molto usurati o danneggiati, si consiglia di procedere con la sostituzione
  • Pulire i filtri, ma prima leggere il libretto delle istruzioni del proprio condizionatore per verificare il materiale e la possibilità che gli stessi possano essere immersi in acqua oppure no

Come pulire i filtri del condizionatore in base al tipo di filtri

Si tratta di una facile operazione. Basta seguire le istruzioni riportate nel manuale d’uso della propria macchina d’aria condizionata. Così si sarà in grado di:

  • individuare il vano dove sono installati i filtri che di solito è sopra la griglia dell’aria
  • aprire il vano sganciando dei ganci o svitando delle viti

Questo è il momento cruciale, perché i filtri non sono tutti uguali. Per una pulizia adeguata occorre sapere riconoscere il materiale di cui il filtro è costituito. Anche questo dettaglio è sicuramente specificato nelle istruzioni.

Prendiamo in esame il materiale di cui sono fatti e il tipo di pulizia che necessitano.

  • Plastica o biossido di titanio: sciacquate con semplice acqua (o pulite con acqua e sapone neutro in caso di sporco ostinato). Utilizzate una spugna morbida, oppure un panno morbido in microfibra. Rimontate quando saranno ben asciutti
  • Materiale deperibile: limitatevi ad utilizzare un getto d’aria, come un’aspirapolvere, meglio se ha l’apposito accessorio per superfici piccole. In alternativa, sono utili una spazzola o un pennello morbidi. Al massimo, si può anche passare un panno morbido leggermente inumidito con acqua, purché molto ben strizzato
  • Zeoliti o biossido di titanio fotocatalitico: pulite con semplice acqua e poi, prima di installarli nuovamente, esponeteli al sole, così che i raggi UV rigenerino le componenti
  • Filtri a carboni attivi o elettrostatici passivi: essendo dei filtri esauribili, vanno direttamente sostituiti con dei nuovi

Prima di essere rimontati nella loro sede, devono essere ben asciutti (nel caso del lavaggio con acqua).  Se si montano ancora umidi, la polvere e lo sporco vi si attaccano molto facilmente, provocando danni al condizionatore stesso ed emanando un’aria poco salubre, e favoriscono il proliferare di muffa e funghi.

L’asciugatura deve avvenire in maniera naturale, esponendo i filtri al sole all’aperto, non a diretto contatto coi raggi solari.

Una volta ben asciutti, vanno ricollocati all’interno del condizionatore. Chiudete poi il vano o rimontate il pannello del dispositivo.

Dopo la pulizia, attaccate la corrente e accendete il condizionatore in modalità ventilazione. Se dopo circa un quarto d’ora si dovessero notare odori o rumori strani, spegnete e verificate che i filtri siano stati rimontati in maniera corretta.

Cosa utilizzare per pulire i filtri del condizionatore

I prodotti più opportuni da utilizzare sono indicati nel libretto delle istruzioni dell’apparecchio. In generale, si possono utilizzare:

  • un detergente neutro e delicato
  • uno spray igienizzante
  • un prodotto antibatterico sempre sotto forma di spray
  • un deodorante dedicato

Perché è importante pulire i filtri del condizionatore

Questa operazione è di fondamentale importanza: è proprio nei filtri che si annida gran parte dello sporco (polvere, polline, agenti inquinanti…) e possono divenire veicolo di batteri anche pericolosi.

È importante perché:

  • migliora la qualità dell’aria, garantendo un flusso di aria pulito
  • migliora la loro efficacia nel raffrescamento
  • garantisce maggiore efficienza energetica
  • prolunga la vita dell’impianto di condizionamento perché correttamente mantenuto

La regolare pulizia è fondamentale per garantire la massima efficienza dell’impianto, protegge la salute e riduce i consumi energetici oltre ad abbattere i costi per la manutenzione del sistema.

Cosa succede se non pulisco i filtri del condizionatore

A lungo andare, continuare ad utilizzare il condizionatore senza pulire i filtri, porta al danneggiamento dell’impianto. Non funzionerà più a pieno regime, con conseguente rincaro della bolletta della energia elettrica.

Inoltre, la non pulizia dei filtri ha ripercussioni anche gravi per la nostra salute. Infatti, i filtri sporchi dell’aria condizionata possono far venire raffreddore e mal di gola. Ma questo è il male minore.

Per coloro che soffrono di allergia alla polvere o agli acari, non pulire i filtri può essere deleterio.

Ricordiamo inoltre che, nei filtri dell’impianto di condizionamento, oltre a sporco e polvere, si accumulano anche batteri e possono inoltre formarsi anche muffe. Di conseguenza, i filtri sporchi possono divenire un pericoloso veicolo di infezioni, come ad esempio la legionella.

Quando vanno puliti i filtri del condizionatore

La frequenza della pulizia varia a seconda dell’utilizzo che se ne fa e dal tipo di ambiente in cui si vive.

In linea di massima:

  • Se si utilizza il condizionatore solo in estate per raffrescare le stanze nelle giornate più calde dell’anno, è sufficiente provvedere alla pulizia un paio di volte l’anno: verso aprile, prima che si apra ufficialmente la stagione estiva e a settembre/ottobre, a fine stagione.
  • Se si utilizza anche in inverno,come pompa di calore, sfruttando la funzione riscaldante, occorre pulire i filtri più spesso, almeno ad ogni cambio di stagione, e quindi ogni 3-6 mesi.
  • Se l’unità esterna del condizionatore è installata in un ambiente umido e molto polveroso, i filtri andrebbero lavati tutti i mesi.
  • Se nell’impianto ci sono dei filtri a carboni attivi, la pulizia non è necessaria in quanto gli stessi andrebbero cambiati ogni 6 mesi circa.

Quanto costa far pulire i filtri del condizionatore

Si può eseguire la pulizia dei filtri del condizionatore autonomamente, con una spesa decisamente irrisoria.

Nel caso, invece, si volesse procedere con un trattamento più profondo oppure si avesse un impianto canalizzato e non dotato di split, occore che la sanificazione sia fatta da un tecnico professionista.

In questo caso, il costo può variare in base al tipo di condizionatore (uno split o più split). Si va da un minimo di 80 euro ad un massimo di 250 euro.

Come pulire i filtri del condizionatore Samsung

Ogni condizionatore ha caratteristiche proprie. Per questo è sempre bene leggere attentamente il manuale d’uso. Qui di seguito andremo ad indicare come si puliscono i filtri dei condizionatori delle principali e più note marche in commercio.

Samsung suggerisce di pulire i filtri ogni 2 settimane. Ecco come procedere.

  • Spegnete l’apparecchio e scollegate la presa di alimentazione (questo va fatto per qualunque tipo di operazione di pulizia)
  • Rimuovete la polvere e tutti i residui presenti sulla carcassa esterna dello split, utilizzando un pennello morbido o un panno morbido bagnato con un poco di acqua tiepida. Ma evitart l’impiego di detergenti alcalini, acidi e corrosivi
  • Rimuovete il filtro con delicatezza spingendolo verso l’alto
  • Eliminate la polvere con un pennello o una aspirapolvere
  • Mettete a bagno il filtro in acqua e detergente delicato per mezz’ora circa, In presenza di sporco ostinato. Poi aspettate che sia del tutto asciutto prima di ricollocarlo nella sua sede

I condizionatori Samsung hanno un promemoria che avverte quando è il momento di pulire i filtri. Sul display si illumina la sigla ‘CF’ che sta per Cleaning Filter.

Una volta effettuata la pulizia, reimpostate l’alert seguendo queste istruzioni:

  • Premete il tasto Options sul telecomando
  • Spostatevi con le frecce direzionali fino a selezionare l’opzione Filter reset
  • Premete Set per confermare

Come pulire i filtri del condizionatore Daikin

Vediamo ora come procedere per pulire i filtri di una macchina Daikin.

  • Staccate la corrente
  • Localizzate il vano per accedere ai filtri (nei condizionatori a parete occorre sollevare lo sportello vicino alla griglia di emissione dell’aria e svitare le viti, nei modelli portatili, invece, gli accessi sono laterali o posteriori)
  • Estraete il filtro seguendo le istruzioni riportate nel manuale del produttore
  • Pulite il filtro dapprima con un pennellino e poi con un panno in microfibra inumidito con acqua tiepida e sapone neutro. In alternativa, potete mettere addirittura il filtro in acqua saponata e poi passare il panno
  • Fate asciugare all’aria aperta e po rimontate il filtro nel suo alloggiamento

Come pulire i filtri del condizionatore Mitsubishi

Passiamo ora ai condizionatori a marchio Mitsubishi.

  • Staccate l’elettrodomestico dalla presa di corrente
  • Aprite lo sportello frontale eseguendo una leggera pressione sulle apposite cavità, che si trovano sui lati (in alcuni modelli c’è una leva)
  • Sfilate i filtri e lavateli con molta cura con acqua e sapone neutro
  • Fate asciugare all’aria ma senza esporli direttamente ai raggi solari
  • Rimontateli collocandoli nello spazio apposito

Come pulire i filtri del condizionatore Hisense

Hisense consiglia di pulire i filtri del condizionatore almeno una volta la mese, e comunque in base all’utilizzo che se ne fa. Ecco come procedere.

  • Staccate la corrente
  • Aprite lo split
  • Rimuovete i filtri grazie ad un semplice attacco a click
  • Lavate i filtri con abbondante acqua corrente per rimuovere tutto lo sporco depositato
  • Fate asciugare i filtri alla perfezione e poi rimontateli

Come pulire i filtri del condizionatore Fujitsu

Concludiamo quindi con i condizionatori a marchio Fujitsu.

  • Sollevate la maniglia del filtro seguendo la direzione indicata dalla freccia e liberate le staffe
  • Estraete il filtro con delicatezza facendolo scivolare verso il basso
  • Lavate il filtro eliminando la polvere che vi si è depositata sopra con un’aspirapolvere oppure con acqua calda e detersivo neutro
  • Nel caso del lavaggio, risciacquate per bene e fate asciugare il filtro in un luogo riparato
  • Rimontate il filtro allineandone tutte e due le estremità al pannello e avendo cura di inserirlo fino in fondo

Approfondimenti tematici

Sempre in tema condizionatori, ti potrebbero essere utili anche questi altri post.

Published by
Federica Ermete