Pulizia della casa

Come pulire il bollitore dal calcare: i rimedi naturali più efficaci

Rimedi naturali per disincrostare il bollitore e preparare tè perfetti

Vediamo come pulire il bollitore dal calcare. Il bollitore permette di scaldare l’acqua in brevissimo tempo sul fornello a gas o a induzione, anche se ne esiste una versione elettrica. Ideale in ogni momento della giornata: la mattina per fare il o scaldare il latte, la sera per preparare infusi e tisane, così come anche durante il pomeriggio, per scaldare un po’ di acqua ogni volta che si ha voglia di una bevanda calda. Semplice da usare, ha bisogno di una altrettanto semplice manutenzione. Il suo maggior nemico è il calcare, che è presente nell’acqua e tende ad accumularsi al suo interno. Oltre alla formazione di incrostazioni, concorre anche a rovinare le varie preparazioni, rendendole meno gustose e meno invitanti alla vista.

Come pulire il bollitore dal calcare: i rimedi naturali più efficaci

Perché si forma il calcare nel bollitore

L’acqua dura del rubinetto delle nostre case è infatti ricca di sali che, attraverso il riscaldamento, si cristallizzano. E creano dei depositi facili da riconoscere, perché si presentano come una patina biancastra. Con il passare del tempo questa diventa sempre più spessa, fino a formare una sorta di crosta molto difficile da eliminare.

Non è necessario solo pulire il bollitore elettrico anche per quello manuale è importante eliminare le incrostazioni di calcare perché, oltre ad essere brutte ed antiestetiche da vedere, a lungo andare diminuiscono la qualità delle bevande preparate.

Inoltre, un bollitore pulito, privo di qualsiasi tipo di residuo, impiega meno tempo per scaldare la medesima quantità di liquido rispetto ad uno sporco ed incrostato.

Inoltre, per gustare un buon tè, la purezza dell’acqua utilizzata è fondamentale. L’acqua dovrebbe essere poco dura e con pH neutro. Se si utilizza l’acqua del rubinetto, è importante che questa sia povera di sali e non abbia odori sgradevoli.

Dunque, è fondamentale che il bollitore sia ben pulito e non presenti al suo interno residui di calcare.

Come pulire il bollitore dal calcare con il limone

Uno dei metodi più semplici per pulire all’esterno e all’interno un bollitore manuale è fare un anticalcare naturale a base di succo di un limone. Potete procedere così:

  • Riempite il bollitore di acqua
  • Aggiungete 3 cucchiai di succo di limone
  • Accendete il fornello e fate bollire l’acqua
  • Togliete dal fuoco e lasciate dentro la soluzione di acqua e limone per almeno 1 ora
  • Vuotate il bollitore e rimuovete eventuali incrostazioni residue usando una spugnetta per piatti
  • Fate bollire solo acqua prima di usarlo nuovamente

Come pulire il bollitore dal calcare:

Come pulire il bollitore dal calcare con l’aceto

Per pulire efficacemente e in maniera profonda potete utilizzare anche dell’aceto bianco. Ecco come fare.

  • Preparate una soluzione composta in parti uguali da acqua e aceto
  • Riempite il bollitore per metà con la soluzione
  • Accendete il fornello e portate a ebollizione
  • Aspettate minimo mezz’ora, ma anche per qualche ora o tutta la notte, dopo che ha raggiunto il punto di bollore, e lasciate agire il composto acido
  • Vuotate il bollitore e risciacquatelo usando acqua fredda
  • Riempite di nuovo con acqua pulita e fate bollire
  • Ripetete quest’ultimo passaggio almeno 2-3 volte, e comunque fino a quando non saranno rimossi del tutto i residui di aceto

Come pulire il bollitore dal calcare con aceto e bicarbonato

Se i primi 2 metodi di pulizia non avessero dato ottimi risultati perché il calcare è molto resistente, vediamo un metodo più strong che prevede l’utilizzo di acqua, aceto e bicarbonato.

Preparate una soluzione costituita da 3/4 di acqua e 1/4 di aceto. Unitevi 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio. Lasciate agire la soluzione per 3-4 ore. Trascorso questo periodo i tempo, rimuovete il calcare incrostato sulle pareti interne, utilizzando una spugnetta per piatti.

Come pulire il bollitore dal calcare

Prima di ricominciare ad utilizzare il bollitore, procedete con una bollitura di sola acqua.

Come pulire il bollitore dal calcare con acido citrico

Passiamo ora ad un’altra soluzione piuttosto forte. Vediamo infatti come pulire alla perfezione con l’acido citrico, per le sue ottime proprietà disincrostanti. Si trova facilmente in farmacia, online e in erboristeria.

Poiché ha un elevato potere corrosivo, va maneggiato con attenzione, proteggendosi con guanti e occhiali.

A questo punto, procediamo:

  • Preparate una soluzione con 500 ml di acqua e 25 gr di acido citrico
  • Travasatela nel bollitore e lasciate agire per un’intera notte
  • Vuotate il bollitore, trascorso il tempo indicato, e pulite le parti interne con una spugnetta per piatti
  • Risciacquate e fate almeno un paio di bolliture di sola acqua prima di utilizzare nuovamente il bollitore

Come pulire il bollitore: avvertenze preliminari

Come si è potuto vedere, pulire il bollitore è facile; ma la pulizia richiede sempre attenzione.

Nel caso specifico, prima di procedere è sempre bene aspettare che sia freddo. Pulendolo ancora caldo si rischiano bruciature e scottature.

Pulizia ordinaria del bollitore

Oltre alla disincrostazione da effettuare ogni mese od ogni 2 mesi in base al grado di durezza dell’acqua domestica, il bollitore andrebbe pulito ogni giorno.

Per la pulizia ordinaria è sufficiente passare un panno umido per rimuovere eventuali schizzi d’acqua, e poi asciugare usando un panno morbido ed asciutto. Ideale il panno in microfibra.

Per donare un tocco di brillantezza alla superficie esterna del bollitore, è possibile:

  • applicare una soluzione di acqua e aceto bianco in parti uguali con un panno in microfibra
  • applicare una pasta di aceto bianco e bicarbonato per rimuovere sporco e macchie grasse
  • applicare una goccia di olio d’oliva con un panno pulito

Per la pulizia ordinaria non bisogna mai utilizzare spugne o panni abrasivi che possono graffiarlo e bisogna sempre operare con l’elettrodomestico raffreddato.

Come pulire il bollitore dal calcare

Ogni quanto pulire il bollitore

Per mantenerlo pulito e perfettamente funzionante, andrebbe rimosso il calcare una volta ogni 2-3 mesi, anche più di frequente se l’acqua del proprio rubinetto è molto dura.

Un a pulizia frequente permetterà di evitare che si creino incrostazioni ostinate poi troppo difficili da rimuovere e risparmierà sui tempi di bollitura dell’acqua.

Altri rimedi naturali per pulire la casa

Ed infine altri consigli pratici per pulire gli altri ambienti della casa e l’auto:

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness e il benessere in generale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio