Cure e rimedi naturali per prevenire ed alleviare i sintomi dell’allergia

di Eryeffe del 14 novembre 2017

Innescata da polline, acari o muffe, l’allergia colpisce in media un italiano su quattro (Fonte AIITO, Associazione Allergologi, Immunologi Territoriali Ospedalieri). La buona notizia? Esistono anche cure e rimedi naturali che possono mitigarne gli effetti e prevenirne gli sgradevoli sintomi. Approfondiamo insieme questo tema in questa guida pratica.

Causa delle allergie

Le allergie, sia cutanee,  che alimentari, provocate da pollini, polvere, acari o metalli, rappresentano uno dei disturbi più comuni tra individui di ogni età.

La loro comparsa può essere collegata a fattori genetici, ambientali o a un mix di entrambe le cause.

Il raffreddore da fieno in particolare può anche essere ereditario.

Tipi di allergie

Il concetto di ‘allergia’ nell’accezione moderna del termine fu definito nel 1906 da due pediatri viennesi, Clemens von Pirquet Béla Schick, che per primi osservarono e analizzarono l’anomalo comportamento del sistema immunitario di alcuni piccoli pazienti in seguito alla somministrazione del vaccino del vaiolo o di altri sieri a scopo terapeutico.

Scopri di più sulla vitiligine e come curarla naturalmente

Le varie forme di ipersensibilità ad alcune sostanze normalmente innocue conosciute oggi con il termine di ‘allergia’ vennero classificate in base alle specificità, alla velocità di manifestazione e ai fattori scatenanti.

L’allergia, dunque, è definita come ‘malattia del sistema immunitario che si caratterizza per le reazioni eccessive indotte da alcuni anticorpi (lgE o reagine) nei confronti di sostanze abitualmente innocue (antigeni) provenienti dall’ambiente esterno, come pollini, peli di animali, composti chimici, metalli, farmaci…’.

In poche parole, a contatto con certe sostanze avvertite come pericolose, il nostro organismo reagisce producendo una massiccia quantità di anticorpi che scatenano reazioni cutanee, respiratorie, oculari o intestinali.

allergia

Quali sono i sintomi

Quando l’allergia è scatenata da una sostanza contenuta in un alimento, si parla di allergia alimentare (da distinguere dalle ‘intolleranze alimentari’) che a sua volta può manifestarsi con reazioni cutanee, respiratorie, gastrointestinali o, nei casi più gravi, provocare lo shock anafilattico (anafilassi).

L’intensità e la pericolosità delle reazioni allergiche varia da soggetto a soggetto e a seconda dei casi deve essere affrontata con un appropriato trattamento terapeutico dietro consulto medico. Lo specialista individuerà esattamente la causa della vostra reazione allergica grazie ad appositi test di laboratorio.

Approfondimento: ecco i rimedi naturali per le allergie alimentari

Qualsiasi terapia farmacologica, infatti, deve essere prescritta da un allergologo, dal proprio medico di base o da uno specialista competente per evitare pericolose complicazioni come asma, bronchiti asmatiche, poliposi nasali e sinusiti.

Ad esempio, i sintomi di allergie che affliggono il sistema respiratorio sono riniti, sinusiti, raffreddore da fieno, congiuntiviti, ecc, mentre per la cute si possono avere orticaria, ponfi, eczemi, dermatiti da contatto, neurodermite.

Quando soffrite di allergia il vostro sistema immunitario reagiscono alla sostanza scatenante come se fosse un pericoloso invasore. Il risultato? A seconda della tipologia di allergia può aumentare ad esempio la produzione di muco (normalmente da uno a due litri al giorno), le vie nasali si ingrossano e si manifestano infiammazioni.

Sapete distinguere la differenza tra un raffreddore e un allergia di stagione?

Se è un raffreddore:

  • I sintomi durano da 3 a 14 giorni e possono includere dolori muscolari, dolori e febbre non alta.
  • Le secrezioni nasali possono essere di colore giallo o verde.

Se si tratta di allergie:

  • I sintomi durano per diverse settimane o mesi. Molte persone con allergie soffrono di una lieve congestione nasale durante tutto l’ anno, e questi sintomi tendono a peggiorare in primavera e in autunno.
  • I sintomi non comprendono la febbre.
  • Le secrezioni nasali sono chiare.
  • Non appena si inalano gli allergeni attraverso il naso, entrano nel sangue e irritano i tessuti circostanti, rendendo gli occhi, irritati e iniettati di sangue.
  • Alcuni degli allergeni che scatenano reazioni istaminiche fluiscono direttamente in gola e vi causano prurito.
  • Le mucose nasali si gonfiano così tanto a contatto con gli allergeni che i seni nasali si bloccano. Questo fatto provoca dolore alla testa.
  • Se allergeni come polline e ambrosia entrano a contatto con il naso, questo si protegge con istamine per difendersi. Questa reazione immunitaria provoca secrezioni nasali di colore chiaro e starnuti in pochissimo tempo

Rimedi naturali per dare sollievo ai sintomi dell’allergia

In caso di allergie, è fondamentale individuare con esattezza l’antigene allergenico scatenante e partire dall’approccio farmacologico valutato più idoneo dallo specialista 

E’ anche utile sapere che esistono alcune rimedi naturali per le allergie in grado di prevenire e ridurre l’insorgenza di molte forme o comunque, attenuarne gli effetti.

Approfondimento: cosa sono i rimedi e le cure naturali

Anche se i rimedi erboristici e naturali non eliminano le cause delle allergie, possono risultare utili come coadiuvanti al trattamento sintomatico di alcune reazioni allergiche.

Alcuni cibi, piante o erbe, infatti, sono considerate dei veri e propri ‘antistaminici naturali’.  Ricchi di principi attivi e sostanze vegetali  sono capaci di svolgere un’azione antinfiammatoria, di rafforzare il sistema immunitario e di inibire la produzione di istamina, cioè la proteina rilasciata dal nostro organismo a contatto con un allergene.

L’ortica

Questa pianta contiene una sostanza che agisce come antistaminico. Lenisce i sintomi della febbre da fieno (naso ostruito e lacrimazione). Potete anche trovare capsule di ortica secca in erboristeria od assumerla come decotto. Prendetene 300 mg tre volte al giorno, e aumentate il dosaggio a 500 o 700 mg se inefficace.

Il ginkgo biloba

Conosciuto per le sue virtù sulla memoria, può essere efficace anche per le allergie. Contiene alcune molecole efficaci contro le infiammazioni allergica chiamate FAP (fattore di attivazione piastrinica). Gli esperti ne consigliano fino a 240 mg al giorno.

Té verde

La quercetina, il pigmento che conferisce all’ uva nera e al tè verde il colore, blocca la produzione di istamina. Prendere una capsula da 500 mg due volte al giorno. (Attenzione: non assumete la quercetina contemporaneamente alle capsule di ortica, in quanto l’ortica la contiene).

Tra le piante e le erbe più note per l’azione antiallergica vi segnaliamo anche:

  • Ribes nero (ricco di vitamina C e in grado di contrastare l’azione dell’istamina)
  • Aceto di mele, considerato particolarmente efficace contro le allergie stagionali
  • Infuso di basilico, assumibile sotto forma di tisana e applicabile direttamente sulle eruzioni cutanee per alleviare bruciore e prurito
  •  rosso africano (rooibos) ricco di antiossidanti e sostanze antinfiammatorie

L’importanza del consulto dello specialista

Occorre sottolineare ancora una volta che se i rimedi naturali possono fornire un sollievo immediato, ad esempio per la cute affetta da dermatite, essi non curano in alcun modo l’allergia poiché non possono intervenire sulle cause che la determinano.

In caso di allergia, dunque, è assolutamente vietato affidarsi a metodi fai-da-te, per quanto naturali e potenzialmente innocui: qualsiasi situazione allergica deve essere affrontata e gestita sotto la supervisione dello specialista.

Gli alimenti consigliati

Partendo da queste premesse, i cibi e le erbe indicate come rimedi naturali nella prevenzione e cura delle allergie sono quelli che presentano un’alta concentrazione di vitamina C, Omega 3, flavonoidi e antiossidanti naturali o fitocomplessi vegetali dove l’associazione di più sostanze e principi attivi benefici svolgono un’azione desensibilizzante e disintossicante sull’organismo.

I più noti in tal senso sono:

  • Alimenti più ricchi di vitamina C (arance, peperoni, carote, broccoli, cavolfiori, carote, fragole, spinaci, pompelmo, kiwi, pomodori, lattuga, banane).
  • Alimenti più ricchi di flavonoidi, in particolare la quercetina che aiuta l’organismo a ridurre il rilascio di istamina (agrumi, cipolle, mele, prezzemolo, pomodori, broccoli, legumi, lattuga).
  • Erbe aromatiche e officinali in grado di ridurre il rilascio di istamina (zenzero, camomilla, echinacea, basilico, finocchio, aglio, radice di liquirizia).
  • Alimenti e semi ricchi di omega 3, dalla spiccata funzione antinfiammatoria (salmone, noci, sami di canapa, semi di lino.

Rimedi pratici

Semplici ma non per questo poco efficaci per lenire le infiammazioni.

Impacchi con acqua fredda

Per calmare il prurito e il gonfiore degli occhi, applicate sugli occhi degli impacchi con acqua fredda.

Soluzioni saline

Le mucose possono essere inumidite con spray salino o con dosi di siero fisiologico utilizzato per l’igiene nasale. Tuttavia, uno studio recente ha dimostrato che alcuni di questi prodotti possono contenere dei conservanti che possono a loro volta irritare i seni nasali.

E’ quindi meglio preparare la vostra soluzione salina. Potete semplicemente sciogliere mezzo cucchiaino di sale in 250 ml di acqua calda. Riempire quindi una peretta di gomma o una piccola siringa con questo liquido e iniettatelo delicatamente in ogni narice appoggiandovi sul lavabo.

Controindicazioni

Alcuni alimenti capaci di alleviare i sintomi delle allergie possono scatenare a loro volta altre manifestazioni allergiche. È quindi opportuno chiedere consiglio al proprio medico o erborista di fiducia in modo da evitare spiacevoli complicazioni.

La prevenzione

Eccovi i nostri migliori consigli per prevenire l’allergia:

  • Non uscite mai prima di un temporale e per le 3 ore successive. L’umidità dell’ aria aumenta bruscamente prima e durante lil temporale, causando la schiusa dei chicchi di polline e il rilascio delle sostanze allergeniche.
  • Se dovete uscire nella stagione di punta dei pollini ci consigliamo di, indossare degli occhiali da sole molto coprenti per ridurre al minimo l’irritazione degli occhi.
  • Indossare una maschera protettiva quando saprete quasi con certezza di essere esposti al polline. Troverete maschere filtranti efficaci ed economiche filtranti nelle drogherie e nei ferramenta (utilizzate per proteggere dalla polvere).
  • Applicate una granella di vaselina all’ ingresso di ogni narice. Le spore di polline si attaccheranno alla granella prima che voi le inaliate respirando.
  • Chiudete sempre  i finestrini dell’automobile e se si accende l’impianto di climatizzazione, selezionate la modalità ricircolo in modo da non consentire all’ aria carica di polline di entrare dall’esterno nell’abitacolo. Alcuni modelli possono essere dotati di speciali filtri anti polline.
  • Durante la primavera infine vi consigliamo di lavare i capelli prima di andare a letto in modo da non depositare polvere e polline sul vostro cuscino.

Altre cure naturali consigliate

Potrebbero interessarti anche:

SCOPRI ANCHE QUESTI RIMEDI NATURALI:

Outbrain

{ 1 comment… read it below or add one }

paola agosto 4, 2015 alle 3:16 pm

ciao, io ho sia la dermatite da contatto ai piedi, polsi e mano destra, sia allergia cn infiammazione delle vie orali (a cuasa di acari, aria condizionata.. polvere, scarico delle auto.., alune graminacee) sia intolleranza aluimentare a quasi tutti i prodotti allergenici (pomodoro, noccioline, patate, peprone, latticini, kiwi, carote, soia, mais.. etc etc) in piu cerco di essere vegetariana… ormai la situazione è difficile da gestire pero’ ammetto che il dramma peggiore sono le scarpe d’estate perchè almeno d’inverno con i calzini ce la si cava… ma d’estate come si fa a non avere il piede a contatto diretto con le scarpe (che tra colle, pelli colorate, materiali sintetici…io ormai non riesco piu a portare…)? io sono andata anche in un negozio cruelty free speravo che avessere scarpe fatte solo con robe naturali e non allergicizzanti per me ma.. anche li’ niente da fare.. chi sa dove si puo trovare un negozio che abbia scarpe estive che non fanno venire prurito? magari a bologna..

Rispondi

Leave a Comment