Pompelmo, benefici e proprietà

di Maura Lugano del 19 ottobre 2016

Le origini del pompelmo (citrus paradisi) non sono del tutto chiare, c’è chi sostiene provenga dalla Cina, chi dall’America Centrale. Nel bacino del Mediterraneo è giunto, con ogni probabilità, dall’Asia attraverso la cosiddetta ‘via della seta’, tuttavia in Italia la diffusione del pompelmo risale agli anni ’60; in fondo non molto tempo fa.

Altra cosa incerta è se si tratti di un ibrido, risultato di un antico incrocio tra l’arancio dolce e il pomelo, oppure di una mutazione di quest’ultimo. Attualmente è coltivato un po’ ovunque, i maggiori produttori sono Stati Uniti, Argentina e Messico, ma è anche una coltivazione tipica dei kibbutz in Israele.

Potrebbero interessarti anche altri agrumi, non tutti tradizionali e originari del Mediterraneo:

Le coltivazioni di pompelmo sono finalizzate al consumo diretto del frutto oppure sono destinate all’industria che li trasforma in succhi.

Le principali varietà di pompelmo sono due, quello giallo e quello rosa. Quest’ultimo è frutto di un incrocio effettuato circa venti anni fa negli Stati Uniti tra il pompelmo giallo e l’arancia in modo da avere polpa e succo meno amari del pompelmo giallo e, quindi, più gradevoli al palato. Il pompelmo rosa contiene, quindi, più zuccheri ma meno vitamina C.

pompelmo

Pompe
Outbrain