Bellezza

Quel che c’è da sapere sulla pelle sensibile, un fenomeno molto comune

Sintomi, cause e consigli per la cura e il trattamento

La pelle sensibile è un disturbo che colpisce moltissime persone, più di frequente le donne. Si tratta di un disturbo che può manifestarsi ad un certo punto della propria vita per una serie di svariati motivi. Per alcuni può essere un problema improvviso, mentre per altri un disturbo cronico che si riacutizza in particolari momenti.

Quel che c’è da sapere sulla pelle sensibile, un fenomeno molto comune

La sensibilità cutanea si manifesta nel momento in cui la funzione barriera della pelle risulta compromessa, così che la pelle diviene sensibile nei confronti di una serie di agenti irritanti, che possono provenire dall’esterno o dall’interno del propri organismo. In ogni caso, i sintomi sono sempre i medesimi: bruciore, prurito, rossore e fastidiosa sensazione di pelle che tira e che punge.

Per poter gestire al meglio il problema, è fondamentale conoscerne le cause, le manifestazioni e le nuove pratiche da adottare per prevenire il problema e limitare i fastidi.

Cosa significa avere la pelle sensibile

Avere la pelle sensibile significa che la propria cute è iperattiva, ovvero che manifesta una reattività maggiore rispetto a una pelle normale nei confronti di particolari stimoli.

In presenza di determinate condizioni, la pelle sensibile e reattiva comincia a manifestare sensazioni spiacevoli: bruciore, rossore, sensazione di pelle che tira, prurito, pizzicore…

Ogni tipo di pelle può diventare sensibile, e le cause scatenanti sono di vario tipo, interne ed esterne.

I classici sintomi possono manifestarsi o acutizzarsi per un periodo temporaneo, in concomitanza con particolari momenti.

Come faccio a sapere se ho la pelle sensibile

Chi soffre di pelle sensibile manifesta specifici disturbi. I più comuni sintomi sono:

  • sensazione di pelle che tira o che punge
  • prurito o pizzicore
  • rossori
  • irritazioni
  • desquamazione
  • ruvidezza

Le parti del corpo maggiormente colpite dal problema sono il viso, le mani e le labbra, così come anche il corpo in generale e il cuoio capelluto.

Spesso, il disturbo si aggrava in concomitanza con cambiamenti fisici – temporanei o duraturi – come ad esempio la gravidanza o l’invecchiamento.

Chi ha la pelle sensibile

Quello della sensibilità cutanea è un fenomeno piuttosto frequente e diffuso: colpisce infatti circa 1/3 della popolazione adulta, con una preponderanza nel genere femminile rispetto agli uomini.

La sensibilità cutanea è indipendente dal tipo di pelle (mista, secca o grassa). Ad ogni modo, è un problema che tende a manifestarsi in caso di secchezza cutanea, dal momento che ci si trova in una condizione in cui l’equilibrio idrolipidico della pelle è alterato.

Inoltre, la pelle sensibile è più probabile in chi soffre di problemi dermatologici, come acne, dermatite atopica, rosacea, psoriasi, dermatite seborroica…

Le parti del corpo in cui il problema si manifesta in maniera più accentuata sono il viso, il dorso delle mani e il cuoio capelluto, zone quindi che, per loro natura hanno già una pelle molto sottile e fragile, e che inoltre sono maggiormente esposte agli agenti esterni.

Quali sono le principali cause della pelle sensibile

Le cause della pelle sensibile sono varie e di varia natura. Possiamo infatti distinguere tra cause interne ed esterne. Esaminiamole nel dettaglio.

Fattori esterni

  • Fattori ambientali: vento, sbalzi di temperatura, freddo, sole, riscaldamento di casa…
  • Inquinamento
  • Utilizzo di cosmetici e/o detergenti non adatti al proprio tipo di pelle e che quindi creano uno squilibrio dei naturali livelli di pH
  • Trattamenti farmacologici particolari come la radioterapia

Fattori interni

  • Allergie o intolleranze alimentari non diagnosticate o non trattate (es. al glutine, alle uova, ai latticini…)
  • Disidratazione causata anche da una eccessiva sudorazione
  • Assunzione di cibi piccanti (la caipsicina in essi contenuta provoca la vasodilatazione)
  • Variazioni e squilibri ormonali che possono manifestarsi in particolari periodi della vita (ciclo mestruale, gravidanza, menopausa…)
  • Situazioni stressanti dal punto di vista emotivo/psicologico (ansia, stress, forte emozione…)
  • Assunzione di alcol, che provoca vasodilatazione
pelle sensibile
La pelle sensibile è un problema che tende a manifestarsi tipicamente in caso di secchezza cutanea

Come si cura la la pelle sensibile

Per curare la pelle sensibile si possono mettere in atto tanti utili accorgimenti su più fronti.

Igiene e detersione

  • Per la detersione quotidiana scegliere detergenti delicati che rispettano la delicata barriera cutanea e che garantiscano sicurezza e tollerabilità ai massimi livelli
  • Prediligere saponi e detergenti privi di tensioattivi aggressivi, senza profumi, testati per pelli sensibili e che producono poca schiuma
  • Preferire prodotti che non vanno sciacquati come acqua micellare, latte detergente o tonico
  • Idratare la pelle con prodotti specifici privi di alcol, profumi e tensioattivi aggressivi
  • Evitare i trattamenti cosmetici aggressivi, come scrub ed esfoliazioni
  • Per gli uomini, prima di procedere con la rasatura della barba, ammorbidire la barba stessa con acqua tiepida e poi utilizzare prodotti e detergenti delicati
  • In caso di esposizione solare, applicare una buona ed adeguata protezione solare
  • Limitare il trucco e, comunque, utilizzare solo cosmetici delicati
  • Un paio di volte a settimana, applicare una maschera altamente idratante
  • In fase di asciugatura, mai strofinare l’asciugamano ma tamponare la pelle evitando di sfregare

Alimentazione

Per alleviare i sintomi della pelle sensibile ci vien in aiuto anche l’alimentazione. In tavola non devono mai mancare i cibi ricchi di antiossidanti e di vitamina C, come agrumi, ribes e kiwi, utile per rafforzare i capillari.
Via libera anche alle verdure di stagione, ai legumi, agli oli vegetali naturali e al grano saraceno, che contengono ottimi quantitativi di vitamina PP.

Limitare invece i cibi ricchi di carboidrati e di grassi, così come le fritture e i cibi troppo elaborati e molto conditi.

Bere tanta acqua e limitare il consumo di caffè e alcolici.

Infine, può essere utile anche assumere integratori, come quelli a base di omega 3, minerali e vitamina D, che aumentano le capacità di autodifesa della pelle.

Abitudini quotidiane

Infine, può essere utile (non solo per lenire i fastidi della pelle sensibile):

  • smettere di fumare
  • limitare il consumo di caffè
  • tenere sotto controllo lo stress praticando attività fisica in maniera regolare e/o praticando tecniche di rilassamento che migliorano il benessere psicofisico
  • per quanto possibile, limitare l’esposizione alle intemperie esterne ed evitare di soggiornare a lungo negli ambienti con aria condizionata o riscaldamento eccessivo
  • Dormire almeno 7 ore per notte

Altri approfondimenti

In tema bellezza e beauty routine, potresti trovare interessarti anche queste altre guide.

Federica Ermete

Nata a Busto Arsizio nel 1982, dopo il diploma si trasferisce a Cremona – dove vive tutt’ora – per conseguire la laurea in ambito umanistico. Sia per formazione professionale che per passione personale, i suoi ambiti di specializzazione sono l’alimentazione, la salute, il fitness e il benessere in generale. Collabora con entusiasmo con la redazione di Tuttogreen dal giugno 2020.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio