Alimenti

Rabarbaro, una pianta dalle mille proprietà, non tutte conosciute

Il rabarbaro è utilizzato da secoli non solo in cucina, ma anche nella medicina cinese

Il rabarbaro è una pianta erbacea perenne proveniente dalla Cina che possiamo coltivare anche nell’orto. Presenta diverse proprietà, alcune note e altre meno, che scopriremo meglio in questa guida.

Rabarbaro, una pianta dalle mille proprietà, non tutte conosciute

Che frutto è il rabarbaro

Più che un frutto (come spesso viene indicato), in realtà, è una verdura. La pianta (Rheum rhabarbarum) è molto utilizzata da secoli sia nell’alimentazione tradizionale che nella medicina tradizionale cinese.

Dalla Cina, la sua fama e le sue possibilità di utilizzo si sono diffuse anche in Europa, in seguito alle colonizzazioni nei paesi asiatici. Oggi è coltivato anche nel nostro continente per la sua buona adattabilità a climi e terreni diversi.

Storicamente ha avuto un notevole utilizzo nell’alimentazione delle popolazioni del Tibet, della Cina e della Mongolia per le sue proprietà come aromatizzante, digestivo, depurativo, lassativo e rinfrescante dell’organismo.

Ha benefici anche come antinfiammatorio, antibatterico e antimicotico.

Nella cucina naturale si utilizza la parte corrispondente al picciolo della foglia. Anche le foglie si possono cucinare, se pur con moderazione. Sono molto ricche di acido ossalico, che può provocare, se assunto in dosi eccessive, disturbi a livello renale, e può provocare anche calcoli renali.

rabarbaro
Col rabarbaro si possono preparare tantissime ricette

Quali sono le proprietà del rabarbaro

Nella medicina cinese se ne utilizza il rizoma,  essiccato e polverizzato per farne per decotti e tisane, oppure l’estratto alcolico per uso interno ed esterno.

Si impiega principalmente per il trattamento dei disturbi al fegato e all’intestino, per stimolarne l’attività, per depurarli e facilitare la produzione di bile e le secrezioni gastriche.

Può anche essere usato nell’orto, grazie alle proprietà che lo rendono uno degli antiparassitari naturali più efficaci.

Esistono diverse varietà, la più pregiata è quella cinese, il Rheum palmatum, coltivata prevalentemente per scopi ornamentali. Mentre per la produzione di farmaci tradizionali e per la fitoterapia c’è la varietà Rheum officinale. Infine, per gli amari digestivi a base di erbe (dice niente ai meno giovani Rabarbaro Zucca?) e in parte anche per l’alimentazione il Rheum Rhabarbarum.

In cucina si impiega soprattutto per preparazioni dolci ed è presente largamente nel mondo anglosassone. Si possono fare anche marmellate e confetture, così come bevande e tisane dall’alto potere lassativo.

E forse qualcuno di noi ricorderà le vecchie caramelle al rabarbaro delle nostre nonne…

Potrà essere utilizzato anche nelle crostate come marmellata di farcitura e assieme alle fragole o accostato al succo di arancia.

Come usare il rabarbaro per i capelli

Sui capelli svolge azione purificante, seboregolatrice e antimicotica. Inoltre ha anche un forte potere tintorio, anche se, ovviamente, non permanente.

Applicato sui capelli chiari, li rende ancora più biondi. Sui capelli castani, invece, l’effetto è più leggero; dona più che altro delle sfumature luminose.

Come usare il rabarbaro per la pelle

Ricchi di polifenoli e tannini, spesso, gli estratti della pianta vengono aggiunti ai prodotti abbronzati, come creme e lozioni, in modo tale da stimolare la melanina e al tempo stesso mantenere la pelle giovane grazie ad un’azione antiossidante.

A cosa fa bene il rabarbaro

I suoi principi attivi svolgono un’azione antimicrobica, agiscono in maniera positiva sul colesterolo cattivo, riducono i livelli di permeabilità della mucosa intestinale e favoriscono l’espulsione dall’organismo di batteri e tossine.

rabarbaro

Come assumere il rabarbaro

Se si vuole preparare un infuso o una tisana, occorre prendere 5 gr di radice essiccata e metterla in una tazza di acqua bollente insieme a 2 gr di bicarbonato. Attendete 5-6 minuti. Quindi filtrate e poi sorseggiate, anche con aggiunta di zucchero.

Assunta prima dei pasti, questa bevanda agisce positivamente sulla salute e il benessere di fegato e intestino. Se presa invece la sera, prima di coricarsi, è utile per combattere la stitichezza.

In commercio, viene venduto anche come integratore, sotto forma di tavolette costituite da varie erbe essiccate e compattate.

Che gusto ha il rabarbaro

Ve ne sono diverse varietà a seconda del colore di gambo e polpa, tutte con un retrogusto amarognolo:

  • la varietà con gambo e polpa verdi risulta amara e piuttosto aspra, come la varietà Riverside Shore e Giant, Turco
  • la varietà con gambo e polpa rossi è dolce, tipo la varietà Victoria, Canada Red, McDonald Canadian Red, Colorado Red
  • la varietà con gambo rosso e polpa verde è quasi dolce, ma ha comunque un retrogusto acido, come la varietà The Sutton e Sunrise

Di che colore è il rabarbaro

Simile al sedano, presenta un grosso gambo a cui sono attaccate delle grandi foglie. A seconda della varietà, queste foglie possono essere verdi, oppure presentare sfumature che virano verso il giallo e il rosso.

Qual è la stagione del rabarbaro

In genere lo si può raccogliere da aprile fino alla stagione autunnale, con una pausa durante il pieno dell’estate. L’ultimo raccolto si fa in concomitanza con i primi freddi.

Dove si trova il rabarbaro fresco

Cresce spontaneo in Asia e in Europa, ma può benissimo essere anche coltivato. Lo trovate nei supermercati più forniti fresco, oppure sotto forma di marmellata a tocchetti.

rabarbaro

Come riconoscere il rabarbaro

Si riconosce per il suo apparato rizomatoso che continua a crescere, stagione dopo stagione.

Dove piantare il rabarbaro

Dal momento che predilige i climi freschi, l’ideale sarebbe coltivarlo in montagna o collina. Nelle zone dove fa molto caldo, prediligere le zone ombrose e comunque poco soleggiate.

Quanto cresce il rabarbaro

Si tratta di una pianta erbacea perenne a carattere rizomatoso. Dal fusto principale, che cresce orizzontale e sotto terra, si sviluppa l’apparato vegetativo che può raggiungere i 2 metri di altezza.

Come seminare il rabarbaro

Nel mese di marzo, lo si può seminare in semenzaio protetto. Poi, tra aprile e giugno, è possibile traferire le piantine nell’orto, in una zona ben soleggiata e mantenendo una distanza di 100 cm tra una fila e l’altra.

Quali sono le controindicazioni del rabarbaro

È sconsigliato nell’alimentazione in gravidanza e anche nel periodo dell’allattamento, oltre che ai bambini fino ai due anni. Non va bene neppure per chi è affetto da ulcere gastriche, calcolosi renale ed è soggetto ad emorroidi. Sempre per la presenza di acido ossalico.

Non mancano gli effetti collaterali associati dalla letteratura scientifica a questa pianta. Se ne sconsiglia il consumo soprattutto quando ci sia una storia di:

  • appendicite
  • malattie renali
  • calcoli
  • malattie infiammatorie dell’intestino, tra cui il morbo di Crohn, la colite e la sindrome dell’intestino irritabile
  • ostruzioni intestinali e mal di stomaco
  • problemi epatici

Come utilizzare il rabarbaro

Di solito, con le coste si preparano marmellate e chutney, perfetti per accompagnare alimenti salati come i formaggi.

Unito ad altri frutti, come ad esempio le fragole, offre delle ottime confetture per farcire crostate e biscotti, o semplicemente da stendere sulle fette biscottate la mattina a colazione.

rabarbaro

Come si taglia il rabarbaro fresco

Per prima cosa, con un coltello, vanno eliminate le foglie. Dopodiché, sempre utilizzando un coltello, va tolta la parte esterna, fino ad eliminare tutti i filamenti che ci sono sulle coste.

A questo punto, si taglia a tocchetti, più o meno grandi, in base alla ricetta che si vuole preparare.

Come mangiare il rabarbaro crudo

Ecco alcune idee per consumarlo crudo, considerando che macchia molto di rosso sia il tagliere che le dita e la stoffa con cui viene a contatto:

  • affettato molto sottile o tagliato a julienne per aggiungere un tocco croccante alle insalate
  • frullato e aggiunto nei frappè di frutta. Ottimo l’abbinamento con le fragole e i frutti di bosco
  • tagliato a piccoli pezzi e cosparso di miele, zucchero o sciroppo d’acero è un ottimo snack salutare
  • tritato grossolanamente e distribuito su yogurt, muesli o cereali

Ricette con il rabarbaro

Una gustosa ricetta è il cake al rabarbaro. Ingredienti:

  • 180 gr di farina 00
  • 130 gr di zucchero
  • 3 uova
  • 150 gr di burro
  • 1/2 bustina di lievito
  • 3 coste lunghe di rabarbaro fresco

Preparazione. Mondate e tagliate a pezzetti della verdura, eliminando i filamenti. In una terrina battete le uova con lo zucchero e, quando sarà spumoso, aggiungete il burro fuso, la farina e il sale. Amalgamate bene per ottenere un composto omogeneo e aggiungete il lievito e per ultimo il rabarbaro. Non mescolate ma date solo una girata con il cucchiaio, così i pezzi non cadranno sul fondo in cottura. Versate nello stampo da plumcake coperto con carta forno e cuocete in forno per 40 minuti circa a 180°.

Non vi basta? Un’altra ricetta golosissima, questa volta dalla Gran Bretagna, è il Rhubarb Crumble: ve la consigliamo nella sua versione classica, la trovate su BBC Food spiegata dallo chef James Martin.

torta al rabarbaro
Cake al rabarbaro, una torta buonissima e facile da fare

E voi, avete qualche ricetta preferita a base di rabarbaro? Scrivetecelo nei commenti!

Quanto costa il rabarbaro

Di media, il prodotto fresco costa all’incirca 8 euro al kg, mentre i semini da piantare, più o meno, 5 euro. Lo potete trovare anche in taglio tisana, essiccato, oppure sotto forma di estratto o macerato alcolico come integratore e per utilizzo topico.

RABARBARO RADICE 500 G
Prezzi aggiornati il 5-12-2022 alle 10:13 PM.

Naturalmente sono vari i prodotti a base di questa verdura che avrete l’imbarazzo della scelta, dalle caramelle e ai liquori, e persino nel gin e nei profumi maschili!

Whitley Neill Rhubarb & Ginger - 700 ml
Prezzi aggiornati il 5-12-2022 alle 10:13 PM.
L'Erbolario Profumo Rabarbaro 100 ml
Prezzo: 39,40 €
Prezzi aggiornati il 5-12-2022 alle 10:13 PM.

Approfondimenti tematici

Se ti interessano tutti gli articoli sugli ingredienti della cucina naturale, continua a leggere:

Prodotti a base di rabarbaro e altre informazioni

Se vuoi saperne di più sul rabarbaro e su altri ingredienti naturali puoi anche leggere questi libri:

La cucina delle erbe spontanee
Prezzo: 27,55 €
Risparmi: 1,45 € (5%)
Prezzi aggiornati il 5-12-2022 alle 10:13 PM.

Ecco anche qualche prodotto caratterizzato dal rosso vivo di questa pianta, tra cui anche il classico amaro della Zucca già citato:

Rabarbaro Zucca 0120013 Aperitivo Alcolico, L 1
Prezzo: 22,96 €
Prezzi aggiornati il 5-12-2022 alle 10:13 PM.
RABARBARO Rizoma 100 g
Prezzi aggiornati il 5-12-2022 alle 10:13 PM.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button