Saluki: aspetto, carattere, cure e addestramento

di Eryeffe del 2 novembre 2017

Utilizzato come cane da caccia per secoli, il Saluki è una delle razze canine più antiche e ricercate del mondo. La sua storia millenaria non è l’unica caratteristica distintiva. Il Saluki, infatti, spicca per eleganza, velocità e resistenza. Conosciamolo meglio con una guida tutta dedicata a lui.

Il Saluki o Levriero persiano è uno dei cani da caccia più utilizzati dall’uomo sin dalla notte dei tempi. Oltre ad essere una delle razze più antiche del mondo, è ammirato per la bellezza, la grazia nel portamento, la velocità e la forza che esprime nello scatto.

Come tutti i levrieri, anche il Saluki fa parte della famiglia dei sighthound, o ‘cacciatori a vista’. Facile da addestrare, obbediente, affettuoso e devoto al suo padrone, questo cane non teme la fatica e dimostra un’incredibile velocità di apprendimento. Nonostante i 7000 anni di storia e le vicissitudini vissute, la razza conserva ancora oggi tutte le caratteristiche principali dei cani da caccia.

saluki

Storia del Saluki

L’indiscutibile purezza della razza è avvalorata dalla diversità di questi cani utilizzati per millenni in una zona vastissima del Medio Oriente. Nella tradizione araba, infatti, ogni tribù nomade del deserto aveva un Saluki, sopratutto per la particolare propensione alla caccia della selvaggina. Il cerimoniale, inoltre, prevedeva che questi cani non venissero comprati o venduti da una tribù all’altra ma offerti in dono.

I Saluki regalati agli europei e importati in Europa, perciò, erano per caratteristiche molto diversi fra loro perchè provenivano da zone differenti. Il primo standard ufficiale europeo di questa razza risale al 1923 e venne redatto in Inghilterra. Esso comprendeva, per la prima volta, tutti i tipi di Saluki conosciuti fino a quel momento.

La forza del Saluki consiste anche nell’aver viaggiato per mezzo mondo, cambiando habitat, climi, terreni e adattandosi sempre perfettamente a qualsiasi condizione.

Scopri anche:

saluki

Saluki: aspetto e caratteristiche

Anche se la razza conta esemplari differenti per taglia e per colore del mantello, lo standard esprime razza e simmetria. Ciò si accompagna alla velocità di cui il Saluki è capace, la forza e la resistenza di fronte qualsiasi tipo di attività. Nella maggior parte dei casi il pelo è liscio e non presenta frange.  Le sue linee sono eleganti, la taglia è media e le forme armoniose.

La stazza media di un esemplare maschio misura al garrese tra i 58 ed i 71 cm. Le sue fattezze esprimono agilità e forza fisica, sottolineata da una muscolatura poderosa e snella. Il Saluki non è un cane massiccio, al contrario, si presenta con una silouette filiforme e asciutta, ma di costituzione molto solida.  Pur essendo molto veloce non è, tra i cani da caccia, quello imbattibile, ma vince sicuramente in resistenza.

FOCUS: Le razze di cani più belle e interessanti del mondo

SALUKI

Sempre relativamente al suo aspetto, il muso è lungo e il tartufo grande e nero. Le orecchie sono lunghe e mobili, cadenti e aderenti alla testa. Solitamente gli occhi sono scuri (neri o nocciola) ma sempre brillanti, vivaci e grandi.

La coda è bassa, attaccata e spesso incurvata, come quella dei levrieri. Le frange finali sono piuttosto lunghe e setose. Gli esemplari a pelo lungo hanno un mantello liscio e setoso, leggermente frangiato. Quelli a pelo corto, invece, non presentano frange. I colori ammessi dallo standard sono bianco, beige, oro, grigio, tricolore, nero e fuoco (e relative varianti).

Altre razze di levrieri:

Saluki: carattere e temperamento

In apparenza riservato e diffidente, il Saluki è in realtà uno dei cani da caccia più tranquilli e mansueti. La sua serietà è sottolineata da un’intelligenza molto spiccata che lo rende molto propenso all’apprendimento. Ciò che proprio non tollera è essere preso in giro o schernito: inutile, quindi, tentare di intrattenerlo con giochi sciocchi e ripetitivi.

Adorabile compagno di giochi con i bambini, questo cane ha bisogno di un padrone come lui tranquillo e posato. Con lui non servono maniere forti e insistenza fine a se stessa. E’ un compagno fedele, docile, propenso alla compagnia discreta e mai invadente.

LEGGI ANCHE: Cani di taglia media, quali sono e a chi sono adatti

Non si lascia andare a facili effusioni, sopratutto con gli estranei verso i quali resta piuttosto diffidente, ma è del tutto estraneo all’aggressività. Con il padrone e la famiglia è protettivo e coccolone. Non ama la confusione, infatti non abbaia mai oltre il dovuto e sopratutto mai senza un valido motivo.

In alcuni momenti, il Saluki ha bisogno di stare da solo e riflettere. Per questo motivo occorre concedergli i suoi spazi e rispettare la sua privacy.

saluki

Saluki: allevamenti e addestramento

L’ENCI riconosce in Italia 10 allevamenti di Saluki. Questi hanno sede in Piemonte (4), in Umbria -82) e i restanti sono sparsi tra Lombardia, Lazio, Puglia e Toscana. La grande docilità e ubbidienza di questo cane lo rende un perfetto animale da compagnia. Già a pochi mesi dimostra una certa predisposizione all’addestramento, sopratutto attraverso il gioco. Se abituato fin da piccolo, si adatta molto bene alla vita in appartamento a patto che possa fare lunghe passeggiate quotidiane e corse all’aperto.

Visto il suo carattere mansueto e l’intelligenza, questa razza canina si addestra facilmente e dimostra ubbidienza e buona salute, proprio come la gran parte dei levrieri. Il Saluki vive mediamente 12-13 anni e non presenta particolari vulnerabilità o predisposizioni a malattie genetiche.

SPECIALE: Cane Pastore Australiano, la guida completa

Saluki: prezzo

A seconda del pedigree, il prezzo di un cucciolo cambia anche vistosamente ma in media lo si può acquistare per circa 1.200 euro. E’ bene verificare sempre l’origine del cane, controllare i documenti e verificare il rispetto delle norme sanitarie. Come al solito, il consiglio è di rivolgersi direttamente ad un allevamento certificato.

Altre informazioni utili per la cura dei cani e di altri animali domestici:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment