Pasqua con i bambini: come colorare le uova con metodi naturali

di Maura Lugano del 28 marzo 2013

Una delle tradizioni pasquali che più piace più ai bambini è colorare le uova – quelle vere di gallina – e il modo migliore per dedicarsi a questo passatempo è di utilizzare, al posto dei colori acrilici o a tempera, le tinte naturali, che si possono ricavare da vegetali e scarti di verdure.

Per tingere almeno quattro dozzine di uova occorrono: acqua, tegami possibilmente ampi e dialluminio, una bottiglia di aceto bianco, cavolo rosso, cipolle gialle e rosse, barbabietole rosse e gialle, biete rosse, carote e peperoncino secco.

LEGGI ANCHE: Pittura fai-da-te: i colori a base di latte

La prima cosa da fare è far rassodare e poi raffreddare le uova, bollendole per 5 minuti almeno, quindi si preparano le colorazioni secondo le istruzioni che vi diamo qui sotto. L‘aceto ha potere fissativo del colore, quindi è l’ingrediente base di tutte le ricette.

La parte finale del lavoro, quella di colorazione, si fa immergendo le uova nelle diverse tinte per un minimo di 10/15 minuti, più a lungo se si desiderano toni più intensi. Il risultato è opaco, l’effetto lucido si ottiene splamando ciascun uovo con dell’olio da cucina.

Uova blu. Si taglia in quattro parti un cavolo rosso e se ne utilizza una, che va a sua volta tagliata in pezzi e messa in un contenitore piuttosto largocon 4 tazze di acqua bollente . Si aggiungono 2 cucchiai di aceto e si mescola bene il tutto, lasciando raffreddare bene prima di utiizzare la tinta.

SCOPRI ANCHE: Colori naturali per la casa fai-da-te

Uova arancioni. In un pentolino in cui precedentemente abbiamo messo a bollire 2 tazze di acqua si aggiungono le parti esterne di 6 cipolle gialle. Le bucce vanno aggiunte quando l’acqua è già in ebollizione, quindi si lasciano per 15 minuti e si aggiunge un cucchiaio di aceto bianco, si mescola e si lascia raffreddare.

Uova marroni. Si procede come per l’arancio ma utilizzando le bucce di sei cipolle rosse, mentre il marrone chiaro si ottiene facendo bollire una manciata di pereroncini essicati in due tazze di acqua bollente per 15 minuti, aggiungendo poi due cucchiai di aceto, mescolando e lasciando raffreddare.

VAI ANCHE A: Come scegliere la pittura più sicura per la nostra salute

Uova rosa scuro. Si taglia una barbabietola rossa e si mette in un contenitore ampio, si aggiungono 4 tazze di acqua bollente, poi due cucchiai di aceto, si mescola e si lascia raffreddare. Per il rosa pastello invece si tritano 3 mazzi di bieta rossa, al trito si aggiungono 4 tazze di acqua bollente, 2 cucchiai di aceto, si mescola e si lascia raffreddare.

Uova giallo chiaro. Si taglia a pezzi una barbabietola gialla di medie dimensioni e la si mette in una pentola con un quarto di cavolo rosso in pezzi, si aggiungono 4 tazze di acqua bollente, poi si mescola il tutto aggiungendo due cucchiai di aceto. Per il giallo pastello si fanno sobbollire due carote in due tazze di acqua per 15 minuti, poi si aggiungono due cucchiai di aceto e si lascia raffreddare.

Poi i vari colori potranno essere messi in ciotoline in cui intingere il pennello più volte per ottenre fantasiose uova multicolori!

LO CONOSCI? Cos’é il tadelakt

Sempre per Pasqua, ecco anche la nostra ricetta su come fare delle ottime uova di cioccolato fai da te con i vostri bimbi.

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment

Inserisci il numero esatto *