Notizie

Aumenta CO2 nell’atmosfera e i satelliti rischiano di cadere

Rischiano di precipitare i satelliti lanciati nello spazio per monitorare i cambiamenti climatici sulla superficie terrestre e la colpa, manco a dirlo, è ancora una volta degli altissimi livelli di CO2 raggiunti in questi anni.

Aumenta CO2 nell’atmosfera e i satelliti rischiano di cadere

Secondo i ricercatori del Naval Research Laboratory, infatti, le alte concentrazioni di anidride carbonica prodotte dall’inquinamento umano starebbero causando un raffreddamento degli strati superiori dell’atmosfera, raffreddamento che diminuisce considerevolmente la resistenza offerta dall’atmosfera ai satelliti orbitanti intorno al nostroPianeta e ai cosidetti ‘rifiuti spaziali’.

SCOPRI COME… L’Agenzia Spaziale Europea si perde il satellite

Quindi, se da una parte gli strati bassi dell’atmosfera si surriscaldano provocando i disastri ambientali a cui siamo ormai tristemente abituati, dall’altra gli strati superiori subiscono il processo termico inverso, perdendo la naturale ‘resistenza’ che normalmente i satelliti incontrano a oltre 50 km di altezza.

Ricercatori e scienziati ora si interrogano sulle possibili soluzioni adottabili attraverso uno strumento di calcolo (Atmospheric Chemistry Experiment Fourier Transform Spectrometer) installato a bordo del satellite Canadian SCISAT-1.

I dati rilevati da questo sofisticato congegno mostrano che negli ultimi 10 anni si è verificato un incremento di circa 23,5 parti per milione (ppm) di ossido di carbonio a un’altitudine di 100 km, e questo è un fenomeno molto più rapido di quanto prevedessero le stime.

LEGGI ANCHE: Buco dell’ozono: buone notizie dalla NASA

La priorità, dunque, è dotarsi di modelli previsionali più aggiornati che descrivano l’atmosfera in modo preciso ed esaustivo, in modo da ponderare i prossimi lanci spaziali e scongiurare il rischio ‘cadute’ sulla terra di frammenti (o intere parti) di satellite, come accaduto nel 1979 quando la sonda americana ‘Skylab’ precipitò spargendo frammenti in un’area molto vasta a sud-est di Perth (Australia) senza provocare però danni alle persone.

Erika Facciolla

Giornalista pubblicista e web editor free lance. Nata a Cosenza il 25 febbraio 1980, all'età di 4 anni si trasferisce dalla città alla campagna, dove trascorre un'infanzia felice a contatto con la natura: un piccolo orticello, un giardino, campi incolti in cui giocare e amici a 4 zampe sullo sfondo. Assieme a lattughe, broccoli e zucchine coltiva anche la passione per la scrittura e la letteratura. Frequenta il liceo classico della città natale e dopo la maturità si trasferisce a Bologna dove si laurea in Scienze della Comunicazione. Dal 2005 è pubblicista e cura una serie di collaborazioni con redazioni locali, uffici stampa e agenzie editoriali del bolognese. Nel 2011 approda alla redazione di TuttoGreen con grande carica ed entusiasmo. Determinata, volitiva, idealista e sognatrice, spera che un giorno il Pianeta Terra possa tornare ad essere un bel posto in cui vivere.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close