Cambio di stagione: come affrontarlo al meglio

di Elle del 8 ottobre 2017

Il cambio di stagione è sempre un periodo impegnativo, specie quando bisogna riporre gli abiti invernali: ecco qualche consiglio per farlo al meglio, in maniera eco-friendly.

Con l’arrivo della primavera giunge anche un’ineluttabile necessità all’interno delle nostre abitazioni: il cambio di stagione.

Per quanto possa essere noioso dover riporre i capi d’abbigliamento invernali, conservare maglioni e cappotti può rappresentare un gesto catartico. Possiamo lasciare spazio al nuovo che avanza ed alla freschezza che la stagione primaverile porta con sé.

Chi vuole evitare di incontrare delle spiacevoli sorprese al prossimo inverno, come degli antiestetici buchi nel pull preferito, deve premunirsi. Ossia, deve cercare di affrontare il cambio del guardaroba ‘armato’ di prodotti che siano a prova di tarme.

SCOPRI: Come riciclare vecchi maglioni

Infatti, le larve di questi insetti si nutrono di lana, seta e cotone, perché contengono cheratina.

Cambio di stagione: un guardaroba in ordine

La tradizionale naftalina, oltre a lasciare un cattivo odore sui nostri capi, è un derivato del petrolio. Ma esistono diversi rimedi naturali dall’effetto garantito.

Una prima soluzione può essere rappresentata da palline di legno impregnate di olio di canfora (cinnamomum camphora). La canfora è un’essenza che si ricava dal legno dell’omonima pianta. Emette un odore acre odore che può non piacere ed è irritante per la pelle se viene a contatto diretto.

La lavanda essiccata è un antitarme semplice ed economico. Consentirà anche di lasciare una piacevole profumazione nel nostro armadio e nella biancheria; una valida alternativa è costituita dalle castagne dell’ippocastano, oppure dalle foglie di tabacco o dalla scorza di cedro seccato.

Tutti sono da lasciare nei cassetti in un sacchetto di garza o di tulle.

cambio di stagione

Cambio di stagione: scopriamo come farlo senza impazzire!

Altre idee ecologiche per impedire alle tarme di annidarsi nei nostri vestiti consistono nel riporre delle foglie di alloro sminuzzate in sacchetti che possono essere appesi direttamente sulle grucce o nei cassetti.

Si può scegliere di utilizzare fare dei pot pourri a base di varie spezie come coriandolo, chiodi di garofano, foglie di menta essiccata o bucce di agrumi, così da riporre senza paura gli abiti più pesanti conservandoli con una piacevole fragranza.

Vanno però cambiati almeno una volta al mese, perché perdono la loro fragranza e quindi il loro potere.

La depressione da cambio di stagione

Ne avete sentito parlare tante volte e probabilmente l’avete sperimentato personalmente. La stanchezza primaverile o la depressione da rientro dalle vacanze sembrano essere dei compagni inseparabili legati al cambio di stagione. Esistono diverse ragioni di tipo psicologico e non solo legate a questi stati d’animo e di forma fisica altalenanti, per cui vediamo come farci trovare pronti con alcuni rimedi naturali:

  • Per la depressione da rientro dalle vacanze, il consiglio principale è quello di cercare di ritrovare un equilibrio con qualche attività quotidiana piacevole e rigenerante. Non lasciate che lo stuio, il lavoro o gli impegni quotidiani vi fagocitino! Anche una pratica come lo yoga è di grande aiuto. Distende i nervi, facilita l’auto-controllo, conferisce un utilissimo senso di pace a chi lo pratica.
  • La stanchezza cronica primaverile, invece, va affrontata anche con alcuni accorgimenti che riguardano l’area dell’alimentazione. Spazio abbondante alle vitamine, in particolare a quelle del gruppo A, B e C. In particolare:
    • per quanto riguarda le vitamine del gruppo B, razioni abbondanti di ortaggi, legumi e cereali integrali sono consigliate in questo passaggio. Assumete anche germe di grano, lievito, latte e albume d’uovo, legumi e noci.
    • vitamina Ckiwi, agrumi, peperoni, le verdure a foglia verde, e i pomodori.
    • vitamina A, tutti i vegetali di colore giallo e arancio, il latte e derivati, le uova e il pesce. Assumete alimenti ricchi di calcio, come i semi di sesamo che ne contengono in buona quantità. Alcune vitamine poi, per svolgere in pieno le loro funzioni necessitano della presenza di minerali e oligo-elementi che dunque devono essere sempre presenti.
    • frutta secca ad esempio ne contiene molti, il tè a foglie, il riso integrale, le verdure a foglia verde, il cacao amaro, il pepe nero.

Cambio di stagione: i prodotti utili da trovare online

Ecco anche delle proposte che potrebbero interessarvi:

Forse ti potrebbe interessare anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment