Piante e fiori

Il Camedrio, la pianta anticamente usata a scopo medicinale ed oggi a solo scopo ornamentale

Caratteristiche, proprietà e consigli per la coltivazione

Sicuramente vi sarà capitato di vedere la fioritura estiva del Camedrio, chiedendovi che pianta fosse. Si tratta di un arbusto semirustico, ideale per la creazione di siepi nei giardini costieri. Nei tempi antichi, a questa pianta venivano riconosciute proprietà medicamentose. Oggi, però, il suo utilizzo in tal senso è vietato in quanto è risultata altamente tossica.

Il Camedrio, la pianta anticamente usata a scopo medicinale ed oggi a solo scopo ornamentale

Andiamo a conoscerla meglio.

Camedrio, pianta

Il Teucrium chamaedrys, questo il suo nome in gergo scientifico, appartiene alla famiglia delle Labiate. Si tratta di pianta perenne che può raggiungere un’altezza di 150 cm. È un arbusto mediterraneo semirustico diffuso nel Mediterraneo occidentale in zone litoranee calde. Vediamo le sue caratteristiche.

  • Aspetto generale: compatto e cespuglioso
  • Fusti: legnosi e variamente ramificati
  • Foglie: sempreverdi, di forma ovale e di colore verde scuro sulla pagina superiore e grigio in quella inferiore
  • Fiori: riuniti a grappolo, sono di un bel rosa acceso e compaiono da inizio primavera a fine estate

Camedrio maro

Questa varietà ha un aroma molto forte e sgradito per l’uomo. È invece molto apprezzato dai gatti che amano sfregarsi su questa pianta. Per questo motivo, il nome volgare di questa varietà è “Erba gatto”.

Camedrio, fioritura

Durante l’estate avviene la fioritura con la produzione di piccoli fiori dai petali blu-viola e con venature più scure e stami sporgenti.

Camedrio, coltivazione

Ideale per la creazione di siepi nei giardini costieri, è una pianta idonea anche per essere coltivata in vaso. Ecco gli accorgimenti da tener presenti per la cura e la coltivazione.

  • Terreno: leggero e ben drenato. Fiorisce al meglio sui terreni calcarei, anche se sassosi
  • Esposizione: ama il pieno sole ma riesce ad adattarsi anche a posizioni di ombra parziale
  • Clima: teme le basse temperature ma sopporta anche lunghi periodi di siccità e resiste bene anche ai venti
  • Annaffiature: devono essere abbondanti e regolari in estate, mentre vanno diminuite nei mesi più freddi. Evitare sempre i ristagni idrici
  • Potatura: a fine inverno vanno eliminati i rami vecchi. In aprile, invece, si devono asportare i germogli danneggiati dal freddo mentre vanno accorciati tutti i rami a metà della lunghezza
Camedrio
Questo arbusto mediterraneo semirustico cresce spontaneo in zone litoranee calde.

Moltiplicazione

La propagazione del Camedrio può avvenire in varie modalità.

  • Seme: seminare in semenzaio o in serra e poi mettere a dimora in campo quando le piantine saranno ormai ben formate
  • Talea: nei mesi di luglio e agosto, dai germogli laterali, si prelevano delle talee di legno semimaturo lunghe 8-10 cm, con una porzione di ramo portante. Quindi le si piantano in un miscuglio composto da torba e sabbia in parti uguali, ad una temperatura di 15°C. Le talee radicate vanno fatte svernare in cassone freddo e le si mettono poi a dimora in aprile-maggio
  • Divisione delle radici: da praticare in autunno, quando la pianta è ormai in riposo

Camedrio, proprietà

Fin dai tempi antichi, il camedrio veniva usato in medicina perché gli venivano attribuite proprietà febbrifughe e digestive. Veniva altresì usata anche per le sue proprietà blandamente lassative, carminative, digestive e stomachiche.
Ad uso esterno, veniva poi usata anche come astringente nei casi di piorrea e gengivite.

Camedrio
Un primo piano dei caratteristici fiori.

Camedrio, cicatrizzante

Si è scoperto essere anche un buon cicatrizzante, antisettico e un ottimo ipolipemizzante. Associato ad un regime dietetico ipocalorico, ha dato ottimi risultati come dimagrante.

Utilizzi

Andiamo a scoprire gli impieghi di un tempo di questa pianta, ricordando che oggi il suo utilizzo è espressamente vietato dal Ministero della Salute per la sua tossicità.

In cucina

Veniva molto usata per la preparazione di liquori, a fondo amaro o nell’industria del vermouth e bevande in genere. Ora però non più per una riconosciuta e comprovata tossicità di alcuni suoi componenti (diterpeni neoclerodanici) che possono provocare epatiti di vario genere.

In giardino

Molto indicato per ornare varie zone, sempre soleggiate, dei giardini rocciosi, come scarpate, pendii sassosi o bordure.

Camedrio, erboristeria

In ambito erboristico, il camedrio è sempre stato apprezzato per le sue proprietà amarotoniche, tanto da essere utilizzato anche per la preparazione di aperitivi e digestivi.

È considerata inoltre una pianta ad attività dimagrante e depurativa. In realtà, però, risulta essere una pianta epatotossica. I diterpeni neoclerodanici presenti nella droga sono infatti responsabili di epatiti acute, croniche e fulminanti. Per questo motivo, il camedrio non va assolutamente utilizzato né sotto forma di tisana né di estratto. Il Ministero della Salute ne vieta espressamente l’uso.

camedrio

Camedrio, tossicità

Come appena spiegato, alcuni componenti presenti in questa pianta sono responsabili di varie forme di epatite, anche gravi.
Pertanto, non dovrebbero quindi essere acquistati prodotti contenenti camedrio perché velenoso.
In passato, quando ancora era possibile venderlo, si trovavano parti essiccate pronte per la preparazione di infusi e tinture.

Controindicazioni

In Italia l’uso è proibito. Ciò invece non accade in altre nazioni dove, comunque, è altamente sconsigliato il suo utilizzo in qualunque forma.

La pianta è stata infatti inserita nell’elenco di quelle non utilizzabili negli integratori alimentari e non è quindi vendibile nonostante siano reperibili alcuni prodotti che la contengono.

Altre piante medicinali da scoprire

Potrebbero interessarvi anche:

  • Ginseng proprietà: benefici e controindicazioni del ginseng
  • Biancospino: proprietà, benefici e controindicazioni
  • Fiori gialli, i più belli per dare luce al giardino
  • Pulsatilla: proprietà di questa pianta della salute
  • Assenzio, associato al liquore maledetto è in realtà un buon tonico, digestivo e antinfiammatorio.
  • Belladonna: sai quanto è pericolosa?
  • Ederastimola la circolazione, è famosa come anticellulite
  • Genziana, una pianta famosa per l’amaro, facilita la digestione e abbassa la febbre.
  • Vitalba, proprietà e utilizzi
  • Droserapianta carnivora dall’azione antinfiammatoria e antisettica, calma la tosse secca, cura l’asma e la bronchite
  • Mughettoè una pianta velenosa utile nei casi di ipotensione, cefalea e palpitazioni.
  • Nux vomica utilizzi e benefici di questa pianta della salute
  • Calcarea carbonica: utilizzi ed indicazioni
  • Tutto sulla ginestra: proprietà e utilizzi del fiore
  • Rusco: l’erba che fa bene alla circolazione
  • Erba di grano: una fonte di energia e di salute da conoscere
  • Trifoglio rosso: una pianta usata in fitoterapia e in ambito medico
  • Raperonzolo: tutto sulla pianta resa celebre dall’omonima fiaba

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button