Salute naturale

Cos’è l’alluce valgo e come combatterlo con sistemi naturali

Scopriamo quello che c'è da sapere su questa problematica che colpisce soprattutto le donne

Quando il primo metatarso devia dalla sua posizione originale, si ha ciò che viene chiamato alluce valgo, un problema fastidioso e molto doloroso.

Cos’è l’alluce valgo e come combatterlo con sistemi naturali

Vediamo per prima cosa come si verifica l’alluce valgo. Successivamente, vedremo quali sono i rimedi naturali per combatterlo.

Cos’è l’alluce valgo

L’alluce valgo è una deformazione dell’articolazione metatarso-falangea del piede, che causa il deviazione laterale dell’alluce verso le altre dita.

Questa deviazione provoca un rigonfiamento sul lato interno del piede, noto comunemente come “cipolla” a causa della sua forma simile a una cipolla.

Quali sono le cause dell’alluce valgo

Ad esserne soggette sono soprattutto le donne. La diffusione è infatti 10 volte maggiore rispetto a quella riscontrata negli uomini. Ma esistono alluce valgo rimedi naturali per alleviarne la sintomatologia dolorosa.

Le cause possono essere di diverso tipo:

  • Fattori genetici: c’è una componente ereditario solitamente importante. Se hai una storia familiare di alluce valgo, potresti essere più incline a svilupparlo.
  • Anomalie strutturali del piede che possono contribuire allo sviluppo dell’alluce valgo: tra queste, un primo metatarso corto, primo metatarso dorsiflesso, avampiede varo flessibile o rigido, piede planovalgo rigido o flessibile, gastrocnemio equino, meccanica del piede anormale e ipermobilità articolare.
  • Scelta delle calzature: indossare scarpe strette, soprattutto quelle con la punta stretta, può aumentare il rischio di sviluppare questa problematica. Questi tipi di scarpe possono comprimere le dita dei piedi e mettere pressione sulla giuntura, portando alla deformazione del pollice del piede. Anche scarpe a punta con un tacco superiore ai 4-5 cm spesso contribuiscono al sorgere di questo problema.

Anche altri fattori possono contribuire allo sviluppo dell’alluce valgo: ad esempio i cambiamenti ormonali durante la gravidanza, le malattie infiammatorie come l’artrite reumatoide e i disturbi neuromuscolari o un’errata postura.

Camminare imprimendo più peso sulla parte anteriore della pianta, può infatti contribuire a provocare questo problema. Invece, è molto importante prevenire l’insorgere di questo problema con calzature corrette ed una postura adeguata.

Va detto comunque che lo sviluppo di questo problema è spesso dovuto alla combinazione di questi fattori invece che a una sola causa.

Quali sono i sintomi dell’alluce valgo

La cipolla, ovvero la borsite che si crea alla base dell’osso, è uno dei sintomi più evidenti dell’alluce valgo. Oltre ad un discorso meramente estetico, può apportare dolore, specie ma non soltanto, quando si indossano le scarpe.

Il dolore è un altro dei sintomi principali dell’alluce valgo. Si può avvertire dolore nella zona della sporgenza ossea alla base del pollice del piede. Il dolore può variare in intensità e può essere costante o peggiorare durante la deambulazione.

Può provocare anche gonfiore nell’area dell’articolazione del pollice del piede. Il gonfiore può essere evidente e può causare disagio durante il movimento.

La pelle intorno all’articolazione del pollice del piede può inoltre diventare arrossata a causa dell’infiammazione e dell’irritazione causate dall’alluce valgo.

Anche la callosità potrebbe essere un sintomo di questo problema. A causa dello sfregamento costante del pollice del piede contro le calzature, possono svilupparsi callosità o ispessimenti della pelle sulla pianta del piede o sulla parte laterale del pollice.

Quali sono i rimedi naturali per il dolore dell’alluce valgo

Ovviamente non possiamo parlare di rimedi naturali e definitivi. Se la situazione è già molto grave, l’unica soluzione è un intervento chirurgico.

Ma se è di tipo lieve, esistono rimedi naturali per alleviare il dolore:

Immergete i piedi in una bacinella colma di acqua calda a cui aggiungerete dell’olio essenziale di lavanda ad azione defaticante o sale di Epsom.

Massaggi per il dolore dell’alluce valgo

IPreferite una sostanza vegetale dal potere antidolorifico e lenitivo come l’olio di mandorle o l’olio di germe di grano.

Con olio essenziale di zenzero, oleoito alla curcuma, olio essenziale di camomilla e olio di iperico potrete effettuare dei massaggi alla base dell’articolazione interessata.

Compresse fredde per il dolore dell’alluce valgo

Tra i rimedi naturali possibili per placare il dolore, ci sono anche le compresse fredde.

Oltre alla semplice borsa del ghiaccio, potete anche creare un impacco a base di 4 gocce di olio essenziale di camomilla romana, 5 di olio essenziale di rosmarino e 5 di lavanda, da posizionare sulla parte con un panno pulito. Lasciate agire per almeno 20 minuti.

Tisana per il dolore dell’alluce valgo

Invece, la tisana di sambuco è consigliata per uso interno. Basta lasciare in infusione per circa 15 minuti 4 cucchiai dei suoi fiori. Assumetela 2 volte al dì.

Alluce valgo: camminare a piedi nudi aiuta
Camminare a piedi nudi migliora la circolazione plantare, rafforza muscoli ed articolazioni e dunque può aiutare a prevenire l’alluce valgo.

Fascia, cerotti e tutore per alluce valgo

Esistono in commercio cerotti, cuscinetti, fasce e tutori che aiutano a proteggere il piede o a mantenere l’alluce in posizione naturale.

Sia la fascia che il tutore o l’apparecchio per l’alluce valgo possono essere utilizzati come opzioni di trattamento non chirurgiche per alleviare i sintomi di questo problema.

Una fascia è una sorta di benda che applica pressione all’area interessata, fornendo supporto e riducendo il dolore e l’infiammazione. Può contribuire a riallineare il grande dito del piede e a prevenire ulteriori deviazioni.

Un tutore o apparecchio per l’alluce valgo viene solitamente indossato di notte e funziona nel raddrizzare dolcemente il grande dito del piede, contribuendo a migliorarne l’allineamento nel tempo. Ciò può aiutare a ridurre il dolore e il disagio causati dalla cipolla.

Sono disponibili in commercio speciali tutori che hanno benefici sia a livello estetico che funzionale. L’efficacia di questi rimedi – va sottolineato – varia sensibilmente da persona a persona.

Eccovi alcune soluzioni che è possibile ordinare anche su Amazon:

Quali esercizi da fare per l’alluce valgo

Per provare a correggere il problema, si può arrivare a compiere alcuni esercizi che rafforzano l’articolazione. Camminare a piedi nudi ad esempio, sembra essere un vero toccasana.

L’azione stimola la mobilità di muscoli e legamenti del piede, che a furia di rimanere immobili nelle scarpe, s’indeboliscono.

ginnastica e alluce valgo
Ginnastica e antiginnastica sono altri rimedi efficaci per l’alluce valgo. Provate a stendere e flettere le dita oppure usate i piedi per raccogliere dei piccoli oggetti.

Far scorrere un bastone o rotolare una pallina da tennis sotto la pianta, può favorire la circolazione sanguigna.

Mentre per migliorarne la flessibilità, ma anche per prevenire la comparsa di questo problema, provate a:

  • Flettere ed estendere le dita dei piedi, imprimendo il vostro peso sulla punta. Anche in posizione seduta.
  • Allungare e piegare le dita dei piedi, stendendo la gamba in avanti.
  • Utilizzare le dita dei piedi in modo prensile. Per sollevare un fazzoletto o una pallina.

Ricorda: prima di iniziare un qualsiasi trattamento, consulta un professionista sanitario, come un podologo, per determinare il piano di intervento più appropriato per la tua condizione specifica.

Altre guide consigliate

Se hai trovato utile questa guida sulla problematica dell’alluce valgo, potrebbero interessarti anche:

Alessia Fistola

Nata in Abruzzo nel 1982, si trasferisce a Roma per conseguire una laurea e un master in psicologia, ma dopo una decina d'anni rientra nel suo piccolo paese ai piedi della Majella, fuggendo dalla vita metropolitana. Attualmente coniuga l'attività di psicologa libero professionista con la passione per la scrittura, un hobby coltivato sin dalle scuole superiori. Collabora con la redazione di Tuttogreen dal 2011, cura un blog personale di taglio psicologico e scrive articoli per un mensile locale. Nel tempo libero ama passeggiare nei boschi e visitare i piccoli borghi, riscoprendo le antiche tradizioni d'un tempo.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio