Categories: Bevande

Scoprite il caffè di cicoria, un’alternativa al classico caffè senza effetti stimolanti

Senza caffeina, ha un gusto amaro simile al caffé, stimola la digestione, aiuta a metabolizzare i grassi e combatte la stitichezza

È una bevanda amara che fa bene a colon e intestino. Stiamo parlando del caffè di cicoria, una valida alternativa, ma senza caffeina.

Caffè di cicoria: cos’è

A differenza di quest’ultimo, però, non contiene caffeina, perciò è adatto a chi soffre di colite ed insonnia.

Si ricava dalle radici della cicoria (Cichorium Intybus) che, dopo essere state essiccate e polverizzate, vengono sottoposte ad una leggera torrefazione.

Ha un sapore amaro ma molto simile a quello del caffè classico.

Contiene inulina, fibra dalle proprietà disintossicanti; ma anche vitamine B, potassio, magnesio, ferro e fosforo.

Da dove arriva il caffè di cicoria

Sembra fosse già conosciuto nel 1600, specialmente per scopi medicinali.

La sua scoperta ufficiale viene fatta risalire al XIX secolo, quando i francesi, a causa del blocco delle importazioni imposto all’Impero di Napoleone, si videro costretti a cercare un’alternativa.

In Italia, questa bevanda divenne popolare durante le due guerre mondiali, soprattutto quando l’Italia fu sottoposta alle sanzioni della Società delle Nazioni a seguito dell’aggressione all’Etiopia.

Caffè di cicoria benefici

È considerata una pianta colegaga, ovvero amica del fegato, in quanto il suo sapore amaro ne sollecita l’attività, aiutando a depurare il sangue.

Ma è anche un ottimo digestivo; le sostanze presenti al suo interno aiutano infatti a metabolizzare i grassi e stimolano l’intestino contro la stitichezza.

Per questa ragione, andrebbe bevuto caldo, a colazione o subito dopo i pasti. Più il caffè sarà caldo, più elevate saranno le sue virtù.

Essendo ricco di sali minerali, fibre ed antiossidanti, come i polifenoli, agisce anche sulla flora intestinale nonché sulla glicemia, ovvero il livello di zuccheri nel sangue.

Ha inoltre un apporto calorico trascurabile, ecco perché è indicata nei regimi alimentari e per i diabetici.

Caffè di cicoria controindicazioni

Le controindicazioni sono molto poche. Non contenendo caffeina, è infatti possibile darlo anche ai bambini.

Difatti, la dicitura ‘caffè’ sarebbe errata, in quanto si riferirebbe ai prodotti derivanti dalle piante del genere Coffea e non Cichorium.

Caffè di cicoria e reflusso

Questa bevanda ha effetti stimolanti sullo stomaco e l’intestino, ciò significa che è meglio non consumarla se si soffre di gastrite ed ulcera.

Il caratteristico sapore amaro aumenta le secrezioni gastriche, e stimola la digestione, ma può essere nociva per quanti soffrono di reflusso gastrico.

Caffè di cicoria e colon irritabile

È controindicata anche per chi soffre di colecisti e colon irritabile, nonché in presenza di calcoli renali.

Più in generale, se ne sconsiglia l’uso in caso di forte diarrea, in presenza di malattie croniche dell’apparato digerente, di intossicazione e infezione.

Come si distinguono i tanti tipi di caffé?

Caffè di cicoria in gravidanza

Meglio non consumarla in gravidanza, in quanto può causare contrazioni uterine.

Non si segnalano controindicazioni per quanto riguarda, invece, il periodo dell’allattamento, ma è sempre bene chiedere al proprio medico.

Dove si trova il caffè di cicoria

In commercio sono presenti sia la versione per moka che quella solubile, anche già porzionata.

Non è facile trovare questo succedaneo del caffè nei supermercati, pertanto va ricercato nei negozi di cibi biologici, di alimentazione naturale, nelle erboristerie oppure online.

Prezzi aggiornati il 16-10-2021 alle 11:53 PM.

Come fare il caffè di cicoria

Ci sono diversi modi per preparare il caffè di cicoria a seconda del preparato:

  • caffè di cicoria solubile, lo si può versare nell’acqua calda della tazza. Zuccherate, mescolate e servite. Si presta anche all’aggiunta di latte.
  • caffè di cicoria da moka, non bisogna riempire il filtro fino in cima, bensì appena oltre la metà.
  • decotto di radice di cicoria: in questo caso basta far bollire, a fuoco lento e per qualche minuto, la polvere di radice in una pentolino d’acqua. Spegnete il fuoco, lasciate riposare il tutto. Filtrate e gustate.

Come togliere l’amaro dalla cicoria?

Per togliere l’amaro dalla verdura, bastano delle fettine di limone o un cucchiaio d’aceto, ma per la bevanda è necessario un dolcificante.

Per esempio naturale, come il miele o lo zucchero di barbabietola. Ma la si può assumere anche insieme al latte vegetale o con un pizzico di cannella, che arricchisce l’aroma.

Un’altra idea potrebbe essere quella di aggiungerlo al caffè tradizionale, per limitare l’apporto di caffeina e godere di un sapore più piacevole.

Altri articoli

Potrebbero interessarvi anche questi articoli sulle bevande energetiche naturali:

  • Caffè verde proprietà e come si utilizza
  • Guida al tè nero, una bevanda che previene l’invecchiamento, contrasta l’ossidazione cellulare e mantiene in salute
  • Yerba Mate, proprietà e benefici
  • Rooibos, il tè rosso senza caffeina
Outbrain
Share
Published by
La Ica

Utilizziamo i cookie insieme ai nostri partner per personalizzare i contenuti e gli annunci pubblicitari, fornire le funzioni dei social media e analizzare il nostro traffico.