Cicerchia, proprietà e benefici di un legume antico

di Elle del 7 febbraio 2017

Tra i legumi più antichi e parte della tradizione contadina italiana, le cicerchie possiedono notevoli principi nutritivi nonostante alcune controindicazioni.

La cicerchia (Lathyrus sativus) è un legume anche conosciuto come pisello d’India o pisello d’erba. In effetti il suo sapore è a metà strada tra quello del pisello e quello della fava.

Cicerchia: legume

Coltivato per il consumo umano soprattutto in Asia e Africa orientale, è diffuso anche in parte del continente europeo.

In Italia, questo legume può vantare un’antica tradizione facente capo soprattutto alla tradizione gastronomica contadina. Attualmente è poco conosciuto e consumato e di difficile reperibilità nei negozi.

Cicerchia: pianta

La pianta da cui proviene questo legume è erbacea a ciclo annuale. Cresce bene in terreni ciottolosi, non soggetti a particolari ristagni idrici. Resiste alle basse temperature e sopravvive anche in ambienti avversi.

Cicerchia: proprietà

Grazie all’alta concentrazione di proteine, questo legume è un ottimo sostituto vegetale per chi ha scelto un’alimentazione vegetariana o vegana.  L’elevato apporto calorico lo rende alcune un cibo ideale per favorire il giusti contributo di energie all’organismo.

Fonte di vitamine, soprattutto del gruppo B e PP, e sali minerali (fosforo e calcio), contiene anche fibre. Del tutto poveri, invece, di grassi, le cicerchie si rivelano valide alleate per la salute di ossa, denti, cuore e muscoli.

Cicerchia: ricette

Negli usi più comuni e tradizionali, le cicerchie si prestano bene come ingredienti di zuppe e minestroni. Al pari di altri legumi, richiedono tempi piuttosto lunghi di cottura ad alte temperature, soprattutto per favorirne la digeribilità. Si tratta di un ingrediente piuttosto versatile, facile da mangiare anche sotto forma di purea.

cicerchia

Cicerchia: ideale come ingredienti di zuppe, minestroni o hamburger vegetali.

Le cicerchie possono anche diventare ottimi contorni, conditi in modo semplice con olio extravergine di oliva, sale ed erbe aromatiche.

In sostituzione a ceci o fagioli, inoltre, sono ideali come base per la preparazione di gustosi hamburger vegetali.

Cicerchia tossica

Il consumo di questo legume prevede alcune controindicazioni. La presenza di una sostanza, la latirina, rischia di provocare un disturbo del sistema nervoso, caratterizzato da paralisi spastica irreversibile agli arti inferiori e disturbi funzionali.

Si tratta, tuttavia, di una patologia legata all’assunzione di quantità eccessive della sostanza. Per evitare qualsiasi rischio, si consiglia di lasciare questi legumi in ammollo in acqua salata per circa 24 ore e risciacquare diverse volte prima della cottura.

Ti potrà interessare anche:

Outbrain

{ 0 comments… add one now }

Leave a Comment