Yoga e mente

L’Agata, una pietra dai mille colori con proprietà protettive e riequilibranti

L’Agata è un minerale bellissimo, che può avere molti colori, dal verde, al blu al rosso al bianco. E’ una pietra ricca di proprietà e ad ogni colore sono collegate delle specifiche caratteristiche, che andremo a illustrare in questo articolo.

L’Agata, una pietra dai mille colori con proprietà protettive e riequilibranti

Si dice che indossarla favorisca l’armonia spirituale e protegge dalle malattie e dall’influenza negativa esterna. Conosciamo l’agata come minerale e tutti i benefici che apporta alla mente e allo spirito.

Agata descrizione del minerale 

A livello minerale è una varietà di quarzo, che si caratterizza per la colorazione a strisce di diversi colori, dovute al modo in cui si forma entro la cavità delle rocce vulcaniche.

Minerale a forma di Calcedonio, composto di biossido di Silicio, può sembrare all’apparenza un banale sasso, ma invece si tratta di un geode, cioè una pietra cava che contiene al centro piccoli cristalli.

I colori vanno dal bianco, giallo, grigio, azzurro, verde, rosso, bruno, nero con striature: è una pietra molto resistente, teme solo gli urti violenti che possono romperla.

La morfologia dell’agata ha una struttura triangolare, è una pietra eletta alla semplicità che non promuove l’azione, ma l’introspezione. E’ quindi la pietra consigliata per coloro che tendono ad agire d’impulso senza riflettere.

Viene consigliato l’uso in Cristalloterapia alle persone che stanno vivendo uno squilibrio energetico e hanno bisogno di ritrovare un buon equilibrio attraverso scelte sensate sia in amore che al lavoro, sia in famiglia che in amicizia.

Giacimenti di Agata

I principali giacimenti di agata sono in Brasile, India, Asia Minore, Cina. Esistevano giacimenti anche in Germania ma oggi sono quasi esauriti.

Significato dell’Agata

Il nome deriva da greco Achàtes. Considerato fin dai tempi antichi una pietra sacra veniva usata come amuleto portafortuna soprattutto le pietre che presentavano all’interno le linee di colore parallele.

Ancora oggi in alcuni paesi vengono regalati ciondoli di agata come portafortuna ai neonati.

Dove comprare l’Agata

Questa pietra si trova con facilità, essendo abbondante in natura: per tanto, non è troppo costosa.

Si può trovare in gioielleria sotto forma di orecchini, bracciali, ciondoli, collane, anelli oppure presso i negozi specializzati in pietre e minerali, al naturale. Viene utilizzata anche per confezionare sculture e oggetti.

Attenzione: se i colori sono troppo brillanti dubitate della sua naturalezza: l’agata naturale ha tonalità più tenui.

Inoltre a volte l’agata subisce dei trattamenti per renderla più bella: in questo caso, l’unico modo per capire se è stata modificata artificialmente è tagliarla e vederne l’interno.

Quali sono i nomi dell’Agata

Questa pietra assume varie indicazioni a seconda del colore:

  • se si presenta a bande viene definita Agata
  • se i colori sono tenui è definita Calcedonio
  • se è nera viene chiamata Onice
  • se è arancione Corniola
  • se è bianca Opale

Ogni tipo e colore ha specifiche proprietà che vediamo nel dettaglio.

Proprietà dell’Agata

Tra le proprietà generiche, si evidenzia la possibilità di promuove la stabilità interiore e la maturità. Viene regalata in gravidanza perché protegge la gestazione.

  • Aiuta a riconoscere i reali desideri e dona ispirazione
  • Simbolo di amore e di fedeltà
  • Rappresenta un amuleto di protezione per chi viaggia
  • Protegge dagli incidenti sul lavoro
  • Aiuta a effettuare un’auto-analisi
  • Aiuta la concentrazione
  • Promuove l’armonia
agata
L’agata può assumere diversi colori

Come si usa l’Agata

Questa pietra, per essere utilizzata, va prima scaricata dalle disarmonie sotto l’acqua corrente e poi va appoggiata sulla zona che si intende curare.

Può anche essere indossata come gioiello per lunghi periodi o posizionata nelle stanze dove abitiamo o lavoriamo.

Benefici per il corpo dell’Agata

Vediamo quali benefici al corpo può apportare indossare una pietra di Agata, colore per colore:

  • Arancione. Questa particolare pietra stimola la digestione e allevia la gastrite. Riduce il prurito perla puntura d’insetto se viene posizionata sulla pelle.
  • Blu. E’ utile contro il mal di gola, i disturbi tiroidei e linfatici. Inoltre, migliora il funzionamento del sistema nervoso e scheletrico.
  • Botswana. Questa rarissima varietà ha proprietà protettive e stimolanti.
  • Gialla: stimola il processo digestivo
  • Muschiata, anche detta pietra dei giardinieri, aiuta a rendere floridi i giardini.
  • Rossa. Contrasta il gonfiore addominale.
  • Verde: aiuta a disintossicare e purificare l’organismo.
  • Viola. In gravidanza protegge la gestazione.

Benefici per la mente dell’Agata

Vediamo quali benefici apporta l’agata alla mente, colore per colore

  • Arancione: aiuta a migliorare la concentrazione
  • Botswana: si consiglia contro lo stress e la depressione allontana i pensieri ossessivi e le paure.
  • Blu: aiuta a comunicare meglio con gli altri anche consigliata per chi deve parlare davanti a un pubblico
  • Di fuoco: aiuta a trovare la giusta motivazione
  • Gialla: aiuta a ritrovare l’ottimismo
  • Grigia: dona vigore ed energia al corpo sia livello fisico sia mentale
  • Marrone: contro gli stati di apatia e pigrizia
  • Nera: aiuta a capire quali sono gli obiettivi da raggiungere
  • Rosa: libera la mente dai pensieri negativi

Benefici per lo spirito dell’Agata

L’Agata collega chi la indossa alla coscienza collettiva e insegna a contemplare le esperienze di vita per una crescita spirituale. Anche in questo caso la pietra è collegata a ogni chakra in base al colore.

  • Bianca. Si consiglia di usarla per la meditazione per una connessione spirituale profonda
  • Blu: promuove la comunicazione con le sfere spirituali.
  • Botswana: equilibra le energie positive e negative. Se la sua forma è simile ad un occhio allora protegge dalle energie negative
  • Dendritica: aiuta ad accettare le proprie origini spirituali e fisiche. A chi la indossa apre gli occhi davanti alla bellezza della vita.
  • Di fuoco: da usare sul primo chakra per trovare connessione con la realtà.
  • Gialla: è fonte di energia spirituale
  • Laguna: aiuta a  superare la vulnerabilità di spirito
  • Nera: difende dalle influenze negative
  • Rosa: favorisce la calma e la serenità d’animo
  • Verde: si consiglia per i processi di purificazione e disintossicazione spirituale

Combinazioni dell’Agata con altre pietre 

Se combinata con altre pietre, può diversificare le proprietà o aumentare le proprie. Ad esempio:

  • con il Quarzo rosa diventa simbolo di amore puro
  • con il Lapislazzuli placa i fastidi delle punture d’insetto
  • con il Cristallo di rocca diminuisce la febbre.
  • con il Quarzo citrino lavora per ritrovare l’ottimismo perduto

Come si pulisce l’Agata

Si può pulire l’agata prima di indossarla con semplice acqua tiepida corrente.

Non utilizzare detergenti di nessun tipo e soprattutto chimici.

Non posizionare accanto a fonti di calore, ma va conservata in un panno morbido, lontano dal contatto con altre pietre.

agata
Splendida sezione trasversale in cristallo di agata blu.

Agata e lo zodiaco

Questa è la pietra dei Gemelli, segno d’Aria. Il gemelli ha tra le sue qualità l’intelligenza, la logica, la capacità di comunicazione e tra i suoi limiti l’impazienza e la tendenza a nascondere la propria sensibilità e i propri difetti, apparendo a volte distaccati.

L’uso di questa pietra aiuta i nativi del Segno dei Gemelli ad aprirsi con gli altri con serenità ed ottimismo, superando inquietudini e timori.

Agata: storia e leggende

  • Già nel Neolitico veniva utilizzata per la realizzazione di oggetti e amuleti
  • I Babilonesi realizzavano gioielli
  • I greci e gli egizi la usavano a livello terapeutico.
  • I romani bevevano acqua con polvere di questo minerale, pensando che neutralizzasse il veleno dei serpenti.
  • Nel passato era credenza comune che la persona con questa pietra a contatto con la pelle fosse ben vista da Dio.

Altri minerali

Per scoprire le proprietà di tanti altri minerali e pietre in Cristalloterapia, leggete le nostre schede:

Giovanna Ferraresi

Siciliana di nascita (1970) e milanese di adozione dal 1988. Ha svolto tanti lavori e per ognuno di essi ha dato il meglio con passione e voglia di imparare. Fino al 2011: licenziata, separata, due figli. Anno della svolta: seguire la sua attitudine, la scrittura. Inizia per caso a lavorare come free lance per una casa editrice milanese specializzata in riviste tecniche. Scrive di edilizia e architettura per Imprese Edili e viene attirata dal mondo della bioedilizia e dell’architettura sostenibile (collabora anche con architetturaecosostenibile.it). Arriva la digitalizzazione, le riviste sono quasi totalmente online: si specializza e anche oggi continua a tenersi aggiornata, non smettendo mai di ascoltare, guardare e imparare.

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Pulsante per tornare all'inizio